Disturbi del linguaggio, riparte la Scuola di specializzazione in Psicoterapia psicodinamica dell’età evolutiva IdO-MITE

L’Istituto di Ortofonologia forma i futuri psicoterapeuti a lavorare con i bambini.

“L’Istituto di Ortofonologia (IdO) approccia ai disturbi del linguaggio in maniera globale, ossia non consideriamo solo l’aspetto esclusivamente verbale. E’ una cosa per noi molto importante. Con gli psicologi che si formano come psicoterapeuti lavoriamo quindi ad affrontare il linguaggio in tutti i suoi aspetti considerando anche quello che viene prima del linguaggio vero e proprio. Ad esempio se pensiamo a bambini molto piccoli vediamo che si esprimono e comunicano con tantissimi altri strumenti come lo sguardo, il vocalizzo, il dialogo tonico e quindi l’espressività corporea non verbale”. Così Paola Vichi, psicoterpeuta e logopedista IdO, che spiega come la Scuola di specializzazione in Psicoterapia psicodinamica dell’età evolutiva IdO-MITE formi i futuri psicoterapeuti a lavorare con bambini che presentano disturbi del linguaggio.

Advertisements

“Spesso uno psicologo o psicoterapeuta si può trovare a lavorare con situazioni molto gravi – continua Vichi –, e nel proprio lavoro terapeutico deve essere formato, oltre che abituato, a utilizzare canali che non siano solo quello verbale”. Per questo la Scuola IdO-MITE prevede laboratori e specifiche attività di formazione che consentano ai futuri psicoterapeuti di sperimentare su loro stessi e “comprendere il disturbo del linguaggio come un disturbo complesso in cui si devono considerare tutti gli aspetti possibili della comunicazione”

, sottolinea l’esperta IdO.

Dalla diagnosi alla terapia. “Lavoriamo con gli psicologi-psicoterapeuti anche alla formazione della parte valutativa – spiega ancora Vichi –, quindi della capacità di osservare e valutare il disturbo del linguaggio imparando a distinguere quando si tratta di un disturbo vero e proprio e quando, invece, si è in una fase evolutiva in cui ci sono delle vulnerabilità che non sempre esitano in un disturbo”.

Gli psicoterapeuti vengono formati anche “a collaborare con altre figure che spesso si trovano nelle equipe che lavorano sui bambini con disturbi del linguaggio come per esempio il logopedista, il neuropsicomotricista o gli altri operatori che si occupano del lavoro educativo con la famiglia”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Rovigo: Paziente azzanna il dito dell’infermiere quasi fino a staccarlo

La donna che sembrava tranquilla e quindi non era indicata nessuna contenzione ha letteralmente azzannato a…

22/05/2022

Medici e infermieri uscivano in orario di lavoro per fare una passeggiata o gite al mare: 90 gli indagati a Roma 

Sono quasi 90 tra medici e infermieri gli indagati agli Istituti Fisioterapici Ospitalieri (Ifo) di…

22/05/2022

La dott.ssa Venosa presenta la tesi infermieristica sulla Raccomandazione Ministeriale n.14

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

21/05/2022

Skin Tear: una nuova frontiera da esplorare

Nei reparti di Geriatria o nelle Residenza Sanitaria Assistita la presenza di lesioni traumatiche agli…

21/05/2022

Sempre meno laureati in infermieristica: -9% secondo Uneba

Trovare infermieri per le ospedali, Rsa e sociosanitario sarà ancora più difficile in Veneto, la regione…

21/05/2022

Calcoli della colecisti, Colecistite acuta, Calcoli biliari: sintomi, cause, diagnosi e terapia

La colecistite acuta è un'infiammazione della colecisti (denominata anche cistifellea) che, di solito, si verifica quando…

21/05/2022