Prevenzione

È più pericoloso un conducente in stato di ebbrezza o uno che utilizza il cellulare mentre guida?

È più pericoloso incontrare per la strada un conducente ubriaco oppure uno che si distrae utilizzando uno smartphone?

Questo è il quesito che si sono posti i ricercatori della University of Utah nello studio pubblicato sulla rivista scientifica “Human Factors”.

L’obiettivo che si sono posti è stato quello di determinare le relative menomazioni associate ad incidenti nei quali i conducenti stavano conversando con il cellulare in mano mentre avrebbero dovuto essere impegnati esclusivamente alla guida.

Le evidenze epidemiologiche suggeriscono che il rischio relativo di causare un incidente stradale mentre si utilizza un cellulare alla guida di un’auto sia similare al pericolo che si potrebbe avere guidando con un alcolemia appena superiore a 0,50 g/L.

L’obiettivo di questa ricerca è stato fornire un confronto diretto della performance alla guida di un simulatore in un laboratorio di test di chi utilizza uno smartphone senza auricolare nella propria mano, di chi utilizza un dispositivo viva-voce e di chi conduce il veicolo in stato di ebbrezza.

Metodologia: È stato utilizzato un simulatore di guida iper-realistico ad alta definizione attraverso il quale sono stati ricreati diversi scenari. Il primo gruppo di guidatori ha condotto il veicolo senza avere assunto alcolici ma utilizzando il proprio telefonino.

Al secondo gruppo di persone invece sono state somministrate bevande alcoliche fino al raggiungimento della sintomatologia dell’intossicazione da etanolo (concentrazione di alcol nel sangue allo 0,08% peso corporeo/volume).

Risultati: il livello di attenzione e la velocità ad iniziare la manovra di frenata sono notevolmente ridotti quando il conducente è impegnato in una conversazione telefonica, sia che stia usando un dispositivo vivavoce o che stia impugnando lo smartphone per avvicinarlo all’orecchio.

D’altro canto, quando il guidatore è in stato di ebrezza a causa dell’intossicazione da etanolo, esibisce uno stile di guida molto più aggressivo, riducendo la distanza dal veicolo che lo precede ed applicando maggiore pressione sul pedale in caso di manovra di frenata urgente.

In conclusione, rapportando le condizioni dei guidatori ed il tempo di esecuzione delle manovre necessarie ad evitare un incidente, è possibile affermare che i danni a conducenti e pedoni di chi guida utilizzando il cellulare possano essere sovrapponibili a quelli provocati da una persona ubriaca.

Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Covid-19, quasi 50.000 nuovi casi in UK ieri. Sotto accusa la nuova variante AY.4.2

Quasi 50.000 contagi ieri, oltre 200 morti oggi, al picco da marzo per quanto appesantiti…

19/10/2021

Psoriasi, identificati i fattori di rischio che ne favoriscono la comparsa

Su Alleati per la Salute è stato pubblicato un focus riguardante i trigger che possono…

19/10/2021

Infertilità femminile: iniezioni di plasma concentrato per favorire la gravidanza

La soluzione arriva dalla medicina rigenerativa. Se ne discuterà al prossimo Congresso Giovani SIMCRI. La…

19/10/2021

Vergallo (Presidente AAROI) sull’emergenza-urgenza “ci sono situazioni in cui gli infermieri possono praticare farmaci salvavita, senza sostituirsi al medico”

“Ci sono sistemi di emergenza-urgenza, in regioni come la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Veneto e…

19/10/2021

Alopecia e vitiligine: i nuovi orizzonti della fotoprotezione a basso impatto ambientale

Ne hanno parlato i dermatologi della SIDeMaST, riuniti in streaming al loro 95esimo Congresso. Formulazioni…

19/10/2021

Menopausa: nuova terapia basata su combinazione di due ormoni naturali

Il 17 beta estradiolo e il progesterone micronizzato hanno una struttura chimica identica a quella degli ormoni…

19/10/2021