NT News

Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 131 oss precari scrivono a Meloni: “Si proroghi il nostro contratto fino al 31 dicembre”

I 131 oss che a fine settembre rischiano di restare a casa per la scadenza del contratto di assunzione firmato in piena pandemia rivolgono un appello alla premier.

I 131 operatori socio-sanitari (oss) dell’Asl 2 Lanciano-Vasto-Chieti che a fine settembre rischiano di perdere il posto, dopo essere stati assunti in piena pandemia, hanno messo insieme le loro firme per inviare una lettera alla premier Giorgia Meloni e, per conoscenza, al governatore abruzzese Marco Marsilio. La loro richiesta? Una proroga del contratto almeno fino al 31 dicembre

“Mi rivolgo a Lei in qualità di cittadino italiano e, soprattutto, in qualità di rappresentante di un gruppo di 131 oss che si trovano attualmente in una situazione di incertezza e preoccupazione riguardo al loro futuro lavorativo – si legge nella lettera a firma del portavoce Angelo Ferente -. Attualmente lavoriamo presso la Asl 2 Lanciano-Vasto-Chieti. Il motivo della mia lettera è porre la Sua attenzione su questa delicata questione e chiedere una proroga per evitare che questi professionisti siano mandati a casa alla fine del mese di settembre 2023, senza alcuna possibilità di stabilizzazione”.

Advertisements


SCARICA LA TUA TESI


Continua Ferente: “La professione di oss è di fondamentale importanza per il nostro Paese, soprattutto alla luce degli eventi degli ultimi anni, che hanno posto una pressione significativa sul sistema sanitario italiano. Questi professionisti hanno svolto un ruolo cruciale nell’affrontare la pandemia di Covid-19, assunti proprio in piena pandemia, e continuano a garantire un’assistenza di alta qualità agli anziani, ai malati e a coloro che ne hanno bisogno”.

E ancora: “La nostra preoccupazione principale è che la mancanza di una proroga per questi 131 oss comporterebbe non solo una perdita di competenze preziose per il nostro sistema sanitario, ma anche una situazione di grande difficoltà per queste persone, molte delle quali per qualche mese non possiedono i requisiti per accedere alla stabilizzazione. La stabilizzazione di queste posizioni rappresenterebbe un segnale di riconoscimento e gratitudine per il loro lavoro instancabile”.

La lettera dei 131 oss precari si sconclude con la richiesta di prendere in considerazione “la possibilità di prorogare il contratto di lavoro di questi 131 oss almeno fino al 31 dicembre 2023”. Ciò darebbe loro il tempo “di continuare a svolgere il loro prezioso lavoro e, nel frattempo, potrebbe essere valutato un piano di stabilizzazione per coloro che ne avessero diritto”.

Redazione Nurse Times

Scarica la tua tesi di laurea: tesi.nursetimes.org/index.php

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Infermiere di ricerca: una nuova figura professionale al Centro Sclerosi Multipla del San Raffaele

Grazie al contributo di Roche una nuova figura professionale è nata al Centro Sclerosi Multipla dell’Irccs Ospedale San…

16/07/2024

A Bologna lo stipendio da infermiere non basta a tirare avanti. Nursind: “Professione non più attrattiva”

Carenza di personale, turni di lavoro massacranti, stipendi bassi, ferie saltate e, in generale, condizioni…

16/07/2024

Asp del Forlivese: avviso pubblico per eventuale conferimento di incarichi a infermieri

L'Asp del Forlivese ha indetto un avviso pubblico per la formazione urgente di un elenco…

16/07/2024

Fials Milano celebra il successo delle sue attività a tutela legale del personale sanitario: i numeri

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa di Fials Milano. Fials Milano è lieta di annunciare…

16/07/2024

Corso Ecm (18 crediti) Fad gratuito per infermieri: “Il cancro per il cuore: lo scompenso cardiaco”

DreamCom promuove il corso Ecm Fad gratuito "Il cancro per il cuore: lo scompenso cardiaco",…

15/07/2024

Roma: infermiera di 24 anni aggredita sessualmente in ambulanza da paziente 55enne

Roma, 13 luglio 2024 - Un episodio scioccante ha scosso il quartiere di San Lorenzo…

15/07/2024