Notizie primo piano

Lombardia, sarà più semplice diventare oss

Grazie al protocollo d’intesa tra Regione e Ufficio scolastico, la cui firma è prevista nei prossimi giorni, per chi ha concluso il corso di formazione regionale basteranno 300 ore di formazione integrativa.

In Lombardia i giovani neodiplomati che hanno concluso il corso di formazione regionale abilitante al lavoro di operatore socio-sanitario non dovranno più proseguire con ulteriori mille ore di didattica, ma basteranno 300 ore di formazione integrativa. Inoltre, per coloro in possesso dei requisiti necessari, sarà possibile l’accesso diretto all’esame abilitante alla professione di oss. Lo prevede la delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alla Formazione e al lavoro, Melania Rizzoli, di concerto con la vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti, e con l’assessore con delega all’Istruzione, Fabrizio Sala.

Advertisements

La misura si rivolge nello specifico a studenti e studentesse in possesso del diploma di tecnico dei servizi sociosanitari o servizi per la sanità e

l’assistenza sociale, che hanno già acquisito, in tutto o in parte, le competenze maturabili durante il corso per l’accesso alla professione di oss. Il provvedimento autorizza a siglare il protocollo d’intesa tra Regione Lombardia e Ufficio scolastico regionale. La firma è prevista nei prossimi giorni.

“E’ una novità necessaria, quella introdotta oggi – dichiara l’assessore Rizzoli –, in quanto consente ai nostri giovani il riconoscimento dei crediti per l’accesso al corso di formazione regionale abilitante alla professione di operatore socio-sanitario. Ai ragazzi diplomati nei percorsi di tecnico dei servizi socio-sanitari e servizi per la sanità e l’assistenza sociale è garantita una veloce transizione dalla formazione al lavoro: una vera conquista e una reale risposta alle esigenze dei nostri territori in questo particolare momento storico”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021