Notizie primo piano

In prima linea nella guerra contro il Covid-19: due infermieri spezzini nominati Cavalieri della Repubblica

Due infermieri spezzini e due medici impegnati in prima linea nella lotta al Coronavirus sono stati insigniti dal Prefetto Maria Luisa Inversini col titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana, per essersi impegnati nell’emergenza epidemiologica Covid-19.

Si tratta di Mino Orlandi, direttore del dipartimento di Prevenzione Asl5, Cinzia Sani, primario di Anestesia e Rianimazione e direttore dipartimento Emergenza-urgenza, Gianluca Bellotto, infermiere di pronto soccorso Asl5 e Valentina Ferrari, infermiera al Sacro Cuore di Brugnato.

“Voglio ringraziare tutte le persone che si sono congratulate con me per questa onorificenza – ha dichiarato Orlandi, purtroppo per ragioni di servizio assente alla cerimonia. – In particolare la direzione aziendale, passata e attuale, che ha riposto fiducia in me assegnandomi incarichi di responsabilità nella gestione della pandemia. Il mio grazie va anche ai dipendenti del Dipartimento di Prevenzione e in modo particolare ai giovani assunti della Centrale operativa Contact Tracing-Tamponi e della Centrale Vaccinazioni Covid 19. Per questo ritengo che l’onorificenza assegnatami vada estesa idealmente a tutti i dipendenti volontari, cococo, colipro, che hanno partecipato alle tante attività che si sono rese necessarie nelle diverse fasi dell’emergenza e che con grande sacrificio, spirito di abnegazione e forte senso di appartenenza, hanno permesso di raggiungere i risultati che sono sotto gli occhi di tutti”.

“Ringrazio la direzione aziendale e condivido questa onorificenza con tutto il personale medico,

infermieristico, oss e con tutti i coordinatori – ha detto la dottoressa Sani – per l’instancabile lavoro svolto con abnegazione e grande umanità di fronte ad una malattia completamente diversa e sconosciuta . Il Covid ha determinato un coinvolgimento psicologico in tutti noi che ci porteremo per tutta la vita”.

Un grazie “a tutte le autorità e le istituzioni nazionali e locali da parte di Gianluca Bellotto “in grazie particolare alla prefettura, all’Asl 5 e all’Opi. Sento di dover fare una doverosa precisazione: ritiro questa onorificenza a nome di tutti i colleghi che, come me, si sono ammalati nell’esercizio delle loro funzioni con particolare riferimento a quelli del Pronto soccorso e della medicina d’urgenza, unità operativa duramente colpita dal Covid durante la prima ondata”.

“Sono onorata di questo riconoscimento e ringrazio chi mi ha proposto per riceverlo – ha concluso Valentina Ferrari – Sono qui in rappresentanza del privato non sempre tutelato come meriterebbe. Non credo di aver fatto più dei miei colleghi che in questo momento difficile hanno, come me, lavorato con professionalità, passione e molti sacrifici. A loro dedico questa onorificenza, a tutti quelli che ogni giorno svolgono il proprio lavoro, sempre pieno di soddisfazioni pur nelle difficoltà”.

Dott. Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Covid-19:”In Gran Bretagna si rischiano fino a 100.000 casi al giorno”

Le vittime, oltre 200 al giorno, sono ai livelli di inizio marzo, ma la pressione…

20/10/2021

Sanità, Nursing Up “Più attenzione sulla violenza agli operatori sanitari”

Sanità, Nursing Up: «Nell’ambito della delicata costruzione del nuovo contratto della sanità, la violenza sugli…

20/10/2021

Antibiotico-resistenza, Brusaferro (Iss): “Abbiamo un piano per contrastarla”

Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità ne ha parlato durante il suo interveto all'evento dal…

20/10/2021

Violenza sugli infermieri: uno studio analizza le cause

Presentati alla Conferenza internazionale dell’American Academy of Nursing i risultati di CEASE-IT. CEASE-IT, studio multicentrico…

20/10/2021

Treviso, muore 14 giorni dopo il vaccino anti-Covid: autopsia esclude correlazione

A causare il decesso della 49enne Nadia Positello sarebbe stata un'embolia polmonare. Indagato per omicidio…

20/10/2021

Genova, mancano 300 infermieri al San Martino: via agli accorpamenti dei reparti

La carenza di personale, già cronica prima della pandemia, è aumentata con le sospensioni di…

20/10/2021