? Speciale CoronaVirus ?

Coronavirus, la denuncia di Amnesty International: “Lavoratori delle Rsa messi a tacere per aver criticato la risposta alla pandemia”

Secondo una ricerca dell’Ong, condotta tra febbraio e agosto 2021, il ruolo del personale sanitario non sarebbe stato valorizzato durante la pandemia.

Da Amnesty International arriva la richiesta di un’inchiesta parlamentare indipendente sui decessi per coronavirus nelle Rsa italiane. Il relativo rapporto dell’organizzazione per i diritti umani parla di ritorsioni messe a tacere contro il personale sanitario delle case di cura per anziani, con conseguente peggioramento delle condizioni di lavoro, già aggravate dalla pandemia. I datori di lavoro avrebbero imposto il silenzio, effettuato licenziamenti ingiusti e adottato misure antisindacali.

Advertisements

La ricerca è stata condotta tra febbraio e agosto 2021, ascoltando 34 professionisti in servizio nelle strutture residenziali, oltre che avvocati, esperti del settore e sindacalisti. Ora una commissione d’inchiesta dovrebbe prendere in esame le gravi preoccupazioni sollevate dal personale e dai sindacati in tema di sicurezza, salute e precarie condizioni di lavoro.

“Le operatrici e gli operatori sanitari e sociosanitari delle strutture residenziali sono stati in prima linea nella lotta contro la pandemia, elogiati dal Governo italiano per il duro lavoro svolto in condizioni terribili – ricorda Marco Perolini, ricercatore di Amnesty International per l’Europa

occidentale –. Tuttavia queste stesse persone sono state ridotte al silenzio dai loro datori di lavoro quando hanno cercato di esprimere preoccupazione sul trattamento degli ospiti anziani e sulla propria sicurezza”.

Durante la pandemia, secondo l’Ong, il ruolo del personale sanitario non sarebbe stato valorizzato né dal punto di vista sociale né da quello politico, trattandosi spesso di donne, migranti o dipendenti costretti a lavorare in modo precario. Anche se la campagna di vaccinazione ha dato priorità a questi lavoratori nelle case di cura, molte delle loro preoccupazioni sono rimaste inascoltate.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021