NT - News

Conseguenze del fumo nei pazienti con Crohn e colite ulcerosa

I pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD) che fumano sigarette o che le hanno fumate in precedenza erano a maggior rischio di neoplasia del colon-retto. I pazienti con malattia infiammatoria intestinale hanno un rischio maggiore di neoplasia colorettale (CRN) dovuta a infiammazione della mucosa.

Sono questi i risultati di uno studio pubblicati su Clinical Gastroenterology and Hepatology, ripreso da Pharmastar. “Il ruolo del fumo di sigaretta nello sviluppo di CRN in pazienti con IBD è quindi di particolare interesse, poiché l’esposizione al fumo di sigaretta è stata associata a un aumento del rischio a lungo termine di CRN nella popolazione generale attraverso il suo effetto cancerogeno, che causa danni genetici irreversibili, induzione di mutazioni e inizio della cancerogenesi” scrivono i ricercatori.

Advertisements

“Il fumo di sigaretta è associato a un aumento del rischio di complicanze poiché causa una maggiore infiammazione nella malattia di Crohn, mentre l’opposto si osserva nella colite ulcerosa con un decorso più benigno della malattia“.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 1.386 pazienti con IBD che avevano precedenti biopsie analizzate e riportate in un registro; i pazienti sono stati sottoposti a screening per CRN. Hanno valutato i fattori clinici e stratificato i pazienti per il rischio di CRN basato sulle linee guida.

Un totale di 153 pazienti (11,5%)

nello studio ha sviluppato CRN. I ricercatori hanno osservato che i fattori di rischio noti, compreso il parente di primo grado con CRN nel caso della malattia di Crohn e la presenza di polipi post-infiammatori nella colite ulcerosa, sono stati replicati nella loro coorte. Tra i pazienti con colite ulcerosa, lo stato di ex fumatore ha aumentato il rischio di CRN (HR=1,73; IC 95%, 1,05-2,85), mentre l’esposizione al fumo passivo non ha avuto alcun effetto. Tra i pazienti con Crohn, sia il fumo attivo (HR=2,2; 95% CI, 1,02-4,76) sia l’esposizione passiva al fumo (HR=1,87; 95% CI, 1,09-3,2) hanno aumentato il rischio di CRN.

“Sulla base dei risultati di questo studio, si potrebbero identificare i pazienti con Crohn, esposti al fumo di sigaretta, come parte di questo gruppo ad alto rischio”.

“Questa ipotesi è supportata dalla scoperta che l’aggiunta dell’esposizione al fumo di sigaretta alla stratificazione del rischio attualmente utilizzata per lo sviluppo del CRN potrebbe portare a un ulteriore perfezionamento dei gruppi ad alto e basso rischio”.

Kimberley W.J. van der Sloot et al., Cigarette smoke increases risk for colorectal neoplasia in inflammatory bowel disease. Clinical Gastroenterology and Hepatology.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Amburgo, paragona le mascherine alle camere a gas: no vax multato per un post su Facebook

Linea dura dei giudici tedeschi contro chi accosta le misure anti-pandemiche alla tragedia dell'olocausto. "La…

02/12/2021

Alto Adige, il canale Telegram che organizza eventi no vax si sente sotto attacco

Lichtblick Meran intende aumentare la propria privacy per contrastare la presenza di "spie e "troll".…

02/12/2021

Asl Benevento: infermieri vincitori e idonei del concorso aspettano da ottobre la firma del contratto 

Sembra una notizia d'altri tempi...ma invece no! E mentre tutta Italia cerca infermieri, la Asl…

01/12/2021

Covid-19: AIFA da il via libera per il vaccino Pfizer nei bambini da 5 a 11 anni

L’Agenzia Italia del Farmaco ha dato pochi minuti fa il via libera alla vaccinazione per…

01/12/2021

Polmonite batterica, sperimentato test super rapido: risultati in meno di due ore

Una ricerca condotta al Gemelli dimostra l’efficacia di FilmArray Pneumonia Plus, innovativo esame per la…

01/12/2021

Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa in aumento in Italia

Nuove diagnosi tra bambini, Over 60 e immigrati “Il 20-25% dei casi esordisce in età…

01/12/2021