Tatuaggi: in futuro si cancelleranno con una crema

La proposta arriva dal Canada

Niente più laser: in futuro per cancellare i tatuaggi potrebbe essere sufficiente una crema. A proporre questa soluzione è Alec Falkenham, ventisettenne studente di dottorato della Dalhousie University di Halifax, in Canada, che sta mettendo a punto un prodotto ad uso topico che potrebbe letteralmente far svanire i disegni altrimenti irrimediabilmente impressi sulla pelle.

Per farlo la crema pensata da Falkenham agisce sulla stessa risposta immunitaria responsabile della permanenza dei pigmenti nella pelle. Infatti quando ci si tatua l’inchiostro richiama a livello del tatuaggio i macrofagi, cellule immunitarie che iniziano a inglobare i pigmenti per trasportarli verso i linfonodi. Alcune di queste cellule, piene di colore, restano però intrappolate nella pelle, rendendo il tatuaggio permanente. La crema per cancellare i tatuaggi bersaglierebbe proprio questi macrofagi, richiamando di nuovi che attaccandoli ne trasporterebbe i residui verso i linfonodi, portando con loro anche i pigmenti.

Rispetto alla rimozione dei tatuaggi basata sull’uso del laser, che lascia bruciature, cicatrici e vesciche, questo nuovo metodo può essere considerato privo di effetti collaterali. “Non stiamo colpendo nessuna delle cellule della pellespiega Falkenhamquindi non si vedrà molta infiammazione. In effetti, basandosi sul processo che utilizziamo non pensiamo di scatenare nessuna infiammazione”. Anzi, secondo il suo ideatore la crema potrebbe addirittura esercitare un effetto antinfiammatorio. Con il suo utilizzo il tatuaggio dovrebbe letteralmente svanire, ma al momento non è possibile stimare quante applicazioni potrebbero essere necessarie per cancellarlo completamente. Ciò che sembra già certo è che per ottenere i risultati migliori possibili il tatuaggio deve essere vecchio di almeno due anni.

Massimo Randolfi

Massimo Randolfi

INFERMIERE: Nato a Bari, fondatore di Nurse Times e amministratore del gruppo Facebook "infermiere professionista della salute", la sua passione per l'infermieristica, l'informazione e per l'informatica lo porta ad essere l'anima tecnica del progetto www.nursetimes.org

Leave a Comment
Share
Published by
Massimo Randolfi

Recent Posts

Opi Cosenza: “Basta con le assunzioni a tempo brevissime”

Il presidente Sposato invoca modalità di assunzione differenti da quelle adottate finora. “Assumere con modalità…

20/10/2021

Vaccino antinfluenzale: Protocollo d’intesa per la somministrazione in farmacia

Il testo dovrebbe arrivare già oggi sul tavolo di Governo, Regioni, Federfarma e Assofarm per…

20/10/2021

Covid-19, quasi 50.000 nuovi casi in UK ieri. Sotto accusa la nuova variante AY.4.2

Quasi 50.000 contagi ieri, oltre 200 morti oggi, al picco da marzo per quanto appesantiti…

19/10/2021

Psoriasi, identificati i fattori di rischio che ne favoriscono la comparsa

Su Alleati per la Salute è stato pubblicato un focus riguardante i trigger che possono…

19/10/2021

Infertilità femminile: iniezioni di plasma concentrato per favorire la gravidanza

La soluzione arriva dalla medicina rigenerativa. Se ne discuterà al prossimo Congresso Giovani SIMCRI. La…

19/10/2021

Vergallo (Presidente AAROI) sull’emergenza-urgenza “ci sono situazioni in cui gli infermieri possono praticare farmaci salvavita, senza sostituirsi al medico”

“Ci sono sistemi di emergenza-urgenza, in regioni come la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Veneto e…

19/10/2021