? Speciale CoronaVirus ?

AstraZeneca solo agli over 60, Pfizer o Moderna per il richiamo ai più giovani

A seguito di una “valutazione accurata, scrupolosa e meticolosa di tutte le evidenze di letteratura disponibili, il Cts ha raccomandato, per quel che riguarda le prime dosi di vaccinazione, di riservare il vaccino AstraZeneca a coloro che hanno un’età uguale o superiore a 60, riservando i vaccini ad mRNA alla fascia” al di sotto di tale soglia. A spiegarlo è stato  Franco Locatelli, Presidente del Consiglio superiore di sanità (Css) e coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts). Per quanto riguarda la seconda dose da inoculare ai soggetti già vaccinati con AstraZeneca, “tutti i dati disponibili indicano che i fenomeni trombotici dopo la seconda dose sono straordinariamente rari. Tuttavia, considerata la disponibilità di piattaforme vaccinali alternative e ispirandosi ad un principio di massima cautela per andare a tutelare, come sempre con un’attenzione suprema, la salute degli italiani, si è deciso di dare la raccomandazione di impiegare la stessa dose dello stesso vaccino per i soggetti over 60”, mentre per chi ha meno di 60 anni, “pur in assenza di segnali di allerta preoccupanti rispetto allo sviluppo di queste patologie”, verrà considerata “l’ipotesi della vaccinazione “eterologa”, ovvero con una diversa tipologia di vaccino“. Questo sarà possibile perché “vi sono dei dati che indicano come il profilo di sicurezza e la risposta immunitaria generata da questo approccio abbiano buone evidenze”.

Ad oggi, circa il 45% della popolazione che vive in Italia ha ricevuto almeno una dose di vaccino e quasi 1 italiano su 4 ha completato il ciclo.

Advertisements

Il Ministro Roberto Speranza ha anticipato che firmerà in serata il passaggio di Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Provincia autonoma di Trento in zona bianca: “A breve circa la metà della popolazione italiana – ha spiegato il Ministro della Salute durante la conferenza stampa – sarà in zona bianca. Questo è un segnale importante e incoraggiante, che ci fa capire che siamo sulla strada giusta. Questi risultati – ha continuato – sono effetto di una campagna di vaccinazione che va molto positivamente nel nostro Paese. I vaccini sono lo strumento più importante per uscire da questa situazione”.

Fonte: sanitainformazione.it

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Coronavirus, via libera dell’Ema alla pillola Pfizer

Dall'Agenzia europea per i medicinali arriva la raccomandazione all'immissione in commercio di Paxlovid: "Benefici superiori…

28/01/2022

Nursing Up, vicenda infermieri e falsi vaccini “ferma condanna”

Sanità, Nursing Up De Palma: «Infermieri coinvolti nella recente vicenda di finte vaccinazioni a cittadini…

28/01/2022

Tesi “Indagine conoscitiva sull’assistenza infermieristica ricevuta dalle donne durante l’aborto”

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

28/01/2022

Sciopero in tutta Italia degli infermieri

Il nostro giornale seguirà la manifestazione raccogliendo le dichiarazioni del segretario nazionale del Nursind Andrea…

28/01/2022

Esenzione dal vaccino anti Covid per i sanitari: serve l’attestazione del medico

Il chiarimento di Opi Firenze - Pistoia sul tema Firenze, 27 gennaio 2022 – «Gli infermieri possono…

27/01/2022

No Vax offendono e minacciano due infermieri

ROMA, 27 GEN - "Le minacce al personale sanitario? Sono graffi sul cuore". Così il…

27/01/2022