Infermieri

L’Oss somministra la terapia orale al paziente sbagliato: è colpa dell’infermiere?

Un recente caso disciplinare ha impegnato l’Ufficio Legale dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri.

Un’infermiera è stata accusata dal datore di lavoro di non aver supervisionato adeguatamente la somministrazione di una terapia orale ai pazienti. L’accusa sosteneva che l’infermiera avesse permesso a un Operatore Socio-Sanitario (OSS) di somministrare la terapia al posto suo, il che ha portato all’errore di somministrare la terapia a un paziente errato.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


L’accusa includeva anche il danno d’immagine subito a causa delle lamentele dei parenti dei pazienti colpiti e la potenziale minaccia di una vertenza legale dovuta all’errore farmacologico commesso.

Riprendiamo i passaggi legali dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri

Si tratta di una infrazione grave? È responsabile l’infermiere? È responsabile l’OSS?

  1. L’OSS non è responsabile della terapia nel senso che non deve prepararla, ma quando l’OSS porta la terapia al paziente sbagliato allora se ne assume tutta la responsabilità, in pieno, perché l’errore non cade sulla terapia ovvero sulla scelta del farmaco e sulla preparazione degli stessi (farmaco giusto, dose giusta, modalità di somministrazione giusta, assenza di scadenza, ecc.), ma sulla destinazione della terapia ovvero sull’individuazione del giusto paziente, in quanto l’OSS aveva preso la terapia sbagliata, credendo che fosse quella giusta, e l’ha portata al paziente sbagliato, credendo che fosse quello giusto. L’errore, quindi, può cadere sull’identificazione del paziente sbagliato (con la terapia giusta) oppure sui medicinali sbagliati (con il paziente giusto). In questi casi, l’errore definito aberratio causae, non è imputabile all’infermiere, il quale ruolo è limitato alla preparazione della giusta terapia e, se lui stesso l’ha somministra, agli errori aberranti – Cass. IV Pen., 10 aprile 2013 n. 529.
  2. L’assegnazione della terapia all’OSS è comunque lecita perché la legge stabilisce che sia l’infermiere a prepararla, ma l’OSS di aiutare la paziente ad assumerla, così come prevede l’all. A dell’Accordo Conferenza Stato-Regioni 22 settembre 2001: “Su indicazione del Personale preposto è in grado di aiutare per la corretta assunzione dei farmaci prescritti …”.
  3. L’unica colpa che può essere addebitata all’infermiere riguarda quella in vigilando, ma non in eligendo perché l’OSS si presume in grado di consegnare delle pasticche già preparate. Solo quando l’OSS è chiamato a collaborare con l’infermiere per eseguire una prestazione inconsueta, infrequente o complessa, allora è dovere dell’infermiere istruire e seguire l’OSS nell’esecuzione della particolare prestazione.
  4. Giova ad attenuare la responsabilità dell’infermiere allertare immediatamente il medico dimostrando il senso di protezione proteso verso il malato (posizione di garanzia) e prodigarsi per prevenire reazioni avverse ai farmaci.

La procedura disciplinare si è risolta con un semplice richiamo.

Redazione NurseTimes

Segui il nostro gruppo Telegram “Concorsi e avvisi per infermieri e Oss”

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Volpe (Opi Taranto) difende il Direttore Generale dell’ASL di Taranto: “La spesa farmaceutica non può causare la decadenza”

Il presidente Volpe interviene sul turnover dei Direttori generali delle Asl pugliesi. “Lo sforamento della…

18/07/2024

Scoperto ormone che rafforza le ossa: nuovo alleato nella cura di fratture e osteoporosi

Un ormone appena scoperto, chiamato Maternal Brain Hormone (CCN3) e capace di mantenere forti le ossa…

18/07/2024

Morso di cobra, il nuovo antidoto è un vecchio farmaco: l’eparina

Il morso del cobra è letale per migliaia di persone nel mondo ogni anno. E…

18/07/2024

Cancro, nuova terapia ne aggira le difese mascherando gli anticorpi

Mascherare gli anticorpi che combattono il cancro all’interno delle molecole che il cancro stesso usa…

18/07/2024

Servizio mensa e turni di notte, Asl Toscana Centro condannata a risarcire 16 dipendenti

"Altro che causa pilota, la sentenza che dispone il pagamento della mensa a infermieri e…

18/07/2024

Ambulanza presa a sassate dopo l’intervento per soccorrere un ferito: follia a Bellaria Igea Marina (Rimini)

Al culmine di una rissa, avvenuta nella notte tra martedì e mercoledì a Bellaria Igea…

18/07/2024