Infermieri

Valeria, infermiera “amo il mio lavoro, ma…”

Valeria, infermiera "Amo il mio lavoro. L'ho scelto, o forse lui aveva già scelto me. Avevo grandi ambizioni, aspettative, speranze. Sentivo di poter finalmente avere l'occasione di fare la differenza per il prossimo"

Riprendiamo in questo articolo il pensiero di Valeria Marinelli, infermiera da 15 anni con tanta passione per la propria professioneIl mio lavoro è un ladro mascherato, ti spacca la schiena, ti piega le gambe, ti consuma il corpo e ti mangia l’anima, ti ruba la vita”.

“Amo il mio lavoro. L’ho scelto, o forse lui aveva già scelto me. Avevo grandi ambizioni, aspettative, speranze. Sentivo di poter finalmente avere l’occasione di fare la differenza per il prossimo.

Sono infermiera da 15 anni, eppure mi sento tutt’ora impreparata e piena di lacune. La malattia ha così tante forme e sfaccettature che ogni giorno scopri qualcosa che ignoravi e devi rimboccarti le maniche e metterti in discussione.
Ogni giorno impari qualcosa di nuovo e senti di aver aggiunto un tassello ed essere andata avanti nel tuo cammino professionale. Ma quello successivo capisci che la strada è davvero ancora tanto lunga e probabilmente non ha un traguardo definito.

Il mio lavoro è un ladro mascherato, ti spacca la schiena, ti piega le gambe, ti consuma il corpo e ti mangia l’anima, ti ruba la vita.

Un momento ti fa sentire invincibile e l’attimo dopo l’essere più inutile ed impotente. Ultimamente, più spesso del solito, mi trovo a fare un bilancio, a cercare di capire se in qualche modo qualche volta in questi anni, sono davvero riuscita a farla quella ‘differenza’.
Ma a tornare alla mente sono sempre le maledette e troppe volte che questo non è accaduto, perché nessuno poteva farla quella differenza, perché la malattia l’ho vista vincere tante volte in questi 15 anni e ormai so ben riconoscere da subito quando la partita è persa in partenza, ma si procede, nonostante tutto.

Quindi ad oggi il mio bilancio è negativo, quelle aspettative, le speranze, sono disattese.

Non saprò mai se qualcuno ricorderà il mio viso, le mie mani o le mie parole. Quel che è certo è che li ricorderò io. Se chiudo gli occhi sono innumerevoli i volti che ricordo, le loro voci, le abitudini, i gesti particolari o il modo di parlare. Ognuno ha un posto nei miei ricordi, nella mia mente, in sostanza nella mia vita.

E allora inizio a pensare che forse sbagliavo tutto, forse non era il mio compito fare la differenza, forse era permettere a loro di farla nella mia vita, per lasciare qualcosa, ognuno a modo suo. Forse non sono le mie cure a poter fare la differenza, ma lo è permettere a ciascuno di loro di lasciare un segno di ciò che erano, nonostante la malattia e “malgrado” la malattia.

E allora il bilancio cambia, eccome!
Quanto coraggio, quanta dignità, forza di volontà, speranza, dedizione e amore ho percepito, in loro e nei loro cari, fino alla fine.
In questo, come in tanti altri momenti, li ricordo tutti, li vedo davanti ai miei occhi, fino all’ultima anima che ha toccato la mia vita con la sua, lasciando un segno indelebile del suo passaggio, un’anima dolce, pura e indifesa.

Li ringrazio, uno ad uno, perché loro hanno fatto la “differenza” nella mia vita e grazie a loro continuerò ad affrontare ogni giorno, nonostante le difficoltà, la stanchezza ed il senso di impotenza.
Ogni giorno il mio lavoro ruba un pezzetto della mia vita….ogni giorno le vite che sfioro donano alla mia qualcosa che a pochi privilegiati è concesso.
Amo il mio lavoro.

Valeria Marinelli

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Progetto cassia: telemonitoraggio smart di pazienti a rischio post ictus, testato durante il lockdown 2020

Presentato a Trieste Next il sistema di telemonitoraggio elaborato con il progetto Cassia utile durante…

41 minuti ago

Niente dose di metadone: tossicodipendente vandalizza l’auto di un infermiere

E' accaduto nella cittadina sarda di Guspini. L'aggressore è stato denunciato per danneggiamento e minaccia.…

2 ore ago

Vamping: la “droga” notturna dei giovani. Omceo Venezia lancia l’allarme

Stando a unio studio condotto su 367 studenti di una scuola superiore di Conegliano, gli…

2 ore ago

Coronavirus, una famiglia di infermieri in prima linea: Mattarella premia 4 fratelli

Stefania, Maria, Valerio e Raffaele Mautone hanno ricevuto l’onorificenza del Cavalierato della Presidenza della Repubblica.…

3 ore ago

Covid, 22 morti in 2 Rsa nel Potentino: rinvio a giudizio per tre persone

Le persone coinvolte, che gestivano e dirigevano le due strutture di Marsicovetere e Brienza, sono…

3 ore ago

Stadi, teatri e cinema: dal Cts via libera all’aumento della capienza

Col Green Pass obbligatorio cambiano le misure anti-Covid relative a manifestazioni sportive e attività dello…

3 ore ago