Infermieri

Vergallo (Presidente AAROI) sull’emergenza-urgenza “ci sono situazioni in cui gli infermieri possono praticare farmaci salvavita, senza sostituirsi al medico”

“Ci sono sistemi di emergenza-urgenza, in regioni come la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Veneto e la Toscana, nei quali l’infermiere, laddove non ci sia il medico a bordo del mezzo di soccorso, possa comunque agire in una sorta di autonomia relativa: può mettere in atto i primissimi provvedimenti che sono indispensabili nelle situazioni più critiche, possono praticare dei farmaci salvavita e intervenire sul dolore in fase precoce. E non c’è nessuna usurpazione della professionalità medica”

Dichiarazioni che non arrivano dal mondo dell’infermieristica, ma sono espresse da un medico del sistema di emergenza-urgenza. Il dottor Alessandro Vergallo è, ancor di più, il presidente nazionale dell’AAROI (l’associazione dei medici di anestesia e rianimazione), quindi è voce autorevole nel dibattito di queste settimane sulla necessità di ridisegnare il sistema italiano di emergenza-urgenza, vecchio di 30 anni.

Un contributo alla discussione, anche per il cammino parlamentare del nuovo disegno di legge, è arrivato dal recente secondo congresso nazionale dell’emergenza-urgenza, ospitato a Riva del Garda.

Advertisements

Già in quell’occasione il dottor Vergallo aveva detto chiaramente che i sistemi di emergenza-urgenza più avanzati (quelli nei quali la professionalità infermieristica viene valorizzata) non rappresentano una usurpazione del lavoro del medico. Concetto che ribadisce in questa intervista rilasciata Nurse Times.

“In regioni più avanzate – spiega – sappiamo che negli ultimi anni si è assistito ad un’evoluzione del sistema di emergenza-urgenza che ha dato il giusto riconoscimento professionale al personale infermieristico che proviene, generalmente, da aree cosiddette critiche dell’ospedale e che si occupa di pazienti critici o comunque in condizioni tali da richiedere tempestività e specificità d’intervento. Stiamo parlando di infermieri che provengono dai pronto soccorso e dalle rianimazioni.

E’ evidente – aggiunge il dottor Vergallo – che proprio sulla professionalità degli infermieri impiegati nel sistema di emergenza territoriale 118 deve basarsi la ridefinizione di un sistema che, anche nella parte medica, non può non avere altrettanta specificità”.

Concetto che viene dettagliato dal presidente nazionale di AAROI: “Non possiamo pensare che se i professionisti infermieri che lavorano in questo sistema, nella stragrande maggioranza d’Italia, sono di provenienza ospedaliera, mentre i medici, soprattutto nel sud Italia, provengano dalla medicina del territorio perché si creerebbe una discrasia fra le due figure nell’espletare l’attività in team multidisciplinare”.

Ragionamento che ha già attirato sul presidente dell’AAROI le critiche per una presunta demedicalizzazione del sistema di emergenza-urgenza.

“Dobbiamo alzare le varie asticelle dei mezzi di soccorso – spiega Vergallo – ad un livello più alto di prestazioni, in relazioni a chiamate che siano appropriate”. E qui torna l’esempio sui sistemi più avanzati (quelli di Lombardia, Toscana, Veneto ed Emilia Romagna): “Dove non c’è il medico a bordo del mezzo di soccorso, l’infermiere può agire in una sorta di autonomia relativa, ricordando che diagnosi e terapia conseguente sono di competenza medica. Ma la valutazione dei parametri vitali e poter praticare dei farmaci salvavita nelle situazioni più critiche, dopo l’inquadramento del caso quello è compito che possono svolgere gli infermieri. E’ ovvio – conclude Vergallo – che laddove serve il medico, nelle situazioni che investono il servizio 118, è evidente che deve poter intervenire con altri livelli di competenza rispetto a quelli che sono propri”.

Redazione Nurse Times

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Terremoto all’Ordine dei Medici Roma: AADOSS procede al commissariamento per corruzione

L’Associazione Avvocatura Degli Operatori Sanitari e Socio-Sanitari (AADOSS) gemella dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri (AADI), ha…

30/06/2022

Sanità. AISF – Presentate le nuove linee guida per la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) 

"Dal punto di vista diagnostico, abbiamo definito degli algoritmi di triage per identificare i pazienti…

30/06/2022

Emergenza infermieri in Italia: proposte di ripresa e sviluppo della professione

Si è tenuto il 22.06.2022 a Milano presso la Sala Pirelli l'evento organizzato dall'associazione “Orgogliosamente Infermieri”(OMINF) dal…

30/06/2022

Audizione Fnopi in Commissione d’inchiesta sul femminicidio al Senato: 5 proposte per contenere la violenza di genere

Infermieri in prima linea l'odioso fenomeno. La Federazione lancia anche l'allarme anziani. Gli infermieri di…

30/06/2022

Lodi, pubblica il video di un balletto in corsia su TikTok: operatrice trasferita in un altro ospedale

Il provvedimento del direttore generale dell'Asst è motivato dal nuovo regolamento interno sull'uso dei social.…

30/06/2022

Infermieristica, cala il numero di laureati. Mastrillo (UniBo): “Per la prima volta negli ultimi 11 anni è sotto 10mila”

Da noi contattato, il docente in Organizzazione delle professioni sanitarie all'Università di Bologna si dice…

30/06/2022