? Speciale CoronaVirus ?

Aifa: per Vaccino Pfizer e Moderna intervallo seconda dose fino a 42 giorni

L’Agenzia Italiana del Farmaco ribadisce che l’intervallo “ottimale tra le dosi è, rispettivamente, di 21 giorni per il vaccino Comirnaty di Pfizer-BionTech e di 28 giorni per il Vaccino COVID-19 Moderna“. Tuttavia, “qualora tuttavia si rendesse necessario dilazionare di alcuni giorni la seconda dose, non è possibile superare in ogni caso l’intervallo di 42 giorni per entrambi i vaccini a mRNA“.

Aifa, inoltre, ribadisce che per ottenere una protezione ottimale è necessario completare il ciclo di vaccinazione con la seconda dose.

La Commissione tecnico scientifica dell’Aifa ha allegato il parere alla nuova circolare del ministero della Salute ‘Vaccinazione anti Sars-CoV2′. Nel parere, “valutata la richiesta pervenuta dal Commissario Straordinario

per l’emergenza Covid-19 in merito alla possibilità di estendere l’intervallo temporale tra la prima e la seconda somministrazione dei vaccini a mRNA – si legge – la CTS ribadisce che l’intervallo ottimale tra le dosi è, rispettivamente, di 21 giorni per il vaccino Comirnaty e di 28 giorni per il Vaccino COVID-19 Moderna (come indicato nei rispettivi Riassunti delle caratteristiche del prodotto RCP)). Qualora tuttavia si rendesse necessario dilazionare di alcuni giorni la seconda dose, la Commissione precisa che, in accordo con quanto scritto in RCP e con quanto già dichiarato dall’Organizzazione mondiale della sanità, non è possibile superare in ogni caso l’intervallo di 42 giorni per entrambi i vaccini a mRNA”.

Fonte: Ansa

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Ungheria: migliaia di infermieri in sciopero contro bassi stipendi e carenza di personale

Sono stati migliaia gli infermieri ad essere scesi in piazza in Ungheria, in una gigantesca…

54 minuti ago

Sanità. Prolungati i termini della Legge Madia

Passa al Senato la modifica della Legge Madia: prolungati i termini della stabilizzazione dei precari…

9 ore ago

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze

Innovativa tecnica ottica per l’indagine macroscopica ad alta risoluzione. Pubblicazione su Nature Methods a cura…

21 ore ago

CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi

La variante Delta del coronavirus, in aumento negli Stati Uniti, sembra causare disturbi più gravi…

21 ore ago

Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze…

21 ore ago

Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?

Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all'utilizzo quotidiano della mascherina, o…

22 ore ago