Coronavirus, arrivano in Italia le prime 47mila dosi di vaccino Moderna

Il Governo ipotizza la distribuzione solo tra le Regioni col più alto numero di somministrazioni, dando la precedenza a over 80 e docenti.

Oggi è previsto l’arrivo in Italia delle prime 47mila dosi di vaccino Moderna. Lo stock giungerà a Roma e sarà portato all’Istituto Superiore di Sanità, per poi essere spedito alle Regioni. Trattandosi di un carico piuttosto esiguo, il Governo sta valutando la possibilità di distribuirlo solo tra le Regioni più virtuose, cioè quelle che viaggiano più spedite con le somministrazioni.

Advertisements

Un’altra ipotesi è aprire la prima fase della campagna di vaccinazione agli over 80, per limitare i decessi e gli ingressi in terapia intensiva, e ai docenti, per far ripartire quanto prima la scuola in presenza in sicurezza. Al momento le inoculazioni coinvolgono solo operatori sanitari e Rsa

Ieri il commissario straordinario all’emergenza Covid, Domenico Arcuri, ha ribadito che entro la fine di marzo 6 milioni di italiani saranno vaccinati, ed entro la fine dell’anno il nostro Paese potrà contare su 60 milioni di dosi tra Pfizer e Moderna, sufficienti a proteggere 30 milioni di persone. Al momento non ci sarebbero problemi per l’approvvigionamento delle dosi, grazie all’accordo siglato dall’Unione

Europea con le due case farmaceutiche americane per il raddoppio delle forniture previste nel 2021.

Senza dimenticare l’arrivo imminente del vaccino di AstraZeneca, la cui commercializzazione dovrebbe essere autorizzata dall’Ema entro la fine di gennaio. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato la disponibilità dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta a essere protagonisti della campagna vaccinale «quando avremo a disposizione un numero di vaccini molto alto».

Intanto la Germania ha ricevuto ieri il primo lotto di farmaci Moderna. Il ministro della Salute, Jens Spahn, ha chiarito non si potrà scegliere il vaccino che si preferisce: le dosi sono troppo limitate, per uno scenario del genere. Stando al piano reso noto dal Governo tedesco, Moderna dovrà consegnare 3 milioni di dosi entro la fine del trimestre e 50 milioni entro la fine del 2021.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Salutequità: “Da Rapporto CREA giunge allarme disuguaglianze”

Il seguente comunicato stampa evidenzia la necessità di mettere in camponuove politiche per l’accesso alle…

31/01/2023

Protocollo Lilt-Fnopi: infermieri al fianco della Lega italiana per la lotta contro i tumori nella lotta al cancro

Previste azioni di comunicazione, prevenzione, formazione specifica per i cittadini e nelle scuole. Il protocollo…

31/01/2023

Padova, espianto di tessuto ovarico in laparoscopia eseguito su giovane paziente oncologica

Per l'assessore alla sanità del Veneto, Manuela Lanzarin, questo intervento "apre una strada importante per…

30/01/2023

Foggia, l’appello di un’oss del Gruppo Telesforo: “Non paragonateci a chi ha maltrattato i pazienti del Don Uva”

Nella lettera inviata alla redazione di Foggia Today un'operatrice socio-sanitaria chiede rispetto per chi svolge…

30/01/2023

Usl Toscana Nord Ovest, graduatoria bloccata per gli oss vincitori del concorso

Lo scorrimento è fermo per consentire la stabilizzazione degli assunti a tempo determinato durante l’emergenza…

30/01/2023

Prato, anziani maltrattati da infermieri e oss nella ex Rsa: Asl Toscana Centro va risarcita

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione a distanza di quasi otto anni dai fatti.…

30/01/2023