Massimo Randolfi

Recupero liste d’attesa, Salutequità: “Ministero Salute vigili sul rispetto della scadenza per l’invio dei Piani regionali”

Il presidente Aceti chiede che le Regioni provvedano entro il 24 febbraio e ricorda i dati su sospensioni/rinvii di interventi, visite ed esami procrastinabili per i pazienti non Covid.

Tonino Aceti (foto), presidente di Salutequità, chiede attraverso una nota che il ministero della Salute vigili sul rispetto da parte delle Regioni della nuova scadenza del 24 febbraio per l’invio dei Piani regionali di recupero delle liste di attesa, auspicando “il tempestivo controllo formale, e soprattutto sostanziale, del contenuto” degli stessi Piani da parte dei ministeri competenti. Inoltre chiede di “sviluppare un cruscotto pubblico per rendere trasparente l’andamento dell’attività di recupero delle liste d’attesa e dell’utilizzo delle risorse stanziate da parte delle Regioni”.

Advertisements

La presentazione da parte delle Regioni dei Piani, per i quali sono stati stanziati 500 milioni di euro, era stata inizialmente fissata al 15 settembre 2020, e poi più volte rimandata fino all’ultima proroga al 24 febbraio a fronte delle difficoltà di alcune Regioni nel rimodularli entro i termini. Tale proroga, precisa la nota, arriva a valle di un ulteriore periodo particolarmente difficile per i pazienti non Covid. Molte Regioni, infatti, tra dicembre 2021 e gennaio/febbraio 2022, a fronte del ciclico picco del contagio, hanno sospeso ancora una volta le cure programmabili per far fronte, durante il picco, all’assistenza dei pazienti Covid.

Al 9 gennaio 2022 erano circa 17 le Regioni che avevano deciso sospensioni/rinvii di interventi, visite ed esami procrastinabili. Aceti ricorda in proposito i dati dell’Osservatorio Nazionale Screening: le prestazioni effettuate tra gennaio 2020 e maggio 2021 si sono ridotte rispetto al 2019 del 35,6% per la cervice, del 28,5% per mammella, del 34,3% per il colon retto. La stima delle lesioni tumorali che potrebbero subire un ritardo diagnostico è invece pari a 3.504 lesioni CIN2+, 3.558 carcinomi mammari, 1.376 carcinomi colorettali e oltre 7.763 adenomi avanzati del colon retto.

Da una prima analisi dei Piani emergono importanti differenze tra le Regioni. La Valle d’Aosta, ad esempio, conta di recuperare entro giugno 2022 il 30% delle prestazioni, un altro 30% entro ottobre e un altro 30% entro dicembre. Invece il Molise non ha definito un cronoprogramma.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

San Giovanni Rotondo (Foggia), rara malattia neurologica diagnosticata a profugo ucraino

Yevstakhii Zelinskyi, per gli amici Stas, è ricoverato da cinque mesi all’Irccs Casa Sollievo della…

28/09/2022

Nursing Up: “Pronto soccorso italiani nel caos e infermieri costretti a navigare nella tempesta”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a cura del sindacato. "Siamo alle prese con un…

28/09/2022

Colesterolo, un killer silenzioso: il 40% degli italiani lo sottovaluta

Lo evidenzia una ricerca di Sanofi e SWG sulla percezione delle malattie cardiovascolari. Silenzioso, invisibile…

28/09/2022

Malattie infettive in ortopedia, Sitop: “Frequenti e di difficile gestione”

Se ne parlerà durante il XXIV congresso nazionale della Società italiana di ortopedia e traumatologia…

28/09/2022

Vaccino anti-Covid, lo studio: “Tracce di Rna messaggero nel latte materno”

Ricercatori americani hanno osservato la presenza di mRna nel latte di mamme vaccinate entro sei…

28/09/2022

Coronavirus, Tar Emilia Romagna: “Corretta nuova sospensione del medico no vax non ancora vaccinato a 90 giorni dall’infezione”

L'ordinanza del Tribunale amministrativo regionale conferma la decisione di Omceo Bologna. Un'ordinanza del Tar Emilia…

28/09/2022