Medici

Università, Consiglio di Stato accoglie ricorso collettivo contro numero chiuso a Medicina

La sentenza riconosce la necessità di soddisfare il maggior fabbisogno di medici in Italia. Consulcesi: “Svolta storica”.

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso collettivo presentato da un gruppo di studenti contro il numero chiuso negli accessi a diverse facoltà di Medicina italiane, dalla Sapienza all’Università della Magna Grecia, da Tor vergata alla Bicocca di Milano e all’Università di Firenze. Questi studenti potranno ora essere regolarmente iscritti, mentre finora avevano frequentato le lezioni da iscritti “con riserva”.

Advertisements

«Una sentenza storica – ha commentato Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, network alla guida del pool di avvocati che ha assistito i ricorrenti –. Il Consiglio di Stato ammette che il numero di posti per entrare a Medicina era inferiore al fabbisogno».

In Italia, dunque, ci saranno presto più camici bianchi. Una necessità resa ancor più evidente dall’epidemia di coronavirus

e frustrata dall’istituto del numero chiuso. La sentenza del Consiglio di Stato (3902/21 del 20/05/2021) parla chiaro, ammettendo in via definitiva a Medicina chi ha fatto ricorso e accogliendo l’appello contro la negativa sentenza del Tar, che invece aveva bloccato l’iscrizione. Inoltre ha precisato la legittimità dei ricorsi collettivi, messa in dubbio da una giurisprudenza minoritaria. 

«Questa sentenza non è un caso isolato – hanno spiegato i legali di Consulcesi e dello studio legale Tortorella –. Molti ricorsi stanno infatti seguendo la stessa strada. E’ importante essere consapevoli dell’importanza di procedere al Consiglio di Stato per fare in modo che anche per altri ragazzi si inneschi il medesimo meccanismo».

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Malattie cerebrovascolari: dal ministero della Salute una guida alla prevenzione

Con uno stile di vita sano e un intervento tempestivo in caso di sintomi si…

23/05/2022

Vaccino anti-Covid, Iss: “Efficacia booster pari all’88% contro malattia severa”

I dati del report diffuso dall'Istituto Superiore di Sanità sull'andamento della pandemia in Italia. L'efficacia…

23/05/2022

Infermieri del 118 “teleguidati” dal medico all’Asl Taranto, Galante (M5S): “Servono linee guida omogenee”

Il capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione Puglia commenta l'ordine di servizio diffuso nei…

23/05/2022

Altra aggressione nei confronti degli infermieri medici e oss del Pronto soccorso di Carpi 

L’Azienda USL di Modena esprime ferma condanna per l’aggressione, verbale e fisica, avvenuta nella notte…

23/05/2022

Dito azzannato all’infermiere a Rovigo, Nursing Up: “Qualcuno fermi questo scempio”

Sanità, Nursing Up De Palma: «Pronto soccorso ormai come una giungla, all’ospedale di Rovigo una…

23/05/2022

Super oss in Veneto: via libera al nuovo percorso formativo

Previsti corsi di 400 ore al costo di 700 euro pro capite. Saranno formati 510…

23/05/2022