Normative

Lecco, riconosciuto il tempo divisa ai sanitari: l’Asst deve pagare

Il Tribunale del lavoro ha dato ragione ai cinque ricorrenti. Altri 79 hanno ottenuto il riconoscimento delle medesime condizioni economiche in sede extragiudiziale. Il risarcimento complessivo ammonta a oltre 77mila euro.

Il Tribunale del lavoro ha riconosciuto la legittimità della richiesta avanzata nel marzo 2020 da cinque operatori dell’ospedale Manzoni di Lecco contro l’Asst Lecco, con l’obiettivo di ottenere il riconoscimento del tempo di vestizione come parte integrante dell’orario lavorativo.

Advertisements

Non solo. Su invito del giudice, i cinque ricorrenti hanno sottoscritto un accordo di conciliazione con l’Asst, cui ha fatto seguito la parallela sottoscrizione – in sede extragiudiziale, con il patrocinio della Uil – di un analogo verbale di conciliazione che ha permesso di estendere le medesime condizioni economiche (il riconoscimento forfettario di sette minuti a turno per ogni ricorrente) ad altri 79 dipendenti della stessa Azienda (infermieri, oss e tecnici di laboratorio).

Decisamente positivo l’esito dell’azione legale, a seguito della quale il giudice ha disposto a carico dell’Asst il pagamento di 10.784,80 come rimborso delle spese legali, e di 77.482,47 euro (oltre oneri, ove dovuti) come somme riconosciute in via conciliativa a favore dei cinque ricorrenti e dei 79 dipendenti che hanno conciliato invia extragiudiziale.

“Altre aziende, come l’Asst di Como, avevano già siglato accordi sindacali sul tempo divisa, ma non l’Asst di Lecco

– ha spiegato Massimo Coppia, segretario responsabile Sanità pubblica di Uil Fpl del Lario, Como e Lecco –. E’ pleonastico che un dipendente debba rivolgersi a un tribunale del Lavoro per ottenere il riconoscimento di un diritto leso. Abbiamo portato un po’ di soldi in tasca ai nostri colleghi e stiamo ancora effettuando nuovi ricorsi per il riconoscimento del diritto. Nelle buste paga, da questo mese, i dipendenti stanno già percependo gli acconti degli arretrati non corrisposti. Si va da 1.200-1.500 euro a 700-800, a seconda della presenza del personale in turno. Soldi che non sono stati riconosciuti prima perché l’Azienda non aveva voluto stipulare accordi con il sindacato”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021