Infermieri

Batteri multiresistenti: disponibile Cefiderocol una nuova arma contro le infezioni ospedaliere da gram negativi

Il peggioramento del fenomeno dell’antibiotico-resistenza (AMR) degli ultimi anni porta con sé numerosi rischi per la salute e mette in difficoltà il sistema sanitario-assistenziale: se prima gli antibiotici risultavano efficaci e in grado di combattere infezioni comuni, oggi queste risultano difficili e costose da trattare, soprattutto tra i pazienti già vulnerabili a causa di altre patologie. Se ne è parlato oggi durante una conferenza stampa in cui sono stati illustrati anche dati di efficacia e di utilizzo nella pratica clinica di cefiderocol, la prima cefalosporina siderofora approvata al mondo in grado di dare copertura contro tutti i patogeni Gram-negativi.

Un nuovo antibiotico, una vera e propria arma terapeutica che consente di curare efficacemente i pazienti con infezioni ospedaliere e limitate opzioni di cura, e contrastare al tempo stesso il fenomeno dell’AMR.

Advertisements

L’arrivo in Italia di cefiderocol, cefalosporina siderofora di ultima generazione, rappresenta un passo avanti importante se pensiamo che, solo nel nostro Paese, oltre 10mila persone muoiono per infezioni causate da batteri resistenti a quasi tutti gli antibiotici e che la disponibilità di nuovi farmaci antimicrobici è stata fino ad oggi molto limitata, tanto che la nostra è stata definita l’era della“antibiotic discovery void”.

“Ogni anno in Europa si registrano 25mila decessi correlati alle infezioni da batteri multiresistenti e anche in Italia le percentuali di resistenza alle principali classi di antibiotici per i patogeni sotto sorveglianza si mantengono elevate. Inoltre, negli ultimi anni la Ricerca e Sviluppo di nuovi antibiotici ha faticato a colmare un importante bisogno, quale è quello delle infezioni resistenti, che genera un impatto elevato in termini di assistenza sanitaria e mortalità. Tutto questo rappresenta una grave emergenza clinica ed epidemiologica ed un monito per l’intera comunità scientifica a mettere in atto misure di contenimento” – commenta il Prof. Pierluigi Viale, Direttore del Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche, Università di Bologna.

“Combattere l’AMR è un dovere che non deve interessare i soli medici e farmacisti che se ne occupano principalmente, ma deve vedere coinvolti tutti. Quando un medico prescrive un antibiotico deve avere sempre l’obiettivo di migliorare l’outcome del paziente, ma deve anche applicare costantemente i principi di corretto utilizzo e gestione del farmaco, in una visione di sistema di antimicrobial stewardship”.

Cefiderocol è una nuova terapia antibiotica in grado di dare copertura contro tutti i patogeni aerobi Gram-negativi considerati di priorità critica dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) – Acinetobacter baumannii resistente ai carbapenemi, Pseudomonas aeruginosa ed Enterobacterales – indicata per il trattamento delle infezioni causate da tali batteri in pazienti adulti con opzioni di trattamento limitate. Il farmaco utilizza un meccanismo di ingresso cellulare unico che, come un “cavallo di Troia”, è in grado di bypassare le principali barriere di resistenza sviluppate dai batteri verso gli antibiotici convenzionali.

“Poter disporre di un antibiotico di nuova generazione, da utilizzare in modo specifico e mirato su particolari ceppi resistenti ed efficace nel ridurre decessi e complicanze, può rappresentare davvero una svolta significativa per i pazienti e uno strumento a disposizione del team di specialisti che in ambito ospedaliero hanno in carico l’adozione di strategie di controllo delle infezioni e di sorveglianza antimicrobica” – spiega il Prof. Matteo Bassetti, Direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova.

“Le evidenze cliniche ottenute con cefiderocol posizionano questo antibiotico come un’importante opzione terapeutica nelle infezioni ospedaliere in pazienti critici, capace di un’attività antimicrobica in vitro superiore a qualunque altra molecola abbiamo oggi a disposizione”.

Il quadro complessivo delle evidenze cliniche, di farmacologia e microbiologia su cefiderocol è rafforzato dall’esperienza che molti Ospedali in Italia hanno già maturato sul farmaco, grazie ad un programma di uso terapeutico anticipato e gratuito messo a disposizione da Shionogi. Ad aver testato in via anticipata l’efficacia di questo nuovo antibiotico, proprio in pazienti in condizioni critiche e molti dei quali affetti da COVID-19, è stata l’Unità Operativa di Malattie Infettive dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana diretta dal Prof. Francesco Menichetti.

“L’epidemia di Covid-19 ha fatto emergere la gravità della ‘crisi’ degli antibiotici, che si sono rivelati inadeguati nel trattare i pazienti con Sars-Cov-2 particolarmente esposti a infezioni batteriche secondarie sostenute da Acinetobacter baumannii resistente a carbapenemi e da altre specie multiresistenti.

