Infermieri

Il 65% degli Svizzeri votano si al referendum per adeguare gli stipendi degli infermieri

Sanità Nursing Up De Palma: «In Svizzera sono stati i cittadini, in queste ore, con un incredibile e partecipato referendum, a decidere per l’adeguamento degli stipendi degli infermieri. E l’Italia cosa fa per i suoi operatori sanitari?».

ROMA 29 NOV 2021 – «Due realtà geograficamente così vicine ma diametralmente opposte, almeno in questo preciso momento storico.

Da una parte la Svizzera, che per far fronte alla carenza di personale infermieristico, circa 11mila unità, promuove addirittura un referendum popolare, per affidare ai cittadini elvetici l’ultima parola sulla ricostruzione di una professione che riveste un ruolo cruciale per il futuro del Paese. Il nome della campagna referendaria, “cure infermieristiche forti”, che ha ottenuto il sì con oltre il 60% delle preferenze, lascia intendere chiaramente quali siano gli obiettivi da raggiungere.

Advertisements

Dall’altra una Italia, la nostra Italia, dove gli infermieri, vedi il recente caso del bando dell’Asl Città di Torino, disertano addirittura i concorsi pubblici, rispondendo in poco più di 400 all’ennesima proposta poco dignitosa di un contratto a termine, dimostrando di essere sì pronti e consapevoli di dover affrontare una nuova possibile ondata di Covid, ma nel contempo logorati e tremendamente afflitti dal dover sempre tendere le mani per chiedere ciò che spetta loro legittimamente. Insomma, queste aziende sanitarie italiane non sono in grado di garantire nemmeno un contratto a tempo indeterminato e con le carenze che ci sono questo e’ il colmo…»

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up.

«E così, mentre gli infermieri italiani continuano a camminare sui carboni ardenti delle incertezze e del precariato, in Svizzera sembra giunto a conclusione il referendum popolare dove i cittadini partecipano direttamente alla ricostruzione sanitaria, e dove pare trionfare il sì con oltre il 65% delle preferenze. Ciò che vince, tra le altre cose, è un consono adeguamento degli stipendi infermieristici, che allo stato già arrivano anche alla ragguardevole cifra di 3500 Euro, a fronte dei 1400 di quelli italiani, investimenti sulla formazione e, finalmente, una libera professione anche per gli infermieri ospedalieri, che potranno anche rilasciare fattura.

Fino a prima di questo referendum, in linea di principio, potevano fatturare soltanto le prestazioni prescritte da un medico.

Praticamente in Svizzera applicano oggi la ricetta che Nursing Up propone da 1 anno e mezzo qui in Italia.

Chiediamo al Ministro della Salute Roberto Speranza, di introdurre le necessarie modifiche alla vigente disciplina, affinché agli infermieri pubblici dipendenti venga consentito di svolgere

attività libero professionale analogamente a quanto già accade per i medici affinché, così come saggiamente sta facendo la Svizzera, gli stessi possano contribuire con tutta la loro professionalità a sostenere le sorti di un sistema sanitario in condizioni di criticità.

Per quanto attiene alle strutture pubbliche, il Ministro Brunetta ha, ora, l’opportunità di dimostrare con i fatti quanto apprezza gli sforzi profusi dagli infermieri italiani, quanto tiene a cuore la nostra professionalità , il nostro spirito etico e soprattutto può dar prova di rendersi conto che la ricostruzione della sanità è legata a filo doppio alle funzioni professionali infermieristiche:  la qualità e la crescita del sistema sanitario del presente e del futuro non può prescindere dalla valorizzazione della nostra categoria. 

Insomma, questo è un momento cruciale anche per la sanità italiana. In ARAN si stanno decidendo le sorti contrattuali dei 269mila infermieri del SSN e non pare proprio che a loro si stia rivolgendo una degna attenzione da parte delle pubbliche amministrazioni.

Chiediamo, pertanto, al Ministro Brunetta di dare indicazioni concrete all’ARAN, ora è indispensabile, affinché gli infermieri vengano collocati nell’area elevata qualificazione del contratto della sanità, oppure affinché veda la luce l’area contrattuale dedicata alle professioni infermieristiche e sanitarie, oltre alle tre già ipotizzate nella corrente trattativa. Oggi una qualsiasi delle due ipotesi è possibile, dopo le modifiche legislative del DL 80/2021.

Ci aspettiamo, pertanto, un intervento del Ministro Brunetta sull’ARAN, al fine di scongiurare che questo contratto, che Brunetta intende chiudere tempestivamente, si concluda negativamente, a danno degli infermieri. 

Per scongiurare tutto questo, caro Ministro è arrivato il momento di tracciare una svolta nel presente e nel futuro degli infermieri di casa nostra», chiosa De Palma. 

Redazione NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

I NoVax colpiscono ancora: teschi sul volto di Capitan Vaccino per terrorizzare i bambini

Un teschio "appicciato" sul volto di capitan Vaccino, il personaggio cartoon scelto da Regione Liguria per…

16/01/2022

È un infermiere il nuovo Direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell’ULSS 8 Berica

ll dott. Achille Di Falco è il nuovo Direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell’ULSS 8 Berica.…

16/01/2022

Il Covid-19 causa disfunzione erettile e riduzione della lunghezza del pene. I risultati della ricerca

Che il Covid-19 fosse in grado di colpire numerosi organi e apparati è cosa ormai…

16/01/2022

Arrestata un’altra infermiera a Palermo che fingeva di vaccinare

Coinvolta insieme all'infermiera già coinvolta qualche settimana fa (VEDI articolo) Arrestata dalla Digos di Palermo…

16/01/2022

Dita nel naso dei contagiati e cene con i positivi per evitare il vaccino. Tutte le ultime follie dei NoVax

BELLUNO - Accanto alla cena con positivo, proposta giorni fa da qualche utente su facebook, arriva…

15/01/2022

Emergenza Covid a Napoli. Cardarelli: avviso pubblico per 20 infermieri

In esecuzione della Delibera n° 16 del 12/01/2022 è indetto avviso pubblico, per soli titoli,…

15/01/2022