Rifiutò di mandare allo sbaraglio il personale senza DPI: ora il coordinatore rischia il licenziamento

Si prospettano molti guai per il coordinatore infermieristico che si è rifiutato di “eseguire” gli ordini ricevuti dalla dirigenza sanitaria dell’ospedale Mandic di Merate.

La sua colpa sarebbe stata quella di non avere voluto mandare allo sbaraglio infermieri e operatori sociosanitari, con dispositivi di protezione individuale improvvisati.

Advertisements

È cosa tristemente nota come molti professionisti della salute si siano dovuti proteggere dal Coronavirus indossando sacchetti della spazzatura al posto degli idonei camici atti a prevenire quello che viene definito “biohazard”. È altrettanto passato alla cronaca il fatto che per molte settimane siano mancati i filtranti facciali necessari a proteggere i dipendenti dai droplet, spesso sostituiti con semplice mascherine chirurgiche.

Secondo questo coordinatore infermieristico, il personale non sarebbe stato sufficientemente preparato ed equipaggaito, correndo il rischio di infettarsi ed infettare familiari e amici.

I tragici numeri emersi successivamente non gli hanno dato torto: nei soli ospedali di Merate e Lecco infatti, si sono ammalati oltre 350 operatori sanitari e sono deceduti complessivamente 347 dei pazienti ricoverati durante il periodo più critico.

In seguito all’atto di “insubordinazione” ieri Francesco Scorzelli, 62 anni, coordinatore del Servizio trasporti centralizzati del San Leopoldo Mandic che gestisce anche il servizio di oss e ausiliari incaricati di portare provette, referti e degenti da un reparto e un ambulatorio all’altro, è finito per la nona volta nella sua carriera sotto accusa davanti ai componenti dell’ufficio Procedimenti disciplinari.

Ora l’infermiere, che è anche funzionario dell’Usb e sindacalista della Rsu, rischia il licenziamento. Ai suoi superiori non è andata giù la sua disobbedienza.

In particolare i “toni ingiustificatamente polemici” e i “commenti denigratori” con cui ha opposto il “gran rifiuto”; oltre che le note che avrebbe divulgato pubblicamente sulla vicenda e le “minacce” di chiedere l’intervento diretto dei magistrati della Procura della Repubblica.

Il coordinatore infermieristico, assistito dall’avvocato di fiducia Gianluigi Valesini, ha negato qualsiasi addebito. “Era un ordine illegittimo e pericoloso”, ha spiegato, sostenendo con forza che fosse quindi suo dovere etico e morale disattenderlo. Dopo il “processo” e la “requisitoria” per “la sentenza” sarà necessario qualche giorno.

Dott. Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Sanità. Aggressioni a medici, infermieri e Oss: il ridicolo balletto della politica

Non passa ormai giorno che non si abbia notizia di aggressioni al personale sanitario, soprattutto…

27/01/2023

New York – New Jersey, casi di autismo quintuplicati negli ultimi 20 anni

Il dato, bisognoso di verifiche più approfondite, emerge da uno studio della Rutgers School of…

27/01/2023

Pronta disponibilità al Pronto soccorso dell’ospedale Oglio Po (Casalmaggiore): prosegue la battaglia legale tra infermieri e Asst Cremona

L'Azienda sanitaria ricorre in appello contro la sentenza che in ottobre ne aveva ritenuto illegittima…

27/01/2023

Il silenzio di Auschwitz

È il 27 gennaio, Giornata della Memoria per non dimenticare l’Olocausto. Fu scelta proprio questa…

27/01/2023

Genova, frattura alla spalla per infermiera aggredita da paziente. Opi La Spezia: “Bisogna decongestionare i pronto soccorso”

L'episodio si è verificato nell'ambulatorio di Diabetologia del Palazzo della Salute Fiumara. Un'infermiera dell'ambulatorio di…

27/01/2023

Napoli, “Striscia la Notizia” documenta il caos al Pronto soccorso del Cardarelli: pazienti in barella anche per 10 giorni

Le immagini del servizio realizzato dall'inviato Luca Abete parlano chiaro. Per il personale sanitario, più…

27/01/2023