Quanto durano gli anticorpi del Covid-19? 4 mesi per IgG e 2 mesi IgA e IgM

Un nuovo studio, pubblicato su Science Immunology e condotto dai ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH), prova a dare una risposta alla domanda sul quanto durano gli anticorpi del Covid-19.

Lo studio dimostrerebbe che la misurazione degli anticorpi può essere uno strumento accurato per monitorare la diffusione del virus.

Advertisements

“C’è un grande divario di conoscenza in termini di quanto durano le risposte anticorpali”, ha affermato Richelle Charles, MD, ricercatore della Divisione di malattie infettive presso MGH e autore senior dell’articolo. Per studiare la questione si sono analizzati i campioni di sangue da 343 pazienti con COVID-19, la maggior parte dei quali aveva casi gravi. I campioni di sangue sono stati prelevati fino a quattro mesi dopo la comparsa dei sintomi di un paziente. Il plasma è stato isolato e applicato a piastre da laboratorio rivestite con il dominio di legame del recettore (RBD) della proteina “spike” del virus, che si lega alle cellule, provocando l’infezione. Il team ha studiato il modo in cui diversi tipi di anticorpi nel plasma si legano all’RBD.

I ricercatori hanno scoperto (spiega anche salutedomani.com) che la misurazione di un anticorpo chiamato immunoglobulina G (IgG) era estremamente accurata nell’identificare i pazienti infetti, che presentavano sintomi per almeno 14 giorni

. “Poiché il test PCR standard (tampone nasale) per SARS-CoV-2 perde sensibilità nel tempo, aumentarlo con un test per gli anticorpi in pazienti che hanno avuto sintomi per almeno 8 giorni (momento in cui il 50% sta producendo anticorpi) aiuterà a identificare alcuni casi positivi, che altrimenti potrebbero sfuggire”, aggiunge Charles.

I ricercatori hanno scoperto che i livelli di IgG sono rimasti elevati in questi pazienti per quattro mesi e sono stati associati alla presenza di anticorpi neutralizzanti protettivi, che hanno anche dimostrato una piccola diminuzione dell’attività nel tempo. “Ciò significa che molto probabilmente le persone sono protette per quel periodo di tempo. Abbiamo dimostrato che le risposte anticorpali chiave a COVID-19 persistono” ha aggiunto Charles.

Charles e i suoi colleghi hanno dimostrato anche che le persone infettate da SARS-CoV-2 avevano risposte di immunoglobuline A (IgA) e immunoglobuline M (IgM) di durata relativamente breve, scendendo a livelli bassi entro circa due mesi e mezzo di meno, in media. “Possiamo dire ora che se un paziente ha risposte IgA e IgM, probabilmente è stato infettato dal virus negli ultimi due mesi”, ha affermato Charles.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

ASST Bergamo Est: concorso pubblico per 5 posti di operatore socio sanitario

Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) di Bergamo Est Concorso pubblico - per titoli ed esami -…

03/07/2022

Istituto Oncologico Veneto: avviso pubblico per infermieri

In esecuzione della deliberazione del Direttore Generale n. 518 del 15.06.2022 è indetto avviso pubblico…

03/07/2022

Università: Messa,14.740 posti per iscrizioni a Medicina, aumentano (di poco) i posti a infermieristica 

ROMA, 02 LUG - Il Ministro dell'università e della ricerca, Maria Cristina Messa, ha firmato…

03/07/2022

Cerignola: medici e infermieri del P.S. brutalmente aggrediti

Ancora una volta medici e infermieri oggetto di gravi aggressioni. Questa volta siamo a Cerignola…

03/07/2022

L’Ordine degli Infermieri di Perugia si esprime sulla sentenza del Consiglio di Stato che boccia le UDI (Unità di Degenza Infermieristica) 

"L'Ordine degli Infermieri di Perugia (OPI) chiarisce la propria posizione sulla sentenza adottata dal Consiglio di…

02/07/2022

Violenza infermieri: è necessario agire sulla leva della comunicazione di massa

Sanità, Nursing Up De Palma: «Violenza infermieri: è necessario agire, una volta per tutte, sulla…

01/07/2022