Busta con due bossoli spedita al DG Asl Lecce, Rollo. Solidarietà della Fials Puglia

Rodolfo Rollo, direttore generale della Asl Lecce, vittima di atto di intimidazione, destinatario di una busta da lettera contenenti due bossoli di pistola spedita all’indirizzo della sua abitazione.

Nella lettera (anonima) la richiesta di prorogare i contratti di 30 dipendenti in scadenza. Rodolfo Rollo ha subito sporto denuncia.

Il direttore generale ha precisato che le procedure di reclutamento dei lavoratori interni all’Asl di Lecce, seguono degli iter complessi che non sono riferibili alla singola volontà del dg. Per questo, si continuerà a seguire tutte le procedure e le indicazioni, sia nazionali che regionali, che guidano gli iter in questione.

Manifestazione di solidarietà arrivate da parte di tutti. 

Di seguito la nota del Segr. Gen. della FIALS Puglia, Massimo Mincuzzi:

“apprendo con stupore e grande sdegno dell’esecrabile atto intimidatorio perpetrato nei tuoi confronti da mani ignote, le cui generalità spero vengano prontamente accertate dalla magistratura e dalle forze dell’ordine. ​

La vile minaccia nei confronti della Tua persona non può essere tollerata dai lavoratori della sanità pugliese e dalle Organizzazioni Sindacali, soprattutto perché viene motivata dal mancato rinnovo di contratti di lavoratori precari, scelta che evidentemente non è una Tua personale ma che è semplicemente l’adempimento del Tuo mandato secondo le direttive dell’istituzione regionale.   ​

Personalmente e unitamente a tutta la FIALS di Puglia, a partire dalla Segreteria Provinciale di Lecce, ti esprimo un sentimento di vicinanza e pieno sostegno rendendomi disponibile a partecipare a tutte le iniziative di condanna di ogni atto intimidatorio nei confronti della Tua persona. ​Insieme a tutta la FIALS mi auguro che questa brutta pagina possa essere archiviata presto, individuando i responsabili e condannandoli alle loro responsabilità. ​

Solidarietà e vicinanza esprimo anche alla Tua famiglia, che sicuramente vive con apprensione questi momenti terribili frutto solo dell’adempimento del dovere da parte di un manager della sanità pubblica pugliese”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La responsabilità penale dell’infermiere in psichiatria

Proponiamo un interessante contributo della nostra collaboratrice Antonella Perrucci. L’infermiere esperto in psichiatria è il…

08/08/2022

West Nile Virus, Iss: “Casi più che raddoppiati nell’ultima settimana”

Dall'Istituto Superiore di Sanità alcune preziose informazioni sull'infezione e su come prevenirla. L'Istituto Superiore di…

08/08/2022

Piemonte. Nursing Up “A Biella un solo infermiere per 15 posti letti all’OBI”

La carenza di personale nelle aziende sanitarie piemontesi è sempre più drammatica. A Biella un…

08/08/2022

Avellino, infermiere aggredito per aver invitato il fratello di un paziente a uscire dal Triage

L'episodio, accaduto qualche giorno fa all'ospedale Moscati, è stato raccontato da un collega all'associazione Nessuno…

08/08/2022

Omignano Scalo (Salerno), sindaco infermiere salva operaio a rischio di shock anafilattico

L'uomo aveva accusato un malore dopo essere stato punto da uno o più insetti. Provvidenziale…

08/08/2022

Abusi sull’infermiera narcotizzata: medico arrestato per violenza sessuale

Gravissima accusa per Andrea Carlo Pizzi, anestesista di 52 anni. "È la terza volta che fai…

08/08/2022