Cittadino

Esame delle feci: tipologie, scale di valutazione e interpretazione dei risultati

In medicina, le feci possono essere classificate in diversi tipi in base alle loro caratteristiche. Una delle classificazioni più comuni è la scala di Bristol, che suddivide le feci in sette tipi principali.

Questa scala si basa sull’aspetto e sulla consistenza delle feci e può aiutare a valutare la normale funzione intestinale. Tuttavia, è importante ricordare che la classificazione delle feci può variare a seconda dei diversi sistemi di classificazione utilizzati.

Ecco una descrizione più dettagliata dei sette tipi di feci secondo la scala di Bristol:

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


  • Tipo 1: Feci separate, dure e a grumi. Sono spesso difficili da eliminare e possono indicare stipsi o problemi di transito intestinale lento.
  • Tipo 2: Feci a forma di salsiccia, ma grumose. Sono comunque considerate feci dure e possono essere indicative di stipsi.
  • Tipo 3: Feci a forma di salsiccia con crepe superficiali. Sono considerate feci normali.
  • Tipo 4: Feci a forma di salsiccia liscia e morbida. Questo è considerato il tipo ideale di feci e indica una buona funzione intestinale.
  • Tipo 5: Feci morbide, a pezzi, con bordi ben definiti. Anche questo tipo è considerato normale.
  • Tipo 6: Feci a pezzi, morbide e sbriciolate con contorni irregolari. Potrebbero indicare una funzione intestinale accelerata o una lieve diarrea.
  • Tipo 7: Feci liquide, completamente liquide senza pezzi solidi. Questo tipo di feci è considerato diarrea.

Le altre scale di valutazione

Oltre alla scala di Bristol, esistono altre scale di valutazione delle feci utilizzate in campo medico. Ecco alcune delle più comuni:

  1. Scala di Amsterdam: Questa scala si basa sulla consistenza delle feci e ne classifica sei tipi, dall’hard stool (materia fecale dura) al watery stool (materia fecale acquosa). È spesso utilizzata nella valutazione della funzione intestinale in pazienti affetti da disturbi intestinali come la sindrome dell’intestino irritabile.
  2. Scala di Dublino: Questa scala si concentra sulla forma e sulla consistenza delle feci, suddividendole in otto categorie. Va da feci dure e separate a feci liquide completamente formate.
  3. Scala di Gazzard: Questa scala valuta le feci in base a sette categorie, concentrandosi sulla consistenza e sul contenuto di liquido delle feci. Può essere utilizzata per valutare la gravità della diarrea.

Queste sono solo alcune delle scale di valutazione delle feci utilizzate in medicina. È importante sottolineare che l’interpretazione delle feci e la valutazione della funzione intestinale richiedono spesso una valutazione clinica completa e non dovrebbero essere basate esclusivamente sulla scala di classificazione utilizzata.

Alcuni esempi di tipologie delle feci con i relativi nomi medici

  1. Melena: Rappresenta feci di colore nero, appiccicose e alquanto viscide. È spesso associato a sanguinamento nel tratto gastrointestinale superiore, come l’esofago, lo stomaco o l’intestino tenue.
  2. Steatorrea: Si riferisce alle feci che contengono una quantità eccessiva di grassi, rendendole appiccicose, maleodoranti, di colore chiaro o grigiastro. È spesso associato a malfunzionamenti dell’assorbimento dei grassi nell’intestino.
  3. Ematochezia: Indica la presenza di sangue rosso vivo nelle feci, che può essere indicativo di sanguinamento nel tratto intestinale inferiore, come il colon o l’ano.
  4. Feci mucoidi: Queste feci presentano un rivestimento di muco che può essere trasparente, giallastro o biancastro. La presenza di muco nelle feci può essere associata a vari disturbi intestinali, come l’infiammazione o l’infezione.
  5. Feci diarroiche: Rappresentano feci liquide o semiliquide, spesso associate a un aumento del transito intestinale o a disturbi gastrointestinali come l’infezione intestinale.

Questi sono solo alcuni esempi di tipologie delle feci che possono essere osservate.

L’esame delle feci può fornire indicazioni sullo stato di salute e possono indicare la presenza di diverse patologie o condizioni.

