? Speciale CoronaVirus ?

Coronavirus, studio Usa: ok a seconda dose con altro vaccino dopo la prima con J&J

Uno studio condotto dai National Institutes of Health americani non ha riscontrato particolari problemi. Ma serve una platea più ampia per confermare i risultati.

Uno studio dei National Institutes of Health americani ha analizzato la possibilità di usare dosi di vaccini anti-Covid diversi, gingendo alla conclusione che il siero monodose sviluppato da Johson & Johnson può essere seguito da una seconda dose di vaccino a mRna.

Advertisements

La ricerca è stata condotta su 458 adulti vaccinati con Pfizer, Moderna o J&J da almeno 12 settimane. I tre gruppi sono stati divisi in tre nuovi gruppi ai quali è stato somministrato uno dei vaccini disponibili come richiamo. Si sono così formati nove gruppi, ciascuno composto da circa 50 persone.

incontent-ad1">

A distanza di 15 giorni dal richiamo gli scienziati hanno analizzato i livelli degli anticorpi. Per le persone originariamente vaccinate con Johnson & Johnosn tali livelli erano quattro volte più elevatio dopo un richiamo J&J, 35 volte più alti dopo un richiamo Pfizer e 76 volte più alti dopo un richiamo Moderna. I livelli di anticorpi più alto in assoluto era registrato da chi aveva assunto come prima dose Moderna, “indipendentemente dal vaccino di richiamo somministrato”.

E’ stata inoltre evidenziata la mancanza di eventi avversi gravi. Il limite dello studio sta tuttavia nella platea analizzata: un numero di partecipanti limitato. Al momento la vaccinazione eterologa non è consentita negli Stati Uniti, mentre è già stata autorizzata da tempo in Italia. Solo Pfizer ha ricevuto l’autorizzazione alla terza dose per categorie specifiche di cittadini.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Rinnovo contratto sanità: la posizione di CGIL – CISL – UIL

E' proseguita oggi la trattativa per il rinnovo del CCNL del comparto Sanità, preceduta -nella…

26/01/2022

Gli infermieri eroi lavorano troppe ore: l’Asl di Torino non ha più soldi per pagare loro gli straordinari

Troppi infermieri effettuano ore di straordinario rischiando di mandare sul lastrico l’Azienda Sanitaria Locale di…

26/01/2022

Rinnovo contratto sanità. Fials “previsto incremento indennità pronta disponibilità di 8 centesimi ad ora: inaccettabile”

Fials, contratto sanità pubblica: aggiornamento sulla trattativa odierna Roma 26 gennaio 2022. Pronta disponibilità, lavoro…

26/01/2022

Coronavirus si trasmette ben oltre le distanze di sicurezza: la scoperta permetterà di ridurre il rischio infezione in ambienti chiusi

Arpa Piemonte e Università di Torino hanno sviluppato un nuovo metodo per il campionamento e l’analisi…

26/01/2022

Iniettava il vaccino nel batuffolo di ovatta per 150€: arrestati infermiere e operatore socio sanitario

Dopo i fatti di Palermo (vedi) e Trento (vedi) spunta un caso simile a Napoli…

26/01/2022

Milano, ospedale Galeazzi rinvia interventi a pazienti senza Green Pass rafforzato

E' quanto stabilisce una circolare dell’Istituto Ortopedico, firmata dal direttore sanitario Fabrizio Pregliasco e mostrata…

26/01/2022