Specializzazioni

Le responsabilità dell’infermiere e dell’Oss nel Wound Care

La figura dell’operatore socio sanitario, nasce con l’accordo del 22 febbraio 2001 (pubblicato sulla G.U. n. 91 del 19/04/2001) in seno alla conferenza Stato Regioni.

La sua istituzione nasce dall’esigenza di migliorare la qualità assistenziale, coadiuvando l’Infermiere, unica figura responsabile del processo assistenziale (D.M. 739/94).

L’attuazione del processo assistenziale, permette la costruzione di un percorso logico, che consente all’infermiere, attraverso un processo decisionale, di attribuire compiti al personale di supporto, e di organizzare il processo assistenziale.

Advertisements
I cambiamenti che hanno investito il SSN hanno portato grandi modifiche sul piano organizzativo e professionale infermieristico possono essere articolati in 4 punti fondamentali:
  • Una nuova domanda di salute connotata da una sempre maggiore consapevolezza dei cittadini.
  • Innovazioni del SSN quali l’aziendalizzazione, l’istituzione del SSR, istituzione dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), programma ECM ecc.
  • La riforma dei percorsi formativi infermieristici a partire dalla L. 341/90 (ist. DU) fino al D.M. 9 luglio 2004 che ha dato avvio alla Laurea Specialistica.
  • L’evoluzione dell’esercizio professionale iniziato con il D.M. 739/94, seguito dalla L.42/99, dal Cod. Deontologico, dalla L.251/2000 e dalla L. 43/2006.

L’OSS è responsabile degli interventi assistenziali da lui svolti, compresi e definiti nel processo assistenziale. L’assegnazione e/o accettazione delle attività sanitarie e sociali dipendono dalle condizioni psico-fisiche delle persone da assistere, condizioni che vengono definite dall’Infermiere.

Somministrazione di farmaci

L’OSS, sotto la vigilanza e su assegnazione dell’Infermiere responsabile dell’assistenza, aiuta l’utente per la corretta assunzione dei farmaci prescritti e utilizza correttamente apparecchi medicali di semplice uso.

Durante lo svolgimento del lavoro assegnato, l’OSS deve sapere riconoscere evidenti segni di anomalie e di cambiamenti della persona assistita che dovrà tempestivamente segnalare all’Infermiere.

Le responsabilità

La responsabilità assegnata all’infermiere per legge riguarda nello specifico la valutazione, pianificazione, monitoraggio dell’assistenza alla persona e comporta che, se necessario, al momento dell’attribuzione di un compito-attività ad un operatore di supporto, l’infermiere valuti la sua capacità tecnico professionale mantenendo le funzioni di controllo e la possibilità di intervenire sull’operato.

Questo significa che quando l’infermiere si avvale di operatori di supporto, deve costantemente e preventivamente verificare il livello di competenza di tali figure; discernere attentamente se e quali mansioni affidare e garantire sistematica e adeguata supervisione su quanto in via di effettuazione, mantenendo comunque la responsabilità dei risultati.

Una mancata selezione e vigilanza e le colpe che possono derivare all’infermiere un addebito di corresponsabilità possono atteggiarsi come colpa nell’attribuzione di attività.

In particolare nella scelta dell’oggetto della funzione da attribuire o nella scelta del destinatario di essa (culpa in eligendo), e come colpa nella sorveglianza sull’operato del destinatario della delega stessa (culpa in vigilando).

Nel caso del trattamento delle lesioni da pressione, l’infermiere ha la responsabilità del caso, della pianificazione dell’assistenza, e l’OSS ha la responsabilità esecutiva. In dettaglio, l’infermiere esegue la valutazione della lesione, pianifica il trattamento locale sulla base della valutazione complessiva dell’individuo e degli obiettivi di trattamento.

L’OSS può eseguire delle medicazioni semplici (a piatto) come ad esempio la medicazione delle lesioni di categoria/ grado/stadio 1, sulla base delle indicazioni derivate dalla pianificazione infermieristica, può assistere l’infermiere nell’esecuzione delle medicazioni complesse, ma non può effettuare le stesse.

Lucia Gravina

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Tumore del pancreas, nascono a Brescia le linee guida europee sulla chirurgia mininvasiva

Si tratta di un importante passo avanti per rendere sempre più vincente l’approccio chirurgico. Provenienti…

30/09/2022

Dolore addominale: come capire se è appendicite

Ecco quali segnali possono indicare che il disturbo deriva da un'infiammazione dell'appendice. Ancora non abbiamo…

30/09/2022

Autismo, studio svedese: “Nessun legame causale con le infezioni contratte dalla madre durante la gravidanza”

E' quanto sostengono i ricercatori del Karolinska Institute di Solna. In passato la ricerca ha…

30/09/2022

Oggi un infermiere potrebbe candidarsi a Ministro della Salute?

Alla luce delle nuove elezioni politiche, della recente pandemia, (che a noi infermieri) ci ha…

30/09/2022

Tumore al seno, individuata proteina che rende inefficaci alcune terapie ormonali

Il ruolo chiave della discherina nell'ostacolare le cure è stato scoperto da un gruppo di…

30/09/2022

Nursing Up: “In Friuli decolla il tanto atteso piano dell’infermiere di famiglia. Speriamo non sia un sassolino nell’oceano”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa con le dichiarazioni di Antonio De Palma, presidente nazionale…

30/09/2022