Alcuni esempi includono:

  1. Sanguinamento gastrointestinale: La presenza di sangue nelle feci, sia sotto forma di melena (feci nere e appiccicose) che di ematochezia (sangue rosso vivo nelle feci), può essere indicativa di sanguinamento nel tratto gastrointestinale superiore o inferiore. Questo può essere causato da condizioni come ulcere, polipi, diverticolosi, emorroidi, tumori o malattie infiammatorie intestinali.
  2. Malassorbimento intestinale: Le feci possono presentare caratteristiche specifiche, come l’aumento del contenuto di grassi (steatorrea), in caso di malassorbimento intestinale. Questa condizione può essere causata da disturbi come la celiachia, la malattia di Crohn, la sindrome dell’intestino corto o la pancreatite.
  3. Infezioni gastrointestinali: Le feci possono presentare cambiamenti nell’aspetto, nella consistenza o nell’odore in presenza di infezioni gastrointestinali, come infezioni batteriche, virali o parassitarie. Diarrea, feci acquose, presenza di muco o sangue nelle feci possono essere segni di infezioni.
  4. Disbiosi intestinale: La disbiosi intestinale si verifica quando l’equilibrio dei batteri benefici nell’intestino viene alterato. Questa condizione può influenzare l’aspetto delle feci, con cambiamenti nella consistenza, nell’odore o nella presenza di muco.
  5. Malattie infiammatorie intestinali (MII): Le MII, come la malattia di Crohn e la colite ulcerosa, possono manifestarsi con sintomi gastrointestinali, tra cui diarrea cronica, presenza di muco o sangue nelle feci, dolore addominale e perdita di peso. Le feci possono presentare caratteristiche anormali in caso di MII.

È importante sottolineare che le feci possono variare notevolmente in base a diversi fattori, tra cui la dieta, i farmaci e altri disturbi non correlati.

Il colore delle feci

Può variare e talvolta può essere influenzato da diverse patologie o condizioni. Ecco alcuni esempi:

  1. Sanguinamento gastrointestinale superiore: Se c’è un sanguinamento nel tratto gastrointestinale superiore, come nello stomaco o nell’esofago, le feci possono apparire nere e appiccicose, formando una condizione chiamata melena. Questo colore scuro è dovuto alla degradazione del sangue durante il passaggio attraverso il tratto digestivo.
  2. Sanguinamento gastrointestinale inferiore: Un sanguinamento nel tratto gastrointestinale inferiore, come nel colon o nell’ano, può causare sangue rosso vivo nelle feci, noto come ematochezia. In questo caso, le feci possono apparire di colore rosso o avere tracce di sangue visibili.
  3. Malattia epatica: La presenza di malattie epatiche, come la cirrosi o l’epatite, può influenzare il colore delle feci. Le feci possono apparire di colore chiaro o grigio (acholico) a causa di un’alterata produzione o escrezione della bile, che è responsabile del colore normale delle feci.
  4. Problemi di assorbimento dei grassi: Condizioni come la celiachia, la malattia di Crohn o la pancreatite possono interferire con l’assorbimento dei grassi nell’intestino. Ciò può causare feci di colore chiaro o grigio, poiché i pigmenti della bile non vengono adeguatamente eliminati nelle feci.
  5. Infezioni gastrointestinali: Alcune infezioni gastrointestinali, come l’infezione da Clostridium difficile, possono provocare feci di colore giallastro o verde.

Tuttavia, è importante notare che il colore delle feci può anche essere influenzato dalla dieta, dall’assunzione di farmaci, dagli integratori o da altre condizioni non correlate alle patologie.

Raccolta del campione a fini diagnostici

La raccolta di un campione di feci per fini diagnostici o di screening richiede un’adeguata procedura. Ecco una guida generale su come raccogliere un campione di feci:

  1. Utilizzare un contenitore pulito e sterile: Assicurati di avere a disposizione un contenitore sterile progettato specificamente per la raccolta delle feci. Puoi ottenerlo presso un laboratorio di analisi cliniche o chiedere al tuo medico o al personale sanitario.
  2. Lavare le mani: Prima di iniziare la raccolta, lava accuratamente le mani con acqua e sapone per ridurre il rischio di contaminazione.
  3. Raccogliere il campione: Idealmente, è meglio raccogliere il campione di feci direttamente nel contenitore fornito. Utilizza un dispositivo per raccogliere una piccola porzione delle feci, preferibilmente da diverse parti del campione. Assicurati che la porzione raccolta sia sufficiente per l’analisi richiesta.
  4. Evitare la contaminazione: Evita di toccare l’interno del contenitore con le mani o con altri oggetti per prevenire la contaminazione del campione. Assicurati che il coperchio del contenitore sia ben sigillato per mantenerlo sterile.
  5. Etichetta il contenitore: Scrivi sul contenitore il tuo nome completo, la data e l’ora della raccolta del campione. Queste informazioni sono importanti per l’identificazione e l’elaborazione corretta del campione.
  6. Conservazione e trasporto: Segui le istruzioni specifiche fornite dal laboratorio per la conservazione e il trasporto del campione. In genere, è necessario consegnare il campione al laboratorio entro un breve periodo di tempo per garantire l’accuratezza dei risultati.

