Notizie primo piano

Infiammazioni intestinali: i benefici prodotti dal ceppo LA1 del Lactobacillus acidophilus

I risultati di recenti ricerche ne dimostrano l’efficacia anche contro la colite.

Un team di ricercatori ha scoperto che un particolare ceppo del batterio probiotico Lactobacillus acidophilus, denominato LA1, può avere effetti positivi per quanto riguarda i disturbi infiammatori intestinali provocati dalla permeabilità intestinale. I ricercatori descrivono questa loro scoperta in uno studio apparso sull’American Journal of Pathology.

L’epitelio intestinale, il rivestimento interno dell’intestino, è una sorta di barriera che ci difende da agenti dannosi che possono provocare innanzitutto infiammazioni, prima fra tutte la malattia infiammatoria intestinale (IBD). Quando sorgono difetti di questa barriera si arriva a una condizione denominata permeabilità intestinale, una caratteristica che prolunga e rende ancora più dannosa l’infiammazione. Secondo i ricercatori il ceppo LA1 del Lactobacillus acidophilus sembra procurare un potenziamento prolungato di questa barriera quando difettata, ripristinandola e avendo effetti molto positivi sull’infiammazione.

Altri ceppi dello stesso batterio, nel corso degli esperimenti attuati dai ricercatori, non avevano invece tali effetti. Questo ceppo sembra interagire in maniera particolare con le cellule

dell’intestino, attivando percorsi che alla fine portano a un rafforzamento della barriera intestinale. Lo fa attaccandosi alla superficie dell’epitelio e interagendo con il complesso dei Recettori Toll-simili (Toll-Like Receptor, TLR). Questi ultimi sono proteine recettrici che difendono il corpo umano dagli agenti estranei, innescando le risposte immunitarie.

Il ceppo LA1, in esperimenti condotti sui topi, si rivelava efficace anche contro la colite e, in generale, era in grado di prevenire la formazione di infiammazione del colon, come spiega Thomas Ma, ricercatore del College of Medicine della Penn State che ha partecipato allo studio: “Le implicazioni dei presenti risultati sono che questo ceppo batterico può essere utilizzato in un’ampia varietà di disturbi della permeabilità intestinale, tra cui IBD, celiachia, malattia epatica alcolica, steatosi epatica non alcolica ed enterocolite necrotizzante, per trattare l’infiammazione associata all’intestino permeabile”.

Redazione Nurse Times

Fonte: Notiziescientifiche.it

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Campobasso, nuova piattaforma interventistica guidata da immagini attiva al Gemelli Molise

Il dispositivo, chiamato Azurion, permette una visione più accurata, esponendo il paziente e il personale…

01/12/2021

Austria, pugno duro contro i no vax: multe salatissime in vista

Oltre all'obbligo vaccinale, che scatterà il 1° febbraio, il governo di Vienna intende introdurre sanzioni…

01/12/2021

Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere

L'episodio, riferito dal segretario generale di Fns Cisl Lazio, è avvenuto in carcere. Dopo aver finto…

01/12/2021

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30 giorni. 107 infermieri ogni 24 ore si infettano»

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30…

01/12/2021

Taranto: Delusione degli idonei al concorso per Operatori in Sanitaservice: sit-in di protesta dei sindacati

"IL LAVORO CONTESO" non è il titolo di un film ma è l'amara delusione dei…

01/12/2021

Variante Omicron, l’Europa corre ai ripari

Nonostante le rassicurazioni da Israele sull'efficacia della terza dose di vaccino, la nuova mutazione spaventa…

01/12/2021