NT - News

“Droni delivery”: 50 nuovi piloti per trasportare farmaci e materiale sanitario in brevissimo tempo

Un esercito di nuovi professionisti sarà impegnato nel progetto denominato “Droni delivery”. Nei prossimi scenderà mesi in campo una flotta di 20 droni e 50 piloti altamente formati per raggiungere isole e luoghi remoti.

La Croce Rossa Italiana si affida alla tecnologia per ridurre costi e tempi di trasporto di materiale sanitario urgente con l’obiettivo di essere sempre più efficace nel fornire risposte in emergenza e salvare vite umane.

E lo fa attraverso l’utilizzo di droni delivery di ultima generazione configurati ad hoc per la CRI, in grado nei prossimi mesi di trasportare fino a 15Kg di peso con una flotta di 20 velivoli e 50 piloti altamente formati.

Questi mezzi raggiungeranno in brevissimo tempo luoghi remoti, colpiti da calamità naturali o difficilmente raggiungibili e saranno utilizzati soprattutto per la consegna di farmaci salvavita, sangue o tamponi.

Droni delivery, il test

Un primo test si è tenuto alcune settimane fa sulle coste siciliane.

I piloti CRI, dando vita ad una simulazione, hanno fatto alzare in volo un drone delivery ad un’altezza di 40 metri da terra che dalla banchina del porto di Trapani ha trasportato farmaci urgenti verso la nave GNV Aurelia, tra le imbarcazioni di sorveglianza sanitaria che si trovano in rada in Sicilia per l’accoglienza delle persone migranti.

Un’attività, quella della sorveglianza sanitaria a bordo delle navi, che la CRI porta avanti da aprile 2020 anche grazie al supporto del Comitato Regionale siciliano dell’Associazione.

La simulazione, a cui hanno preso parte la Prefettura, il Comune di Trapani e la Capitaneria di Porto che ha impiegato due motovedette a garanzia della sicurezza dell’esercitazione, ha visto arrivare a destinazione il drone in un tempo di cinque minuti e 30 secondi, contro i 35 normalmente impiegati dal trasporto via mare con imbarcazioni di medie dimensioni ed è riuscita perfettamente.

Il drone delivery è stato controllato da terra da un pilota, il quale ha mantenuto sempre un contatto visivo con lo stesso ed è stato coadiuvato da altro personale addestrato a bordo della nave, sempre in costante contatto radio.

La Croce Rossa non è nuova nell’operatività in emergenza e soccorso con l’utilizzo di queste tecnologie ed ha personale formato attraverso la sua Unità Droni, SAPR (Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto).

Tutti i piloti sono formati presso il Centro Addestramento Nazionale SAPR CRI.

Fonte: Emergency-live.com

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Citomegalovirus, Fda approva il farmaco maribavir 

Si tratta del primo trattamento per pazienti con infezione post-trapianto che non rispondono agli antivirali.…

01/12/2021

Mieloma multiplo, disponibili anche in Italia gli anticorpi farmaco-coniugati

GSK annuncia l'arrivo di belantamab mafodotin, una delle “armi” intelligenti contro la seconda neoplasia ematologica…

01/12/2021

Campobasso, nuova piattaforma interventistica guidata da immagini attiva al Gemelli Molise

Il dispositivo, chiamato Azurion, permette una visione più accurata, esponendo il paziente e il personale…

01/12/2021

Austria, pugno duro contro i no vax: multe salatissime in vista

Oltre all'obbligo vaccinale, che scatterà il 1° febbraio, il governo di Vienna intende introdurre sanzioni…

01/12/2021

Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere

L'episodio, riferito dal segretario generale di Fns Cisl Lazio, è avvenuto in carcere. Dopo aver finto…

01/12/2021

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30 giorni. 107 infermieri ogni 24 ore si infettano»

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30…

01/12/2021