Antibiotico-resistenza, Brusaferro (Iss): “Abbiamo un piano per contrastarla”

Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità ne ha parlato durante il suo interveto all’evento dal titolo “Planetary e Amr. Verso una nuove strategia per affrontare le sfide di salute globale”.

“Per l’antimicrobico-resistenza abbiamo un piano. Abbiamo messo in piedi un sistema di sorvegliata, collegato anche al Covid, che parla di casistica, di monitoraggio, sequenziamenti di situazione epidemiologica anche livello ambientale, per la gestione del rischio. E questo piano è una grande opportunità da traslare, una volta finita la pandemia, anche nei confronti dell’antimicrobico resistenza. E c’è anche il tema della gestione del rischio, noi stiamo valutando l’efficacia delle misure adottate durante la pandemia, e questo è uno degli approcci scientifici necessari per capire se le scelte che facciamo hanno un impatto. E’ importante avere dei professionisti sempre pronti ad affrontare l’emergenza”. Così Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), intervenuto all’evento dal titolo “Planetary e Amr. Verso una nuove strategia per affrontare le sfide di salute globale”, realizzato da The European House – Ambrosetti con il contributo di Pfizer e di bioMérieux.

Advertisements

“Dal punto di vista dell’uso di antibiotici – ha continuato Brusaferro –, in base ai dati, l’Italia ha margini di miglioramento significativi e presenta una grande differenza tra regioni. Si è dotata di un piano di contrasto all’antibiotico-resistenza, che stiamo rinnovando, e disponiamo di una serie di strumenti, anche messi a punto in pandemia, che potranno aiutare in futuro. Per contrastare l’antibiotico-resistenza dobbiamo affrontare il problema non solo dal punto di vista umano, ma anche ambientale e animale, in base al concetto di One Health. La salute è un unicum e questo è un grande insegnamento della pandemia”

.  

Anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha inviato un messaggio per l’occasione: “Bisogna aprire una nuova stagione di investimenti per il Servizio sanitario nazionale. E provare ad avere una nuova visione, la strategia One Health, quella che mette insieme esseri umani, ambiente animali è quella giusta. L’antimicrobico resistenza è il tema di oggi, dobbiamo investire nella ricerca. Ci dobbiamo lavorare insieme, con sinergie tra pubblico e privato. I vaccini, le conquiste degli ultimi mesi sono il risultato straordinario delle sinergie. Dobbiamo mettere a sistema le potenzialità della ricerca, insieme le attività del privato con il pubblico. Rovesciare la crisi di questo tempo in una opportunità di rilancio: le condizioni per farlo ci sono. Serve un patto globale come stiamo facendo con il G20 per la ripartenza globale”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Avellino, due infermieri e un medico presi a calci e schiaffi in Pronto soccorso. La condanna del Nursind

E' accaduto all'ospedale Moscati. Protagonista, una paziente in stato di ebbrezza. Il sindacato sollecita l'adozione…

30/01/2023

La dott.ssa Pizzo presenta la tesi sulla gestione infermieristica dei pazienti affetti da tumore del pancreas

La dott.ssa Alessia Pizzo consegue la laurea in infermieristica presso l'Università della Campania "L. Vanvitelli"…

29/01/2023

In Campania meno di 200 infermieri per 6.471 detenuti

Sanità, Nursing Up De Palma. Report Infermieri-Carceri italiane. "In Campania scoperchiamo un vero e proprio…

28/01/2023

La nutrizione parenterale: tutto quello che c’è da sapere

Oggi parliamo di un argomento molto importante per noi infermieri, perché è un qualcosa che…

28/01/2023

Aggressioni a medici, infermieri e oss: il ridicolo balletto della politica

Non passa ormai giorno che non si abbia notizia di aggressioni al personale sanitario, soprattutto…

27/01/2023

New York – New Jersey, casi di autismo quintuplicati negli ultimi 20 anni

Il dato, bisognoso di verifiche più approfondite, emerge da uno studio della Rutgers School of…

27/01/2023