Aids: disponibile primo anticorpo monoclonale a lunga azione

ROMA, 22 OTT – E’ disponibile in Italia il primo anticorpo monoclonale (ibalizumab) a lunga azione contro l’HIV.

La novità è stata resa nota in occasione del Congresso ICAR – Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, in corso a Riccione.

E’ stata infatti pubblicata il 19 ottobre in Gazzetta Ufficiale la determina in merito dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Ibalizumab, in associazione a uno o ad altri antiretrovirali, è indicato per il trattamento di adulti con infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV-1) resistente ai medicinali, per i quali non sarebbe altrimenti possibile predisporre un regime antivirale soppressivo.


Ibalizumab, anticorpo monoclonale, agisce con un meccanismo d’azione innovativo: blocca l’infezione da parte dell’HIV-1 dei linfociti T CD4+ interferendo con le fasi successive al legame necessarie per l’ingresso delle particelle del virus dell’HIV-1 nelle cellule ospiti. In tal modo impedisce la trasmissione virale che si verifica attraverso la fusione cellula-cellula. (ANSA)



Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Congresso nazionale Nursind, Bottega confermato alla guida del sindacato

Dall'evento romano è giunta la conferma all'unanimità per il segretario uscente. Nel corso dell’VIII Congresso…

09/12/2022

#InfermierInPillole. Ma in fondo, cos’è un farmaco?

Come iniziare la nostra rubrica, se non con la base? Li maneggiamo, li prepariamo, li…

08/12/2022

Concorso pubblico per 57 Oss su OssNews24

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale ARES Sardegna n. 3283 del 3/11/2022, ai sensi del D.P.R.…

08/12/2022

Legislazione infermieristica: Legge 1° febbraio 2006, n. 43

Questa norma prende il nome di “Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative,…

08/12/2022

“Hanno combattuto il Covid per due anni. Ora gli infermieri di famiglia dell’Asl Foggia rischiano di restare a casa”

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di uno di loro, che preferisce rimanere anonimo. A casa…

08/12/2022

La dott.ssa Mostarda consegue il master in “infermiere di famiglia” presenta la tesi sulla presa in carico e la continuità assistenziale delle persone affette da SLA

Grande successo per il nostro progetto editoriale denominato NeXT che permette ai neolaureati in medicina, infermieristica e…

08/12/2022