Geni ‘zombie’ restano attivi per giorni dopo il decesso

Un esperimento curioso, che ha individuato centinaia di geni che rimangono attivi nei tessuti molte ore dopo la morte. L’utilità della scoperta? Migliorare la qualità dei trapianti d’organo.

E’ un esperimento di curiosità, per vedere che cosa accade quando muori”. Così spiega Peter Noble, microbiologo che ha diretto un team dell’University of Washington (Seattle, USA) nella realizzazione di uno studio (per ora pubblicato sul sito BioRxiv,  che non richiede la revisione della comunità scientifica, e citato sul sito della rivista Science) che ha trovato tracce di ‘vita’ dopo la morte. Il gruppo di scienziati ha infatti scoperto che alcune centinaia di geni restano attivi per diverso tempo dopo la morte: almeno 4 giorni per quanto riguarda i pesci e ‘solo’ due nei topi.

Molti di questi geni ‘zombie’ svolgono attività essenziali nei momenti di emergenza, come ad esempio attivare il sistema immunitario. Ma sono stati altri, quelli che hanno attirato l’attenzione dei ricercatori: geni che normalmente aiutano lo sviluppo dell’embrione e che non sono necessari dopo la nascita del bambino; ed anche alcuni ‘pezzi’ di Dna che favoriscono lo sviluppo di tumori.

Advertisements

Qual è l’utilità di questa scoperta? Come dice Noble, potrebbe aiutare a capire come mai le persone che ricevono un trapianto da donatore morto abbiano un più elevato rischio di cancro

; oppure, come afferma il farmacologo Ashim Malhotra (non coinvolto nella ricerca) della Pacific University dell’Oregon, potrebbe essere usata in futuro per “un dispositivo diagnostico in grado di predire la qualità di un trapianto”.

Ecco invece il punto di vista di Carlo Alberto Redi, genetista e biologo all’Università di Pavia: “Questo risultato non mi sorprende e non gli attribuirei una rilevanza superiore a quella che ha realmente. Stiamo parlando del fatto che la molecola del Dna, in certe condizioni, può mantenere la sua attività biochimica anche se l’animale a cui appartiene è morto. Sappiamo dagli studi paleontologici che persino alcuni tratti del genoma dell’uomo di Nearderthal si sono conservati integri fino a noi, quindi non mi stupisce che uno o più geni possano esprimersi a qualche giorno dal decesso”.

Chi si aspettava un’imminente ‘alba dei morti viventi’… rimarrà inevitabilmente deluso. Almeno per ora.

Alessio Biondino

Fonti: AdnKronos, Repubblica, Biorxiv, Science

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Evento Ecm gratuito (9 crediti) sull’infermiere di famiglia e comunità

Il corso di formazione ha l’obiettivo di trasmettere i contenuti principali sulle caratteristiche, funzioni e ruoli…

24/09/2022

Si blocca la porta della stanza di degenza e la paziente muore: infermiere indagato per omicidio colposo

SULMONA – Non avrebbe dovuto abbandonare, come da linee guida, la sorveglianza costante della paziente…

23/09/2022

Crisi Ssn: Cgil, Cisl, Uil, Fials e Nursind annunciano mobilitazione nazionale a Roma per il 29 ottobre

I segretari generali dei sindacati chiedono interventi urgenti alla politica per risolvere i gravi problemi…

23/09/2022

Scompenso cardiaco, individuata nel cuore una proteina che ne facilita lo sviluppo

La presenza di SGLT2 è stata dimostrata da uno studio congiunto condotto da Università Vanvitelli…

23/09/2022

Sla, scoperta la prima cura per pazienti con specifica mutazione genetica

Uno studio internazionale al quale ha preso parte il Centro Sla dell’ospedale Molinette di Torino…

23/09/2022

Russia, scoperto virus simile al Sars-CoV2 in un pipistrello: resiste ai vaccini anti-Covid

Denominato Khosta-2 e appartenente alla sottocategoria dei sarbecovirus, sarebbe resistente sia agli anticorpi monoclonali che al siero di individui vaccinati…

23/09/2022