Medici

Aggressione a San Donato, Anelli (FNOMCeO): “Riunire Osservatorio e applicare Legge”

“Auguri di pronta guarigione a Giovanni Malacrida, solidarietà a lui e ai tre colleghi che erano con lui durante l’inaspettata e violenta aggressione di oggi. Vicinanza anche all’Ordine dei Medici di Milano e al suo Presidente, Roberto Carlo Rossi. La violenza contro i medici, dopo la tregua durante la pandemia, sta di nuovo dilagando, ed esplode anche in contesti di eccellenza, dove i medici non sono lasciati da soli. Ora è necessario applicare la Legge contro le aggressioni agli operatori sanitari. E, ancor più, è necessario un cambio di passo, una rivoluzione culturale che porti a considerare i medici non come prestatori d’opera ma come professionisti”.

A parlare è il Presidente della FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, che commenta l’aggressione di oggi al Policlinico di San Donato Milanese.

“Queste aggressioni sono frutto di una visione aziendalistica della sanità e della salute: nella Sanità intesa come impresa, l’erogazione di servizi e prestazioni viene equiparata alla produzione delle merci, il medico diventa fornitore di beni e il cittadino è un cliente-consumatore – spiega -. Nel trasformarsi di una relazione fiduciaria in un rapporto fornitore-consumatore, si annida la crisi del rapporto medico- paziente. Il medico, in quanto tale, perde automaticamente autorevolezza, diventa detentore di un sapere “da scaffale” dove il paziente- consumatore è libero, come in un supermercato, di servirsi della referenza che più gli piace.

“Ed è qui allora, in questa crepa culturale, che vede il medico intercambiabile e non più autorevole, che si insinua la relativizzazione del pensiero scientifico e delle terapie validate, la medicina fai da te, il dottor Google – continua-. E quando la crepa si allarga, è qui che si annida l’aggressività, la rabbia, la quando la prestazione pretesa, non importa se in maniera inappropriata, viene negata”.

“Lo avevamo detto sin dalle prime riunioni dell’Osservatorio anti-violenza: la maggior parte delle aggressioni origina, appunto, da prestazioni negate – conclude-. Auspichiamo perciò che, quanto prima, l’Osservatorio torni a riunirsi, per prendere atto e contrastare le criticità che ancora permangono”.

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Villa S. Marco: l’infermiera più anziana sostituisce il vigilante nei weekend e controlla i green pass

Una nuova frontiera del più becero demansionamento infermieristico è stata varcata dai dirigenti della casa…

16/10/2021

Il bilancio della FNOPI è sempre più florido. Nonostante ciò, la quota annuale potrà aumente di € 10 ad infermiere

La Presidente della FNOPI durante i lavori dell’ultimo Consiglio Nazionale ha paventato la presentazione del…

16/10/2021

“Io Resto” unico film documentario girato all’interno di un ospedale italiano durante la 1^ ondata da Covid-19

Il film prodotto da Michele Aiello, Luca Gennari e Zalab Film ha fatto anteprima mondiale…

16/10/2021

Alto Adige: nascono le scuole clandestine per i bambini con genitori NoVax

Risalendo la valle si arriva a Campo Tures. Qui la scuola che non c’è è in…

16/10/2021

Presentato D.L. sul riconoscimento del ruolo dei docenti dipendenti del SSN nei corsi di studio universitari delle professioni sanitarie

Presentato dalla senatrice Boldrini il Disegno di Legge su “Disposizioni in materia di stato giuridico…

16/10/2021

Covid-19, cinque bimbi ricoverati al Gaslini. Gli specialisti: “Sono tutti figli di genitori no-vax”

La conferma sulla situazione arriva dell’ospedale pediatrico e dell’Asl imperiese. Hanno meno di un anno…

16/10/2021