Scuola, marcia indietro Miur: dad per i figli dei sanitari

La nota diramata ieri dal ministero dell’Istruzione sembra contraddire quella precedente che prevedeva una specifica deroga al sistema della didattica in presenza.

Con una nota diramata nella giornata di ieri il capo di Gabinetto del ministero dell’Istruzione, Luigi Fiorentino, fa marcia indietro sulla possibilità della didattica in presenza per alcune particolari categorie di alunni (oltre quelli con disabilità, con DSA e con BES), sancita dalla precedente nota 343 del 4 marzo scorso, a firma del capo Dipartimento, Max Bruschi. Tra le categorie in questione figuravano i figli dei sanitari, che ora dovranno quindi adeguarsi al sistema della didattica a distanza. Resta pertanto un dubbio: come potranno andare al lavoro medici e infermieri dei reparti Covid che hanno figli costretti a casa per la dad?

Nella nota precedente si leggeva che va garantita anche “la frequenza scolastica in presenza… degli alunni e studenti figli di personale sanitario o di altre categorie di lavoratori, le cui prestazioni siano ritenute indispensabili per la garanzia dei bisogni essenziali della popolazione, secondo quanto indicato dalla nota 1990/2020, nell’ambito di specifiche, espresse e motivate richieste e … anche in ragione dell’età anagrafica”.

Nella nota di ieri, invece, la questione dei figli dei sanitari non è assolutamente toccata, mentre si ribadisce che possono frequentare in presenza solamente gli alunni con disabilità, DSA e BES. In altre parole, non c’è una smentita esplicita delle indicazioni fornite da Max Bruschi, ma si lascia indirettamente intendere che la nota del 4 marzo va interpretata alla luce di questi nuovi chiarimenti. Il documento firmato da Fiorentino lascia comunque aperta una possibilità: le Regioni possono regolamentare la questione con proprie ordinanze.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Asl Foggia, salta la stabilizzazione per 54 infermieri reclutati durante la pandemia: “Una vera beffa”

Agli interessati non sono stati riconosciuti i mesi di lavoro in pronta disponibilità. 64 infermieri…

02/12/2022

Vaccino anti-Covid, Corte Costituzionale: “Legittimo l’obbligo per il personale sanitario”

La Consulta ha sciolto i dubbi sollevati in merito da alcuni uffici giudiziari a seguito…

02/12/2022

Sanità territoriale, Bottega (Nursind): “Per potenziarla davvero bisogna investire sul capitale umano”

Il segretario nazionale del sindacato infermieristico, da noi contattato, interviene nel dibattito sui nuovi presidi…

01/12/2022

Recidive di infezione da Clostridioides difficile, Fda approva farmaco a base di microbiota fecale

Il prodotto, è sviluppato da Ferring Pharmaceutical, si chiama Rebyota ed è destinato a soggetti di…

01/12/2022

Mancano gli infermieri? No problem, all’Asst Sette Laghi arrivano gli oss

L'Azienda ha assunto 64 operatori socio-sanitari in più rispetto allo scorso anno. Per sopperire alla…

01/12/2022

Sanità Calabria, depositato in Senato un emendamento che prevede un’indennità giornaliera aggiuntiva per i sanitari di 118 e pronto soccorso

Corrisponde a un trentesimo della retribuzione mensile lorda in godimento. Per chi è in regime…

01/12/2022