Notizie primo piano

Caserta, infermiere preso a calci e pugni: ricoverato in prognosi riservata

L’aggressione, avvenuta al Pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano, è stata denunciata da Cisl Fp.

Aggredito all’interno del Pronto soccorso, un infermiere in servizio all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta è finito in prognosi riservata al reparto di Medicina d’urgenza. Lo denuncia la Cisl Fp, che ha proclamato lo stato di agitazione dei dipendenti del Pronto soccorso.

Due le persone denunciate in stato di libertà dai carabinieri: erano giunte nella struttura da circa un quarto d’ora, quando hanno iniziato a sollecitare l’intervento dei sanitari. L’infermiere – spiega la nota del sindacato a firma del segretario provinciale Franco Della Rocca e del segretario provinciale con delega alla Sanità, Nicola Cristiani – è stato colpito con “calci e pugni per non aver concesso all’aggressore, che è stato denunciato, di passare davanti nella fila al momento della registrazione al triage”. L’uomo “si è presentato al banco dichiarando di aver avuto un incidente, ma non avendo danni visibili gli è stato chiesto di rispettare le precedenze, cosa che ha scatenato la sua rabbia nei confronti dell’infermiere di turno”. Il lavoratore “sarebbe stato aggredito alle spalle da almeno un paio di persone e danni sono stati prodotti anche alla struttura”.

Sottolineano Della Rocca e Cristiani: “I lavoratori, in questo momento delicato in cui hanno subito trasformazioni e stress di ogni tipo, non possono assolutamente essere sottoposti a situazioni di pericolo e di inadeguatezza. Si chiede pertanto al direttore generale di mettere in atto ogni tipo di provvedimento e cautela utile a salvaguardare la sicurezza e l’incolumità degli operatori sanitari. È grave che il triage sia ancora posizionato praticamente al centro dell’area di attesa, all’esterno del Pronto soccorso e dunque in mezzo alla gente, alla mercé di chiunque arrivi anche con cattive intenzioni. È da molto tempo che la Cisl chiede la modifica di questa struttura è l’ampliamento dell’area triage”.

Il protagonista dell’aggressione è stato fermato. Per lui il magistrato ha disposto il trasferimento al penitenziario di Santa Maria Capua Vetere.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Covid-19, quasi 50.000 nuovi casi in UK ieri. Sotto accusa la nuova variante AY.4.2

Quasi 50.000 contagi ieri, oltre 200 morti oggi, al picco da marzo per quanto appesantiti…

19/10/2021

Psoriasi, identificati i fattori di rischio che ne favoriscono la comparsa

Su Alleati per la Salute è stato pubblicato un focus riguardante i trigger che possono…

19/10/2021

Infertilità femminile: iniezioni di plasma concentrato per favorire la gravidanza

La soluzione arriva dalla medicina rigenerativa. Se ne discuterà al prossimo Congresso Giovani SIMCRI. La…

19/10/2021

Vergallo (Presidente AAROI) sull’emergenza-urgenza “ci sono situazioni in cui gli infermieri possono praticare farmaci salvavita, senza sostituirsi al medico”

“Ci sono sistemi di emergenza-urgenza, in regioni come la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Veneto e…

19/10/2021

Alopecia e vitiligine: i nuovi orizzonti della fotoprotezione a basso impatto ambientale

Ne hanno parlato i dermatologi della SIDeMaST, riuniti in streaming al loro 95esimo Congresso. Formulazioni…

19/10/2021

Menopausa: nuova terapia basata su combinazione di due ormoni naturali

Il 17 beta estradiolo e il progesterone micronizzato hanno una struttura chimica identica a quella degli ormoni…

19/10/2021