Notizie primo piano

Coronavirus, mascherina compatibile con malattie della pelle

Secondo gli esperti, non vi sono controindicazioni per chi soffre, ad esempio, di acne o rosacea.

Rinfrescare la pelle del viso con detergenti non aggressivi, applicare un dermocosmetico funzionale che possa spegnere le infiammazioni, e soprattutto massaggiare bene le creme per farle assorbire prima di indossare la mascherina necessaria per proteggersi dal coronavirus. Sono alcuni semplici accorgimenti per aiutare la propria cute quando si soffre acne, rosacea o altre malattie.

Advertisements

Non c’è comunque alcuna controindicazione nell’utilizzo di questo dispositivo. Lo hanno evidenziato i dermatologi in occasione del 94esimo Congresso SIDeMaST (Società italiana di dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle malattie sessualmente trasmesse), in versione digitale fino a domani, 6 novembre. Il messaggio rassicurante è diretto alle tante persone con problemi della pelle (l’acne interessa circa 4 milioni di persone, la rosacea circa 3milioni e 200mila), ma anche a chi ha una cute sana.

“La mascherina protettiva – sottolinea Giuseppe Monfrecola, dell’Università Federico II di Napoli – produce un microambiente ovviamente diverso rispetto alla cute libera, ma questo non vuol dire che quanti

soffrono di acne, rosacea o altre malattie della pelle non debbano indossarla. Anzi, devono indossarla con tranquillità. In particolare, occorre prestare cura nello spalmare i prodotti utilizzati, facendoli assorbire bene. In caso contrario, si crea una doppia copertura, della crema e della mascherina, che produrranno sofferenza alla cute. Fatto questo, stiamo tranquilli”. Per la pelle sana l’esperto evidenzia che “la mascherina, paradossalmente, tende a idratare la pelle, in quanto il respiro crea un microambiente caldo e umido”.

Un’altra arma per contrastare il coronavirus è poi detergere le mani, cosa che normalmente facciamo dalle sei alle dieci volte al giorno, e ora anche di più. E poi utilizzare il gel sanificante in bar e negozi, cosa che può accadere anche 20-30 volte al giorno. Il rischio di una dermatite irritativa, pur privilegiando acqua e sapone rispetto ai gel, è in agguato: il consiglio è una crema idratante dopo la detersione.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021