Notizie primo piano

Cancellato il nulla osta per la mobilità nella bozza della riforma della P.A.

La bozza del decreto legge di riforma della Pubblica Amministrazione, contiene delle novità. Il personale della sanità, in caso la bozza diventasse legge, non dovrà più attendere il nulla osta della azienda o amministrazione di provenienza per poter passare ad altra azienda o amministrazione.

Nella bozza del decreto legge di riforma della Pubblica Amministrazione, all’articolo 30, comma 1 del decreto legislativo 30 marzo 2001 n.165, sono state apportate alcune modifiche.

L’ Articolo 30 attualmente recita:
Passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse (Art.33 del d.lgs n.29 del 1993, come sostituito prima dall’art.13 del d.lgs n.470 del 1993 e poi dall’art.18 del d.lgs n.80 del 1998 e successivamente modificato dall’art.20, comma 2 della Legge n.488 del 1999)

1. Le amministrazioni possono ricoprire posti vacanti in organico mediante passaggio diretto di dipendenti appartenenti alla stessa qualifica in servizio presso altre amministrazioni, che facciano domanda di trasferimento. Il trasferimento e’ disposto previo consenso dell’amministrazione di appartenenza.

I contratti collettivi nazionali possono definire le procedure e i criteri generali per l’attuazione di quanto previsto dal comma 1.

In particolare, nella bozza del disegno di legge, vengono soppresse le parole

“previo assenso dell’amministrazione di appartenenza”. Inoltre, dopo il primo periodo vengono inseriti: è richiesto il previo assenso dell’amministrazione di appartenenza, nel caso in cui si tratti di posizioni infungibili, di personale assunto da meno di tre anni o qualora la suddetta amministrazione di appartenenza abbia una carenza di organico superiore al 20% per la qualifica corrispondente a quella del richiedente. È fatta salva la possibilità di differire, per motivare esigenze organizzative, il passaggio diretto del dipendente, fino ad un massimo di 60 giorni dalla ricezione dell’istanza di passaggio diretto ad altra amministrazione.

Resta, coumunque, il fatto che perpassare ad altra amministrazione bisognerebbe partecipare ad avvisi pubblici banditi dalla amministrazione dove si vuole andare, secondo le regole della mobilità.

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Screening mammografico personalizzato basato sul rischio individuale: al via studio sperimentale all’Aou Senese

Denominato “My personalized breast screening” (MyPeBS), il progetto coinvolgerà 85mila donne in tutto il continente…

15/10/2021

Dermatite atopica e psoriasi: importanti novità sulle terapie

Se ne sta discutendo al Congresso della Società italiana di dermatologia medica, chirurgica, estetica e…

15/10/2021

Depressione post-partum: i consigli per gestirla

E' importante non affrontarla da sole. Le donne che ne soffrono devono chiedere aiuto a…

15/10/2021

Frutta secca, lo studio: “Non è vero che fa ingrassare”

Secondo gli autori, un mix dei vari tipi, in quantità moderate, giova senz'altro alla salute.…

15/10/2021

Coronavirus, “I bambini contraggono l’infezione meno a scuola che a casa”

Lo sostengono i ricercatori dell'Azienda ospedaliera San Camillo - Forlanini di Roma. I bambini si…

15/10/2021

Anziani, boom nel consumo di vitamina D. Aifa: “Dato preoccupante. Non serve contro il Covid”

Per il dg dell’Agenzia Italiana del Farmaco, Nicola Magrini, non vi sono evidenze scientifiche che…

15/10/2021