Coronavirus, maggiore trasmissibilità delle varianti: proteggere anche vaccinati e guariti

Il ministero della Salute ha emesso una circolare sulla diffusione dei nuovi ceppi di Covid-19.

Dare priorità alla ricerca e alla gestione dei casi di Covid-19 sospetti/confermati da variante e identificare tempestivamente sia i contatti ad alto rischio (contatti stretti) che quelli a basso rischio. È quanto prevede la nuova circolare del ministero della Salute sulla diffusione delle varianti di SARS-CoV-2. Si indica inoltre di eseguire un test molecolare ai contatti (ad alto e basso rischio) il prima possibile dopo l’identificazione e al 14esimo giorno di quarantena, per un ulteriore rintraccio di contatti, “considerando la maggiore trasmissibilità delle varianti”, e di “non interrompere la quarantena al decimo giorno”.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), l’emergenza di nuove varianti di SARS-CoV-2 “sottolinea l’importanza, per chiunque, compresi coloro che hanno avuto l’infezione o che sono stati vaccinati, di aderire rigorosamente alle misure di controllo sanitarie e socio-comportamentali”, indica la nuova circolare del ministero. Inoltre, si legge, il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc)

, ritiene “molto alta” la probabilità di introduzione e diffusione in comunità nei Paesi Ue delle varianti e in particolare di quella inglese, e l’impatto dell’introduzione in comunità delle varianti in Ue è ritenuto “alto”.

Il Centro europeo per il controllo delle malattie, ai fini del monitoraggio delle varianti del virus SARS-CoV-2, raccomanda di sequenziare “almeno circa 500 campioni selezionati casualmente ogni settimana a livello nazionale”, seguendo delle priorità, a partire dagli “individui vaccinati contro SARS-CoV-2 che successivamente si infettano nonostante una risposta immunitaria al vaccino”. L’isolamento virale delle varianti di SARS-CoV-2 “deve essere effettuato nei laboratori P3 (livello di biosicurezza 3) per prevenire la diffusione accidentale di una variante attraverso l’esposizione in laboratorio” e i laboratori devono aumentare la capacità di sequenziamento “sfruttando tutta la capacità di sequenziamento possibile da laboratori clinici, diagnostici, accademici e commerciali”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Malaria: speranze di eradicazione da nuovo anticorpo monoclonale

Si chiama L9LS e ha fornito riscontri positivi in uno studio di fase I pubblicato…

09/08/2022

“Il bambino va dove diciamo noi”: autista, medico e infermiere del trasporto neonatale di emergenza aggrediti al Santobono di Napoli

Ai parenti non andava bene la destinazione del piccolo, giunto all'ospedale in assistenza respiratoria: minacce…

09/08/2022

San Giovanni Rotondo (Foggia), bimbe chiamano i soccorsi e salvano papà: “Sta molto male, prendete un’ambulanza”

Dopo uno shock emorragico e un mese trascorso a Casa Sollievo della Sofferenza, il 45enne…

09/08/2022

Infermiera svolgeva funzioni di chirurgo in Rsa: condannata la coordinatrice

La Corte di Cassazione ha riconosciuto il perpetrato abuso della professione medica con il benestare…

09/08/2022

La responsabilità penale dell’infermiere in psichiatria

Proponiamo un interessante contributo della nostra collaboratrice Antonella Perrucci. L’infermiere esperto in psichiatria è il…

08/08/2022

West Nile Virus, Iss: “Casi più che raddoppiati nell’ultima settimana”

Dall'Istituto Superiore di Sanità alcune preziose informazioni sull'infezione e su come prevenirla. L'Istituto Superiore di…

08/08/2022