È importante seguire attentamente le istruzioni fornite dal laboratorio o dal professionista sanitario specifico per assicurarsi di raccogliere il campione in modo corretto e igienico. Questo aiuterà a garantire la precisione dei risultati dell’analisi delle feci.

Ruolo degli operatori sanitari

L’infermiere svolge un ruolo importante nella raccolta delle feci e supporta i pazienti durante questo processo:

  1. Istruzioni e preparazione: L’infermiere fornisce istruzioni dettagliate al paziente su come raccogliere correttamente il campione di feci. Ciò include informazioni sulla procedura di raccolta, sulla sterilizzazione del contenitore e sull’etichettatura corretta. L’infermiere chiarisce eventuali dubbi o preoccupazioni del paziente.
  2. Privacy e comfort: L’infermiere crea un ambiente privato e confortevole per il paziente durante la raccolta delle feci. Questo può includere la disponibilità di un bagno privato o di un’apposita area per la raccolta.
  3. Supporto e rassicurazione: L’infermiere fornisce supporto emotivo al paziente durante il processo di raccolta delle feci. Possono rassicurare il paziente, spiegare l’importanza del campione e rispondere alle domande o alle preoccupazioni che possono sorgere.
  4. Igiene e sicurezza: L’infermiere promuove l’igiene e la sicurezza durante la raccolta delle feci. Ciò include l’educazione del paziente sull’importanza del lavaggio delle mani prima e dopo la raccolta e l’uso di contenitori sterili per prevenire la contaminazione.
  5. Monitoraggio e assistenza: Durante il processo di raccolta delle feci, l’infermiere può monitorare il paziente, verificando il suo stato di salute e fornendo assistenza in caso di bisogno. Possono valutare la necessità di ulteriori indicazioni o assistenza nel caso in cui il paziente abbia difficoltà nella raccolta del campione.
  6. Documentazione: L’infermiere documenta accuratamente il processo di raccolta delle feci, inclusi i dettagli dell’istruzione fornita, il momento della raccolta e ogni altra informazione rilevante.

L’infermiere svolge un ruolo di supporto cruciale durante la raccolta delle feci, assicurandosi che il paziente si senta a suo agio e che il campione venga raccolto in modo corretto e igienico.

Ruolo dell’operatore Socio sanitario

L’operatore Socio Sanitario svolge un ruolo essenziale nella raccolta del campione di feci per fini diagnostici. Le sue responsabilità includono:

  1. Preparazione del paziente: L’operatore Socio Sanitario spiega al paziente l’importanza del campione di feci e fornisce le istruzioni necessarie per la corretta raccolta.
  2. Raccolta del campione: L’operatore Socio Sanitario guida il paziente nella corretta raccolta del campione di feci, fornendo un contenitore sterile e assicurandosi che sia correttamente etichettato.
  3. Igiene e sicurezza: Durante la raccolta, l’operatore Socio Sanitario segue rigorosamente le norme igieniche e le precauzioni per prevenire la contaminazione del campione.
  4. Documentazione: L’operatore Socio Sanitario registra accuratamente i dettagli della raccolta, inclusi il nome del paziente, l’ora e la data.
  5. Trasporto del campione: Dopo la raccolta, l’operatore Socio Sanitario si assicura che il campione sia trasportato in modo sicuro e tempestivo al laboratorio per l’analisi.

La raccolta accurata del campione di feci è fondamentale per ottenere risultati diagnostici affidabili e contribuisce alla salute generale del paziente.

Redazione Nurse Times

Seguici su:

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Se i medici Italiani sono tra i più poveri d’Europa, gli infermieri vicini alla soglia di povertà

Salute, Nursing Up De Palma: «Medici italiani tra i più poveri d’Europa con 110mila euro…

12/07/2024

Trapianto di cornea per infezione da funghi, nuova tecnica alimenta le speranze di successo

In oltre la metà dei casi il trapianto di cornea in seguito a un’infezione da…

12/07/2024

Sclerosi multipla: l’importanza di riconoscere i sintomi iniziali

La sclerosi multipla (SM) è una malattia cronica che colpisce il sistema nervoso centrale, in particolare…

12/07/2024

Tragedia a Roma: infermiera muore durante il turno. Sindacati denunciano turni massacranti

Antonella Cutini, infermiera di 51 anni, è morta mentre era in servizio all’Istituto Fisioterapico Ospedaliero…

12/07/2024

Ausl Modena: avviso pubblico per incarichi temporanei di infermiere

L'Ausl Modena ha indetto un avviso pubblico, per titoli ed eventuale colloquio, finalizzato all'instaurazione di…

12/07/2024

Asp Cosenza, assoluzioni e prescrizioni per i dipendenti del Distretto di Rogliano accusati di assenteismo

Si è concluso, davanti al Tribunale penale di Cosenza, il processo, durato sei anni, che…

12/07/2024