? Speciale CoronaVirus ?

Coronavirus, a Prato lo studio su due farmaci noti per ridurre i ricoveri

Il progetto dell’Asl Toscana Centro punta a favorire il trattamento a domicilio di pazienti Covid con sintomi lievi.

A Prato è in fase avanzata un progetto dell’Asl Toscana Centro per sperimentare due tipi di farmaci, già in uso per altre patologie, nel trattamento a domicilio di pazienti Covid con sintomi lievi. Nel gruppo di ricerca operano professionisti della sanità territoriale e dell’ospedale Santo Stefano.

In particolare, spiega l’Asl, per le forme lievi di Covid e per evitare l’ospedalizzazione non emergono ancora terapie efficaci nel prevenire l’aggravamento. Però questa ricerca sta proprio progettando due farmaci, di cui al momento non viene reso noto il nome dalle autorità sanitarie, che potrebbero, combinati insieme, aiutare questo fronte della cura anti-Covid. Il progetto terapeutico, però, potrà avere la sua sperimentazione clinica solo dopo la validazione da parte del Comitato etico. Se questo trattamento sarà approvato, recherà vantaggi importanti, potendo essere applicato a domicilio sia dai medici di medicina generale sia dalle Usca.

ad-wrapper amp-ad-wrapper-rspv amp_ad_1 ampforwp-incontent-ampforwp-incontent-ad ampforwp-incontent-ad1">

“Siamo consapevoli che continueremo ad avere nuovi pazienti positivi sul territorio – spiega Giancarlo Landini, direttore del Dipartimento delle Specialistiche mediche della stessa Asl -. Disporre di una terapia antinfiammatoria conosciuta e sicura che blocchi la malattia verso stadi più avanzati, sarebbe quindi l’ideale. La nostra Asl ha la capacità e i numeri per mettere in campo una simile iniziativa. Inoltre si rafforza la collaborazione ospedale-territorio, che è la sfida del prossimo futuro per superare l’emergenza sanitaria”.

Aggiunge Fabrizio Cantini, direttore di Reumatologia dell’ospedale di Prato: “Lo scopo è di cercare di impedire che la malattia evolva verso la forma più severa. Se la sperimentazione darà i frutti sperati, quali la riduzione di almeno del 10% dei casi con progressione verso la forma severa di malattia, e di conseguenza la riduzione del numero dei ricoveri, ne deriveranno ovvi vantaggi per pazienti e strutture sanitarie”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Colpo di scena: l’ex infermiera Poggiali viene assolta e scarcerata

La Corte di assise di appello di Bologna ha assolto Daniela Poggiali, l'ex infermiera di…

25/10/2021

Ictus ischemico da fibrillazione atriale, dati indicativi di sicurezza per un avvio precoce di una terapia con anticoagulanti orali diretti

Iniziare una terapia con anticoagulanti orali diretti (DOAC) poco dopo un ictus ischemico acuto o…

25/10/2021

Covid, Vaccinati e non vaccinati: i dati Iss

Anche le persone vaccinate possono contrarre il coronavirus, ma il rischio che la malattia evolva…

25/10/2021

Green pass: Federfarma, minacce quando si eseguono tamponi

"C'è una minoranza di persone che quando viene a fare il tampone protesta e minaccia".…

25/10/2021

Aids: disponibile primo anticorpo monoclonale a lunga azione

ROMA, 22 OTT - E' disponibile in Italia il primo anticorpo monoclonale (ibalizumab) a lunga…

25/10/2021

Basilicata, via libera all’infermiere di famiglia e comunità: la soddisfazione di Opi Potenza

La presidente dell'Ordine potentino, Serafina Robertucci, commenta il parere favorevole espresso in Regione sulla proposta…

25/10/2021