Notizie primo piano

Cancellato il nulla osta per la mobilità nella bozza della riforma della P.A.

La bozza del decreto legge di riforma della Pubblica Amministrazione, contiene delle novità. Il personale della sanità, in caso la bozza diventasse legge, non dovrà più attendere il nulla osta della azienda o amministrazione di provenienza per poter passare ad altra azienda o amministrazione.

Nella bozza del decreto legge di riforma della Pubblica Amministrazione, all’articolo 30, comma 1 del decreto legislativo 30 marzo 2001 n.165, sono state apportate alcune modifiche.

L’ Articolo 30 attualmente recita:
Passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse (Art.33 del d.lgs n.29 del 1993, come sostituito prima dall’art.13 del d.lgs n.470 del 1993 e poi dall’art.18 del d.lgs n.80 del 1998 e successivamente modificato dall’art.20, comma 2 della Legge n.488 del 1999)

1. Le amministrazioni possono ricoprire posti vacanti in organico mediante passaggio diretto di dipendenti appartenenti alla stessa qualifica in servizio presso altre amministrazioni, che facciano domanda di trasferimento. Il trasferimento e’ disposto previo consenso dell’amministrazione di appartenenza.

I contratti collettivi nazionali possono definire le procedure e i criteri generali per l’attuazione di quanto previsto dal comma 1.

In particolare, nella bozza del disegno di legge, vengono soppresse le parole “previo assenso dell’amministrazione di appartenenza”. Inoltre,

dopo il primo periodo vengono inseriti: è richiesto il previo assenso dell’amministrazione di appartenenza, nel caso in cui si tratti di posizioni infungibili, di personale assunto da meno di tre anni o qualora la suddetta amministrazione di appartenenza abbia una carenza di organico superiore al 20% per la qualifica corrispondente a quella del richiedente. È fatta salva la possibilità di differire, per motivare esigenze organizzative, il passaggio diretto del dipendente, fino ad un massimo di 60 giorni dalla ricezione dell’istanza di passaggio diretto ad altra amministrazione.

Resta, coumunque, il fatto che perpassare ad altra amministrazione bisognerebbe partecipare ad avvisi pubblici banditi dalla amministrazione dove si vuole andare, secondo le regole della mobilità.

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze

Innovativa tecnica ottica per l’indagine macroscopica ad alta risoluzione. Pubblicazione su Nature Methods a cura…

3 ore ago

CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi

La variante Delta del coronavirus, in aumento negli Stati Uniti, sembra causare disturbi più gravi…

3 ore ago

Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze…

3 ore ago

Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?

Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all'utilizzo quotidiano della mascherina, o…

4 ore ago

Ministero della Salute: Equipollenza certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi

In merito all’accettazione di certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi identificati dall’ordinanza…

9 ore ago

Nursing up. Rinnovo contratto infermieri: riconoscere il posto che meritano

Sanità, Infermieri Nursing Up De Palma: «Vogliamo finalmente un alveo di contrattazione per le elevate…

10 ore ago