NT News

Telefono Donna e Niguarda: un decalogo contro la violenza sulle donne

In occasione della Giornata mondiale a tema, il Centro antiviolenza e l’ospedale milanese lanciano un’iniziativa per riconoscere gli abusi.

Il timore di dire qualcosa di sbagliato. La paura di alzare lo sguardo. Il terrore di essere picchiate. Parliamo di maltrattamenti e violenze sulle donne, un fenomeno che in Italia, secondo l’ultima indagine Istat, riguarda il 31,5% della popolazione femminile. Una donna su tre. Esiste la violenza fisica, psicologica, economica, lo stalking… Tutte le tipologie si associano spesso a un forte isolamento e a una chiusura verso l’esterno. Le donne sono reticenti a parlare della loro situazione per vergogna o per paura. Per questo è fondamentale trovare un luogo in cui sentirsi a proprio agio, non giudicate e libere di aprirsi. Come Telefono Donna, il Centro antiviolenza attivo da trent’anni e aperto da oltre due decenni all’interno dell’ospedale Niguarda di Milano

Advertisements

“Quando abbiamo aperto l’associazione aveva l’obiettivo di diventare un punto di riferimento per tutte coloro che si trovavano in difficoltà –  afferma Stefania Bartoccetti, fondatrice di Telefono Donna –. Una missione che non è mai cambiata a distanza di anni. Ancora oggi vogliamo garantire la miglior tutela possibile e continuare a intervenire tempestivamente. Per fare questo cerchiamo di innovarci e crescere, anche attraverso l’alleanza con l’ospedale Niguarda”

In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, che si celebra oggi, 25 novembre, il Niguarda e Telefono Donna lanciano un decalogo con diversi consigli pratici e strumenti per riconoscere e gestire una situazione di abuso. Il decalogo apre con un breve approfondimento delle varie forme di abuso, distinguendo tra violenza fisica, sessuale, psicologica ed economica. Conoscere il fenomeno, infatti, permette di cogliere quelli che possono essere i segnali a cui fare attenzione nei casi di sospetti maltrattamenti, come ad esempio un progressivo isolamento da parte della vittima dal nucleo familiare e sociale. Ma anche ricevere telefonate e messaggi continui, appostamenti, controllo del cellulare e richiesta di foto o video come prova, gestione del denaro unicamente da parte del partner: sono tutti segnali che posso celare una situazione critica.

In simili circostanze, come sottolineato nel terzo punto del decalogo, è fondamentale ascoltare le difficoltà della donna e creare una connessione che le permetta di sentirsi protetta e libera di condividere maggiori dettagli sulla violenza subita. Di fronte a un racconto esplicito di violenza domestica bisogna essere in grado di attivare una rete di aiuto e sostegno, con la possibilità di integrazione con le figure professionali dedicate (personale sociosanitario, forze dell’ordine, operatrici del Centro antiviolenza).

Il percorso di uscita da una situazione familiare o da una relazione violenta è lungo e comporta, a volte, ripensamenti da parte della donna. Determina una molteplicità di bisogni che richiedono un intervento complesso, non affrontabile da una sola persona, che non si deve in nessun modo sentire l’unica responsabile di fornire aiuto. Queste e altre indicazioni, tra cui una particolare attenzione al linguaggio utilizzato e il rispetto della privacy, consentono di incrementare il livello di consapevolezza del fenomeno e di concretizzare quello che è l’ultimo importante punto del decalogo: contattare il Centro antiviolenza. 

Ecco un estratto dei dati del Centro antiviolenza Telefono Donna da gennaio a ottobre 2022:

    • 412 accessi totali (di cui 335 nuovi accessi e 77 donne in carico da precedenti periodi);
    • 203 accessi diretti (telefonici o in sede), 66 dal pronto soccorso, 20 dalle forze dell’ordine, 12 dai servizi sociali, 13 da altri Centri, 14 da professionisti privati e 7 dal 1522;
    • 14 collocamenti in casa rifugio;
    • circa il 70% donne italiane;
    • 149 tra i 31 e i 45 anni;
    • 173 con Diploma licenza superiore e solamente 3 senza alcun titolo;
    • oltre 1.850 colloqui telefonici offerti, oltre 550 colloqui di accoglienza, oltre 350 consulenze legali e oltre 270 consulenze psicologiche.

Clicca qui per scaricare il decalogo

Telefono Donna è riconosciuto Centro antiviolenza da Regione Lombardia e dispone di dieci case protette a indirizzo segreto. La sede principale è nell’ospedale Niguarda. La onlus ha supportato oltre 100mila donne nei trent’anni di attività. Per l’impegno profuso, dal maggio 2020 è membro del Comitato di coordinamento del Tavolo antiviolenza di Regione Lombardia. Il numero di emergenza è 02 64443043/44.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Prato, anziani maltrattati da infermieri e oss nella ex Rsa: Asl Toscana Centro va risarcita

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione a distanza di quasi otto anni dai fatti.…

30/01/2023

Asst Ovest Milanese, infermieri pronti allo stato di agitazione: “Ritmi di lavoro insostenibili”

I sindacati chiedono all'Azienda sanitaria un tavolo di confronto per discutere delle diverse criticità con…

30/01/2023

Prato, usava permessi della Legge 104 per visite private: medico condannato

Oggi in pensione, ma precedentemente in servizio nei reparti di Ginecologia e ostetricia del Misericordia…

30/01/2023

Sostenere e promuovere le competenze morali ed etiche degli infermieri: il progetto PROMOCON

Quali sono le competenze morali della professione infermieristica a livello internazionale? Sono sufficienti le conoscenze…

30/01/2023

Insulti social a Liliana Segre: due medici e un’infermiera tra i 20 denunciati

Tra ottobre e dicembre 2022 la senatrice 92enne Liliana Segre, superstite dell'olocausto e testimone attiva…

30/01/2023

Avellino, due infermieri e un medico presi a calci e schiaffi in Pronto soccorso. La condanna del Nursind

E' accaduto all'ospedale Moscati. Protagonista, una paziente in stato di ebbrezza. Il sindacato sollecita l'adozione…

30/01/2023