Cefiderocol è stata una terapia di salvataggio cruciale per questi pazienti senza alternative terapeutiche, dimostrando

uno spettro batterico molto ampio e diretto verso organismi che sono intrinsecamente resistenti a quasi tutti gli antibiotici” – afferma il Prof. Menichetti. “I risultati con cefiderocol sono stati sorprendenti: il 70% dei pazienti ha infatti raggiunto il successo clinico a 30 giorni dall’infezione, ovvero ha avuto risoluzione di segni e sintomi di infezione in assenza di evento morte e di recidiva microbiologica, e con un numero minore di effetti collaterali rispetto agli altri trattamenti di questa categoria”.

Lo studio condotto dall’Ospedale pisano, pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Clinical Infectious Diseases, è ad oggi la più ampia esperienza in real world condotta con cefiderocol ed è stato effettuato su una coorte di 10 pazienti critici in terapia intensiva affetti da sovrainfezioni da Acinetobacter baumannii o Klebsiella pneumoniae produttrice di NDM, gravemente compromessi e ad elevato rischio di morte.

La disponibilità di cefiderocol rappresenta quindi uno strumento a disposizione del Sistema sanitario nazionale per contrastare l’AMR, ma da solo non basta. Gli esperti concordano sulla necessità di prevedere l’investimento di risorse e di diverse professionalità, di una cooperazione territorio-ospedale più forte, organizzata e continua, di promuovere il corretto uso di antibiotici su più livelli – dal campo veterinario a quello ospedaliero – e strategie condivise di infection control.

Infezioni da batteri Gram-negativi resistenti


La crescente resistenza alle terapie esistenti da parte batteri Gram-negativi, tra cui gli Enterobacterales resistenti ai carbapenemi e le specie non fermentanti come P. aeruginosa, A. baumannii e S. maltophilia, rende difficile il trattamento delle infezioni correlate e provoca alti tassi di mortalità.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha identificato i ceppi di Enterobacterales, P. aeruginosa e A. baumannii resistenti ai carbapenemi come la massima priorità nella ricerca e nello sviluppo di nuovi antibiotici. Cefiderocol è il primo antibiotico che affronta tutti e tre i principali meccanismi di resistenza ai carbapenemi ed è una nuova importante opzione di trattamento per rispondere a questo bisogno insoddisfatto urgente.

Come conseguenza del COVID-19, alcuni pazienti con polmonite virale sotto ventilazione possono sviluppare infezioni batteriche secondarie da patogeni Gram-negativi resistenti ai carbapenemi. Allo stesso modo, nei pazienti con polmonite nosocomiale con infezioni da patogeni aerobi Gram-negativi resistenti ai carbapenemi, cefiderocol può essere considerato come opzione di trattamento.

World Health Organization. Global priority list of antibiotic-resistant bacteria to guide research, discovery, and development of new antibiotics. February 27, 2017. Retrieved from https://www.who.int/medicines/publications/global-priority-list-antibiotic-resistant-bacteria/en/. Last accessed August 2020

World Health Organization. 2019 Antibacterial Agents in Clinical Development. 2019. Retrieved from https://apps.who.int/iris/bitstream/handle/10665/330420/9789240000193-eng.pdf Last accessed August 2020

Tillotson GS. Trojan Horse Antibiotics—A Novel Way to Circumvent Gram-Negative Bacterial Resistance? Infectious
Diseases: Research and Treatment. 2016;9:45-52 doi:10.4137/IDRT.S3156

European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC). Technical Report: the bacterial challenge: time to react. 2009. Retrieved from https://ecdc.europa.eu/sites/portal/files/media/en/publications/Publications/0909_TER_The_Bacterial_Challenge_Time_to_React.pdf Last accessed August 2020

Cassini A, Hogberg LD, Plachouras D, Quattrocchi A, Hoxha A, Simonsen GS, et al. Attributable deaths and disability-adjusted life-years caused by infections with antibiotic-resistant bacteria in the EU and the European Economic Area in 2015: a population-level modelling analysis. The Lancet Infectious diseases. 2018

FETCROJA SMPC. Available at: https://www.ema.europa.eu/en/documents/product-information/fetcroja-epar-product-information_en.pdf Last accessed August

M. Falcone, G. Tiseo, M. Nicastro, A. Leonildi, A. Vecchione, C. Casella, F. Forfori, P. Malacarne, F. Guarracino, S. Barnini, F. Menichetti, Cefiderocol as rescue therapy for Acinetobacter baumannii and other carbapenem-resistant Gram-Negative infections in ICU patients, Clinical Infectious Diseases, 2020 Sept 17- https://academic.oup.com/cid/advance-article-abstract/doi/10.1093/cid/ciaa1410/5907899

Fonte: pharmastar

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021