Notizie primo piano

Epilessia: il ruolo attivo svolto dal microbiota intestinale

La scoperta, che certifica l’importanza del cosiddetto asse intestino-cervello, è merito di un team multidisciplinare dell’Ateneo di Verona.

Un team multidisciplinare dell’Ateneo di Verona ha dimostrato come l’epilessia induca il cambiamento del microbiota intestinale. Inoltre ha dimostrato come questo microbiota alterato possa facilitare la patologia in soggetti precedentemente liberi da crisi epilettiche. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Epilepsia, organo ufficiale della Lega internazionale contro l’epilessia (Ilae), recentemente valutata come una delle dieci riviste più rilevanti nell’ambito della ricerca neurologica del mondo (JCR,2020).

La scoperta, che testimonia l’importanza del cosiddetto asse intestino-cervello, è opera di una equipe composta da ricercatori di tre diverse sezioni del dipartimento di Neuroscienze, biomedicina e movimento: il gruppo afferente alla sezione di Istologia, coordinato da Paolo Fabene e Giuseppe Bertini, con il contributo dei colleghi Massimo Donadelli (sezione di Biochimica) e Giovanni Malerba (sezione di Genetica). I docenti hanno guidato una squadra di giovani ricercatrici: Francesca Mengoni, Valentina Salari e Inna Kosenkova.

data-loading-strategy="prefer-viewability-over-views" width="100vw" height=320 data-ad-client="ca-pub-6770255177958859" data-ad-slot="2300043726" data-auto-format="rspv" data-full-width>

Il gruppo veronese ha individuato un ruolo attivo del microbiota intestinale nella patogenesi dell’epilessia. L’impatto diretto del trapianto in soggetti sani di microbiota proveniente da soggetti affetti da una patologia epilettica ha causato nei soggetti riceventi un aumento di probabilità di sviluppare crisi epilettiche in una sorta di collegamento diretto fra intestino e cervello.

“Si tratta di un importante contributo a un campo di ricerca in rapida espansione – spiega Paolo Fabene, docente di Istologia –. Il microbiota, cioè l’insieme delle colonie batteriche che popolano il corpo umano, ha un ruolo essenziale nell’omeostasi dell’organismo, sia in condizioni fisiologica che in patologia. I batteri non sono semplicemente ‘ospiti’ o ‘commensali’, ma parte attiva di un’orchestra che può, in seguito a stimoli ambientali anche sub-clinici, stonare”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Mieloma multiplo, disponibili anche in Italia gli anticorpi farmaco-coniugati

GSK annuncia l'arrivo di belantamab mafodotin, una delle “armi” intelligenti contro la seconda neoplasia ematologica…

01/12/2021

Campobasso, nuova piattaforma interventistica guidata da immagini attiva al Gemelli Molise

Il dispositivo, chiamato Azurion, permette una visione più accurata, esponendo il paziente e il personale…

01/12/2021

Austria, pugno duro contro i no vax: multe salatissime in vista

Oltre all'obbligo vaccinale, che scatterà il 1° febbraio, il governo di Vienna intende introdurre sanzioni…

01/12/2021

Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere

L'episodio, riferito dal segretario generale di Fns Cisl Lazio, è avvenuto in carcere. Dopo aver finto…

01/12/2021

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30 giorni. 107 infermieri ogni 24 ore si infettano»

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30…

01/12/2021

Taranto: Delusione degli idonei al concorso per Operatori in Sanitaservice: sit-in di protesta dei sindacati

"IL LAVORO CONTESO" non è il titolo di un film ma è l'amara delusione dei…

01/12/2021