Cittadino

Che cosa è l’ablazione cardiaca?

L’ablazione cardiaca è un trattamento eseguito in anestesia locale che consiste nel creare cicatrici in piccole zone del cuore affette da disturbi del ritmo cardiaco. Questa procedura serve ad evitare che gli impulsi elettrici anomali si muovano attraverso il cuore.

Perché si esegue?


L’intervento di ablazione cardiaca viene eseguito per trattare alcune disfunzioni nel ritmo cardiaco che non possono essere curate con i farmaci, come:

  • Fibrillazione atriale
  • Tachicardia atrioventricolare da rientro nodale (AVRNT)
  • Sindrome di Wolff-Parkinson-White
  • Tutte queste patologie, se non trattate, possono diventare pericolose.

In cosa consiste?


In primo luogo si ripulisce a fondo la pelle del braccio, dell’inguine o del collo e si desensibilizza l’area con un anestetico in modo da poter praticare una piccola incisione attraverso cui verrà introdotta una piccola sonda flessibile (catetere) per arrivare ad ai vasi sanguigni della zona da trattare e al cuore. Vengono utilizzati dei raggi X per guidare la sonda in modo accurato. Una volta posizionato il catetere, si collocano in diverse aree del cuore dei piccoli elettrodi connessi a un monitor in modo da individuare la causa del disturbo. In seguito, si utilizza una delle vie del catetere per mandare impulsi di energia elettrica col fine di provocare delle piccole cicatrici che serviranno a contenere il disturbo del ritmo cardiaco. La procedura può richiedere quattro o più ore. Durante il processo il cuore è sotto stretto monitoraggio e il dottore può chiedere al paziente se ha sintomi come capogiro, bruciore durante l’iniezione del farmaco o battito più veloce o più forte del normale.

Preparazione per l’ablazione cardiaca


Nei giorni

che precedono l’intervento, si dovrà informare il medico circa i farmaci che si sta assumendo e se si ha febbre, influenza, raffreddore, focolai di herpes o altre patologie. Il giorno in cui deve essere eseguita l’ablazione è necessario non mangiare e non bere a partire dalla mezzanotte della sera precedente e prendere i farmaci prescritti dal medico con un piccolo sorso d’acqua.

Recupero postintervento


Dopo l’intervento di ablazione cardiaca è necessario rimanere a letto per almeno un’ora fino a un massimo di 5-6 ore. Le dimissioni del paziente possono avvenire lo stesso giorno o il giorno successivo alla procedura, a seconda della situazione. In ogni caso è opportuno tornare a casa con un accompagnatore. Nei due o tre giorni successivi si possono presentare sintomi come dolore al petto, affaticamento o momenti in cui il battito è troppo veloce o irregolare. Questi possono essere alleviati con i farmaci prescritti dallo specialista curante.

Fonte: TopDoctors

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Covid-19:”In Gran Bretagna si rischiano fino a 100.000 casi al giorno”

Le vittime, oltre 200 al giorno, sono ai livelli di inizio marzo, ma la pressione…

20/10/2021

Sanità, Nursing Up “Più attenzione sulla violenza agli operatori sanitari”

Sanità, Nursing Up: «Nell’ambito della delicata costruzione del nuovo contratto della sanità, la violenza sugli…

20/10/2021

Antibiotico-resistenza, Brusaferro (Iss): “Abbiamo un piano per contrastarla”

Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità ne ha parlato durante il suo interveto all'evento dal…

20/10/2021

Violenza sugli infermieri: uno studio analizza le cause

Presentati alla Conferenza internazionale dell’American Academy of Nursing i risultati di CEASE-IT. CEASE-IT, studio multicentrico…

20/10/2021

Treviso, muore 14 giorni dopo il vaccino anti-Covid: autopsia esclude correlazione

A causare il decesso della 49enne Nadia Positello sarebbe stata un'embolia polmonare. Indagato per omicidio…

20/10/2021

Genova, mancano 300 infermieri al San Martino: via agli accorpamenti dei reparti

La carenza di personale, già cronica prima della pandemia, è aumentata con le sospensioni di…

20/10/2021