NT News

Fp Cgil Veneto: “Salta il vincolo di esclusività. Grave danno per la sanità pubblica”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a cura del sindacato Fp Cgil Veneto

È uscito in questi giorni il rapporto Agenas sul personale del Ssn relativo all’anno 2020. A impressionare sono i dati relativi alle due principali professioni del nostro servizio sanitario. Parliamo di medici e infermieri. Nel contesto europeo, scrive Agenas, il nostro Paese domina le graduatorie per numero di medici che praticano attivamente la professione: 4 medici ogni 1.000 abitanti, contro i 3,17 della Francia e numeri per Spagna (4,58) e Germania (4,47), simili ai nostri. Completamente opposto il dato relativo agli infermieri rispetto ai medesimi Paesi europei: 6,2 infermieri per 1.000 abitanti in Italia, contro gli 11 della Francia e i 13 della Germania per 1.000 abitanti.

«Di fronte a questo quadro europeo di grave carenza – sottolinea Sonia Todesco, della Fp Cgil Veneto -, anziché invertire la rotta, sostenendo e incentivando una maggior offerta formativa, anche con costi interamente a carico dello Stato, il Governo italiano, col Decreto legge del 28 marzo u.s., apre alla deregolamentazione del servizio pubblico, togliendo tout court il vincolo di esclusività agli operatori sanitari fino al 2025».

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Il personale sanitario dipendente dal Ssn potrà quindi aprirsi la partita Iva e lavorare per il privato dopo o prima il suo orario di lavoro in azienda. Lo potrà fare anche per quel privato palesemente in concorrenza, e quindi in conflitto di interesse col servizio pubblico. Il Governo, infatti, oltre a togliere il vincolo di esclusività (lavorare solo per il servizio pubblico), deroga anche all’art. 53 del D.lgs 165/2001, che individua le attività extraistituzionali assolutamente vietate e quelle che possono essere svolte solo previa autorizzazione (incompatibilità relative).

«Un regalo gigantesco al privato – spiega Todesco -, che produce prestazioni sanitarie e un danno, ancora incalcolabile, al servizio pubblico. Ben oltre le regole imposte alla dirigenza medica, che già con l’intramoenia stanno di fatto mettendo in evidenza come l’accessibilità e l’universalità del nostro Ssn, siano diritti non più garantiti a tutti i cittadini, ma siano invece fortemente condizionati dalla possibilità di pagarsi privatamente la cura, anche all’interno degli ospedali pubblici».

Continua Sonia Todesco: «Ad analizzarlo bene, il Decreto legge, si nota come per le due categorie professionali, medici e operatori sanitari del comparto (infermieri, ostetriche, fisioterapisti…) siano state trovate soluzioni completamente opposte. Da una parte, con l’art. 11, il Governo prevede l’aumento a 100 euro l’ora per le prestazioni aggiuntive dei soli medici svolte all’interno dell’azienda, mentre nulla viene previsto per il personale sanitario del comparto. Lo Stato rinuncia quindi allo straordinario contributo che dava e avrebbe potuto ancora dare il personale del comparto, sempre all’interno delle aziende sanitarie, all’abbattimento delle liste di attesa. Dall’altra parte si consegna la possibilità di aumentare il proprio reddito, con l’art. 13, al privato».

Oggi in Veneto la tariffa media oraria per una prestazione aggiuntiva di un infermiere (ad esemio in sala operatoria) non è fissata né per legge né per contratto nazionale, ma da tariffe aziendali (peraltro una diversa dall’altra), e si aggira attorno ai 35 euro lordi.

«Come Fp Cgil Veneto – prosegue la sindacalista -, abbiamo chiesto alla Regione di valutare la fattibilità di una norma regionale che regolamenti e fissi una tariffa dignitosa anche per il personale del comparto, perché a tutt’oggi l’istituto è normativamente molto fragile. Con l’abolizione del vincolo di esclusività è probabile che l’attività prestata oggi in regime di “prestazione aggiuntiva” dal personale infermieristico in Veneto (ad esempio l’attività di sala operatoria aggiuntiva per l’abbattimento delle liste di attesa) verrà a cessare. Il privato, a caccia di utili, sarà disposto a pagare bene questo personale che, immesso senza vincoli nel mercato, sceglierà la remunerazione migliore».

Ancora Todesco: «Oltre al danno, la beffa. Non solo non aumenterà l’attività nelle aziende pubbliche, ma è probabile che calerà anche quella aggiuntiva che c’era prima, compresa quella dei medici, che molto spesso necessitano degli operatori sanitari del comparto. Perché il Governo, in condizioni di grave carenza, non ha operato nella medesima direzione della dirigenza medica, fissando una tariffa che incentivi quella parte di personale interessato a prestare orario aggiuntivo in azienda?».

La risposta non può essere che mancano le risorse, visto che sempre il medesimo Decreto legge, all’art. 8, prevede che le imprese beneficino, sui costi dei dispositivi medici, di oltre 1 miliardo sui 2,2 (payback), che avrebbero dovuto restituire alle Regioni. A coprire il miliardo nei bilanci regionali sarà la solita  fiscalità generale. Entro 60 giorni il Decreto legge dovrà essere convertito in legge, pena decadenza. Vedremo come la Regione Veneto si comporterà di fronte a una norma fortemente negativa per le sue aziende sanitarie.

Redazione Nurse Times

Rimani aggiornato con Nurse Times, seguici su:
Telegram –  https://t.me/NurseTimes_Channel
Instagram –  https://www.instagram.com/nursetimes.it/
Facebook –  https://www.facebook.com/NurseTimes. NT
Twitter –  https://twitter.com/NurseTimes

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Puglia. Terremoto in Giunta Regionale: si dimette l’assessore della sanità

In un comunicato stampa l’assessore regionale Pugliese si dimette e ringrazia il presidente Michele Emiliano…

23/04/2024

Asst Valle Olona, nei pronto soccorso debutta la figura del caring assistant

L'Asst Valle Olona ha deciso di introdurre nei pronto soccorso dei suoi ospedali, cominciando da quelli…

23/04/2024

Pozzuoli (Napoli): paziente picchia una oss e marito devasta il Pronto soccorso

Nuovo episodio di violenza ai danni del pesonale sanitario nel Napoletano, per l'esattezza all'ospedale Santa…

23/04/2024

Pesaro, donna picchia un’infermiera e scatena il caos in Pronto soccorso

Nella notte tra sabato e domenica una 32enne di origini straniere, apparentemente senza motivo, ha…

23/04/2024

Premio “Giovane Infermiere SISM”: opportunità per chi ha discusso una tesi su sclerosi multipla, neuromielite ottica o MOGAD

Il panorama della sclerosi multipla (SM), della neuromielite ottica (NMOSD), della MOGAD e di altre…

23/04/2024

Tragedia sul lavoro: Soccorritore del 118 muore durante intervento a Monterotondo

Una tragedia ha scosso la comunità del 118 con la perdita improvvisa del 57enne Roberto…

23/04/2024