Calcolo Indice massa corporea – IMC (BMI – Body mass index)

L’IMC è l’indicatore di riferimento per gli studi di popolazione e di screening di obesità. E’ utile sottolineare che l’IMC non è un indicatore in grado di valutare la reale composizione corporea, così come non permette di conoscere la distribuzione del grasso corporeo nell’individuo.

Calcola IMC


E’ possibile calcolare l’IMC con un semplice calcolo, ovvero:

PESO (Kg) / ALTEZZA 2 (m2)

Dunque in base al valore del semplice calcolo eseguito possiamo avere una situazione di:

Grave magrezza
< 16,00

Sottopeso
16,00 – 18,49

Normopeso
18,50 – 24,99

Sovrappeso
25,00-29,99

Obeso classe 1
30,00-34,99

Obeso classe 2
35,00-39,99

Obeso classe 3
≥ 40,00

L’interpretazione dell’IMC viene effettuata secondo i criteri definiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che comunque definisce questa classificazione come statistica e riferibile alla popolazione.


In base a questa classificazione la popolazione italiana (persone di 18 anni e più) risulta così distribuita:

3% sottopeso
51,5% normopeso
35,5% sovrappeso
10% obesa


Se l’indice è troppo alto


Dal punto di vista epidemiologico il valore dell’IMC unito a quello di altri indicatori specifici per la determinazione della localizzazione del grasso nella valutazione della composizione corporea, valuta (soprattutto per le classi sovrappeso e obesità) l’aumento del rischio di malattie quali il diabete tipo 2, le malattie cardiovascolari, le malattie articolari da sovraccarico, le disfunzioni ormonali, i tumori e, nelle donne in età fertile, eventuali alterazioni del ciclo mestruale, difficoltà a concepire e se la gravidanza è ad alto rischio di complicanze sia per la madre che per il bambino.


Per il range di obesità (IMC > 30) o di preobesità (IMC tra 25 e 29,9), anche una piccola perdita di peso (tra il 5% e il 10% del peso reale) porta ad una riduzione del rischio di sviluppare tali patologie.

Se l’indice è troppo basso


Un IMC al di sotto di 18,5 kg/m2 è indice di sottopeso. Anche questa condizione è associata a diverse patologie, caratterizzata da una consistente perdita di peso.

No alle diete fai da te


E’ importante sapere però che l’indice di massa corporea non permette di distinguere variazioni del peso dovute all’entità della massa muscolare, della massa ossea, al contenuto di acqua o all’accumulo di grasso.
Quindi, la semplicità di calcolo dell’IMC non deve trarre in inganno, portando a diete “fai dai te”.

Fonte: Ministero della Salute

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Senatrice Guidolin “Oss inseriti tra le professioni usuranti e gravose”

La Sen. Barbara Guidolin, eletta nel M5S, membro della 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato,…

10 ore ago

Covid-19: cerotto con microaghi per vaccinare

Più di 2 miliardi di persone in tutto il mondo sono completamente vaccinate contro il…

11 ore ago

Vaccini, Genova: indagine su ”certificati facili” di esenzione al vaccino

GENOVA, 22 SET - La procura di Genova indaga sulle certificazioni 'facili' da parte di…

11 ore ago

Marche: tirocinanti infermieri parte attiva della campagna vaccinale

I tirocinanti infermieri entrano a far parte attiva della campagna per le vaccinazioni nelle Marche.…

12 ore ago

Vaccino obbligatorio per iscriversi all’Ordine: FNOMCeO sempre sul pezzo…e la FNOPI?

La proposta accolta con favore da Filippo Anelli presidente della FNOMCeO: vaccino obbligatorio per iscriversi…

13 ore ago