Medici

Anelli (Fnomceo): “Serve un Piano Marshall per la sanità del Sud”

Il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici si riferisce alla relazione della Corte dei Conti sul federalismo fiscale. Altro tema caldo: la sicurezza sul lavoro per i professionisti sanitari.

“Condividiamo pienamente il messaggio che il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha voluto portare alla riunione delle organizzazioni sindacali internazionali e dei sindacati dei Paesi del G20: da questa pandemia dobbiamo uscire con servizi sanitari rafforzati e luoghi di lavoro più sicuri in ogni angolo del mondo. E con un rinnovato senso di solidarietà: perché nessuno si salva da solo”. Così Filippo Anelli, presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici.

Advertisements

“È vero, il Covid ci ha indicato la strada da percorrere, sul piano nazionale e su quello internazionale – spiega Anelli –. Una strada che si preannuncia lunga: la pandemia si è inserita su una serie di disfunzionalità del nostro Servizio sanitario nazionale, messo a dura prova da decenni di definanziamenti. Prime tra tutte, le disuguaglianze di salute. Il nostro sistema sanitario non è in grado di garantire su tutto il territorio nazionale un’assistenza uniforme, per quantità e qualità. A certificarlo è stata ieri la Corte dei Conti, in audizione presso la Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale. Ma quanto affermato dai magistrati contabili corrisponde a ciò che gli Ordini dei medici evidenziano da tempo, e che è stato anche oggetto di alcune mozioni del Consiglio nazionale. E persino gli indicatori utilizzati sono gli stessi: non solo gli indici di valutazione dei Lea, ma anche la mobilità interregionale, che sottrae risorse proprio da quei territori che ne avrebbero più bisogno”.

Prosegue il presidente Fnomceo: “Per quanto riguarda il nostro Paese, è quanto mai necessario e urgente un Piano Marshall per la sanità del Sud, anzi per la sanità nazionale. Non una mera ridistribuzione di risorse finanziarie, ma un progetto strutturale di investimenti volti a colmare le disuguaglianze. L’importante aumento del Fondo sanitario nazionale, 6 miliardi in tre anni, che è stato fortemente voluto dal ministro della Salute, Roberto Speranza, dimostra la ferma intenzione di investire nella salute dei cittadini. Tali risorse possono veramente fare la differenza, anche per colmare le disuguaglianze di salute”

.

Altro tema sul quale la Fnomceo si batte è la sicurezza sul lavoro per i medici e i professionisti sanitari, che è sia diritto dei lavoratori sia presupposto per la sicurezza sulle cure: “Anche qui la strada sarà lunga – dice Anelli –. Sono state rese note le motivazioni della sentenza del Tribunale di Bari con la quale, nell’aprile scorso, è stato condannato l’ex direttore generale in merito all’omicidio della psichiatra Paola Labriola. Tra le cause, ci sarebbe infatti ‘la sottovalutazione del rischio di aggressioni al personale’, legata anche all’impostazione ‘economicistica delle funzioni della sanità, piegate alle esigenze del budget, che denota la principale preoccupazione di molti manager pubblici della sanità, ossia l’equilibrio di bilancio, piuttosto che la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori’. Vogliamo ricordare Paola Labriola, che aveva più volte denunciato le falle in termini di sicurezza, come martire della professione. La sua tragedia ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica la situazione drammatica che molti medici affrontano quotidianamente sul posto di lavoro, in condizioni precarie. A lei, e a tutti gli altri medici caduti nello svolgimento della professione, abbiamo dedicato idealmente la Legge 113 del 2020 sulla sicurezza degli operatori sanitari”.

E ancora: “In definitiva, occorrono risorse per difendere il diritto alla salute e l’universalità dei servizi sanitari, e occorrono riforme. Di più: è fondamentale che queste riforme siano condivise con i professionisti sanitari, che sono la rete strutturale, il tessuto connettivo del sistema, e che possono riconoscere e individuare gli obiettivi di salute. Perciò chiediamo che sia presto riunito l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori, e che sia finalmente avviato il tavolo sulle disuguaglianze, già previsto prima della pandemia”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Coronavirus, via libera dell’Ema alla pillola Pfizer

Dall'Agenzia europea per i medicinali arriva la raccomandazione all'immissione in commercio di Paxlovid: "Benefici superiori…

28/01/2022

Nursing Up, vicenda infermieri e falsi vaccini “ferma condanna”

Sanità, Nursing Up De Palma: «Infermieri coinvolti nella recente vicenda di finte vaccinazioni a cittadini…

28/01/2022

Tesi “Indagine conoscitiva sull’assistenza infermieristica ricevuta dalle donne durante l’aborto”

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

28/01/2022

Sciopero in tutta Italia degli infermieri

Il nostro giornale seguirà la manifestazione raccogliendo le dichiarazioni del segretario nazionale del Nursind Andrea…

28/01/2022

Esenzione dal vaccino anti Covid per i sanitari: serve l’attestazione del medico

Il chiarimento di Opi Firenze - Pistoia sul tema Firenze, 27 gennaio 2022 – «Gli infermieri possono…

27/01/2022

No Vax offendono e minacciano due infermieri

ROMA, 27 GEN - "Le minacce al personale sanitario? Sono graffi sul cuore". Così il…

27/01/2022