Notizie primo piano

Infortuni sul lavoro e malattia professionale: aggiornato l’importo dell’indennizzo per danno biologico

L’Inail ha comunicato i risultati della rivalutazione automatica su base annua delle prestazioni erogate a titolo di assicurazione.

Come ogni anno, il ministero del Lavoro ha aggiornato l’importo dell’indennizzo da danno biologico in caso di infortunio sul lavoro e malattia professionale. La consueta rimodulazione è eseguita in base all’aumento del costo della vita e recepita dall’Inail, che con la circolare n. 14 ha recepito il Decreto ministeriale n. 60 del 25 marzo 2021, comunicando i risultati della rivalutazione automatica su base annua delle prestazioni erogate a titolo di assicurazione.

Tale rivalutazione corrisponde alla variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo delle famiglie, che tra il 2019 e 2020 risulta pari allo 0,5%. L’aggiornamento riguarda sia i ratei delle rendite sia gli indennizzi pagati una tantum e relativi a eventi lesivi verificatisi dal 1° luglio 2020. Inoltre la rivalutazione si aggiunge agli incrementi riconosciuti negli anni precedenti e si applica agli importi degli indennizzi del danno biologico riferiti alla tabella vigente, approvata per il triennio 2019-2021.

Si ricorda che il danno biologico consiste nella quota di integrità fisica che si perde a causa di un evento lesivo e che viene risarcita dall’Inail tramite il pagamento di una somma, la cui entità si differenzia in base al grado di danno subito

, espresso in punti percentuali. La somma che si riceve sotto forma di indennizzo del danno biologico è esente dal pagamento dell’imposta sui redditi delle persone fisiche (Irpef).

Tale importo è erogato dall’Inail con le seguenti modalità seguenti:

  • In forma capitale, in un’unica soluzione, in caso di infortunio o malattie con invalidità pari o superiore al 6% e inferiori al 16%, quantificato anche in base all’età di chi ha subito il danno, a prescindere dal fatto che questo sia causato da un infortunio o da una malattia professionale;
  • In forma di rendita, quindi con prestazioni periodiche, in caso di infortuni o malattie con invalidità non inferiore al 16%, soggetta a revisione entro 10 anni in caso di rendita da infortunio ed entro 15 in caso di rendita da malattia professionale.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ungheria: migliaia di infermieri in sciopero contro bassi stipendi e carenza di personale

Sono stati migliaia gli infermieri ad essere scesi in piazza in Ungheria, in una gigantesca…

22 minuti ago

Sanità. Prolungati i termini della Legge Madia

Passa al Senato la modifica della Legge Madia: prolungati i termini della stabilizzazione dei precari…

8 ore ago

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze

Innovativa tecnica ottica per l’indagine macroscopica ad alta risoluzione. Pubblicazione su Nature Methods a cura…

20 ore ago

CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi

La variante Delta del coronavirus, in aumento negli Stati Uniti, sembra causare disturbi più gravi…

21 ore ago

Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze…

21 ore ago

Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?

Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all'utilizzo quotidiano della mascherina, o…

22 ore ago