Politica & Sindacato

Nursing Up: «Dopo le nostre determinate prese di posizione, il portavoce del CTS, Silvio Brusaferro, chiarisce che tutti gli operatori sanitari saranno vaccinati con la terza dose»

«Naturalmente dopo gli 80enni e gli immuno depressi»

ROMA 30 SETT 2021 – «Apprendiamo con moderata soddisfazione la notizia riguardante gli ulteriori chiarimenti che Silvio Brusaferro, portavoce del CTS, ha voluto rilasciare nelle ultime ore agli organi di stampa. Prendiamo atto di quanto emerge dalle sue parole, in relazione alla terza dose.

Il Presidente dell’Istituto Superiore Sanità lascia intendere che saranno inclusi nella nuova somministrazione anche gli infermieri e tutti gli altri operatori sanitari. Naturalmente dopo aver dato priorità agli ottantenni e agli immunodepressi, includendo tra questi anche i professionisti della salute con patologie pregresse». Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up.

«Non possiamo che accogliere con cauto ottimismo questa posizione di Brusaferro e del Comitato Tecnico Scientifico. Noi, come sindacato degli infermieri, non siamo mai entrati nel merito della decisione, non ci siamo mai posti a favore o contro la terza dose. Non ci compete.

Ma abbiamo rivolto più volte accorati appelli a non ignorare tutti quegli operatori sanitari che, vaccinati a inizio anno, seppur in buone condizioni di salute di base, sono oggi a rischio e potrebbero pagare a caro prezzo, nel tempo, la riduzione dell’efficacia della loro immunità.

Abbiamo chiesto al Ministero della Salute di proseguire negli studi sul vaccino, fornendoci le evidenze scentifiche della sua efficacia in relazione alle nuove varianti. E inoltre di chiarire le posizioni ufficiali sulla necessità o meno della terza dose per tutti gli operatori sanitari.

Confermiamo la necessità di effettuare piani preventivi di contrasto al Covid 19, promuovendo un comportamento omogeneo degli enti sanitari con screening continuativi, senza tralasciare, tra questi, la misurazione dei livelli anticorpali.  

Oggi apprendiamo che tutti i professionisti della salute, nelle intenzioni del Comitato Scientifico, saranno sottoposti alla terza dose.

Naturalmente è sacrosanto che si parta da quelli più a rischio. Siamo di fronte a un importante passo in avanti rispetto alle nostre richieste pubbliche, non c’è dubbio.

Attendiamo per tanto la coerenza e la concretezza di una regolamentazione specifica e di un calendario delle somministrazioni, suddiviso per età e/o categoria di operatori sanitari. Così da corroborare il nostro cauto ottimismo».

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Mieloma multiplo, disponibili anche in Italia gli anticorpi farmaco-coniugati

GSK annuncia l'arrivo di belantamab mafodotin, una delle “armi” intelligenti contro la seconda neoplasia ematologica…

01/12/2021

Campobasso, nuova piattaforma interventistica guidata da immagini attiva al Gemelli Molise

Il dispositivo, chiamato Azurion, permette una visione più accurata, esponendo il paziente e il personale…

01/12/2021

Austria, pugno duro contro i no vax: multe salatissime in vista

Oltre all'obbligo vaccinale, che scatterà il 1° febbraio, il governo di Vienna intende introdurre sanzioni…

01/12/2021

Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere

L'episodio, riferito dal segretario generale di Fns Cisl Lazio, è avvenuto in carcere. Dopo aver finto…

01/12/2021

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30 giorni. 107 infermieri ogni 24 ore si infettano»

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30…

01/12/2021

Taranto: Delusione degli idonei al concorso per Operatori in Sanitaservice: sit-in di protesta dei sindacati

"IL LAVORO CONTESO" non è il titolo di un film ma è l'amara delusione dei…

01/12/2021