Fibrillazione atriale, a San Giovanni Rotondo approda la tecnica di ablazione “Convergent”

E’ stata eseguita su due pazienti di 41 e 45 anni all’Irccs Casa Sollievo della Sofferenza.

Nella sala operatoria della Cardiochirurgia dell’Irccs Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia) è stata eseguita per la prima volta, su due pazienti di 41 e 45 anni, la tecnica di ablazione “Convergent”, la più innovativa metodica mininvasiva per la fibrillazione atriale (FA), che combina il lavoro del cardiochirurgo e quello del cardiologo elettrofisiologo.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


La FA è un tipo di aritmia che causa irregolarità nel ritmo cardiaco e che, pur non essendo rischiosa di per sé, può causare eventi trombotici e coaguli che se finiscono in circolo possono provocare anche ictus cerebrali o ischemie. La FA viene solitamente trattata con terapia farmacologica o mediante cardioversione elettrica, quando non basta bisogna ricorrere all’ablazione.

La nuova tecnica di ablazione, eseguita a San Giovanni Rotondo dal cardiochirurgo francese Kostantinos Zannis, primario dell’IMM di Parigi, e dal cardiochirurgo di Casa Sollievo, Michele Palladino, è applicabile soltanto ai casi di fibrillazione atriale isolata, cioè non associata a patologia valvolare, e si sta diffondendo anche grazie alla possibilità di eseguire l’intervento di ablazione evitando la sternotomia (apertura dello sterno).

La “Convergent” si articola in due fasi. In sala operatoria il chirurgo effettua, con un accesso mininvasivo, un’ablazione con radiofrequenza

della parete posteriore dell’atrio sinistro del cuore per isolare le aree che generano l’impulso elettrico “errato”, i cosiddetti “foci aritmogeni”. A distanza di tre mesi il lavoro viene completato dal cardiologo elettrofisiologo, che effettua una ablazione transcatetere delle vene polmonari con crioablazione.

“Questa nuova metodica completa il ventaglio di trattamenti che siamo in grado di offrire per trattare la FA – ha spiegato Mauro Cassese, che dirige l’Unità di Cardiochirurgia dell’Irccs Casa Sollievo della Sofferenza –. In questi primi anni di esecuzione della nuova metodica, che fino ad ora in Italia era disponibile solamente in altri tre istituti ospedalieri, è emerso che da questa sinergica collaborazione cardiochirurgo-elettrofisiologo si ottiene una risoluzione dell’aritmia in circa l’80% dei pazienti trattati. Vanno sottolineati anche i risvolti positivi per il paziente, che oltre a eliminare il rischio tromboembolitico potrà sospendere la terapia anticoagulante e con i beta-bloccanti, che hanno un impatto considerevole sulla qualità di vita”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Sostituzione via catetere della valvola tricuspide: al Monzino il primo intervento in Italia

La valvola tricuspide può essere sostituita con una protesi senza aprire il torace. È quanto avvenuto al Centro…

20/02/2024

GEN Biotechnology: la rivista open access sul settore biotecnologico

GEN Biotechnology è una rivista open access dedicata alla ricerca e allo sviluppo del settore…

20/02/2024

Neuralink annuncia i primi risultati: controllo del mouse con il pensiero

Sono trascorse poche settimane da quando Neuralink, l'azienda di Elon Musk che si occupa di…

20/02/2024

Giornata nazionale del personale sanitario, Nursind: “Ricordarne il sacrificio investendo nel Ssn”

“Il diritto alla salute non avrebbe gambe solide su cui camminare senza personale sanitario, a…

20/02/2024

Elicio Therapeutics sviluppa promettente vaccino terapeutico contro il cancro

Elicio Therapeutics, una spin-out del MIT, ha recentemente sviluppato un nuovo vaccino contro il cancro…

20/02/2024

Scandalo false lauree in Romania: diventavano infermieri senza frequenza e tirocinio

Un'indagine svela un intricato sistema di falsificazioni che ha permesso a cittadini italiani di ottenere…

20/02/2024