? Speciale CoronaVirus ?

“Che non vi venga in mente di vaccinarmi”: a Torino abbondano i pazienti Covid no vax

Giungono in ospedale con gravi complicazioni da Covid, ma non vogliono saperne del vaccino. L’ultimo caso è quello di una donna over 50 intubata al Mauriziano.

Talmente preoccupata di poter essere vaccinata a sua insaputa da dire ai medici: “Che non vi venga in mente di vaccinarmi”. E’ accaduto al Pronto soccorso dell’ospedale Mauriziano di Torino, dove una donna over 50, ricoverata con gravi sintomi da coronavirus e subito intubata, ha voluto mettere le cose in chiaro riguardo all’eventuale vaccino anti-Covid, sfidando anche la paura della rianimazione e della morte.

Advertisements

L’episodio è stato raccontato a Repubblica dal primario del Pronto soccorso, Domenico Vallino: “Una storia estrema, perché è evidente che a nessuno di noi sarebbe mai venuto in mente di somministrare il vaccino a una persona con Covid in quelle condizioni. Una storia che rispecchia il livello di difesa e arroccamento a cui possono arrivare alcunie persone”.

Come rivelato dallo stesso primario, sono tanti i pazienti giunti in Pronto soccorso con polmonite o difficoltà respiratorie che hanno deciso di non vaccinarsi e che difendono con determinazione la loro scelta. La signora in questione, ossessionata dall’idea di un vaccino somministrato in un momento in cui non avrebbe potuto scegliere liberamente, è stata poi ricoverata in Terapia intensiva all’ospedale Martini

, dove la stanno curando.

Di casi simili se ne contano molti nei Pronto soccorso di tutte le strutture ospedaliere torinesi, confermati dai direttori di reparto. “Abbiamo mediamente un paziente al giorno che risulta positivo al Covid – prosegue Vallino –. Sono praticamente tutti non vaccinati. Pochi giorni fa è giunta malata una signora di 74 anni. Non era vaccinata e ha motivato la scelta dicendo di avere molta sfiducia nei confronti dei vaccini”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021