Notizie primo piano

Asl To4, gara truccata per la fornitura di camici: condannati tre infermieri e un oss

Gli imputati sono stati riconosciuti colpevoli di turbata libertà degli incanti per aver tentato di favorire la Paul Hartmann Spa.

Sono quattro le condanne inflitte dalla gip torinese Rosanna Croce per la gara truccata volta a favorire la Paul Hartmann Spa nella fornitura di camici sterili monouso all’Asl To4.

Advertisements

Loredana Miglietta, 53 anni di Lessolo, caposala dell’ospedale di Cuorgné, dovrà scontare un anno e due mesi di carcere, decisi in rito abbreviato, e 400 euro di multa. E’ stata riconosciuta colpevole di turbata libertà degli incanti, in quanto faceva parte della commissione aggiudicatrice della gara d’appalto.

Insieme a lei, sempre per lo stesso reato, sono stati condannati a un anno e due mesi, più 400 euro ciascuno, altri due componenti della commissione aggiudicatrice: i torinesi Francesco Ceravolo, 54 anni, coordinatore infermieristico dell’ospedale Maria Vittoria, e Valentino Marchesan, 49 anni, coordinatore infermieristico di sala operatoria all’ospedale Giovanni Bosco. La giudice ha poi riconosciuto una provvisionale di 3mila euro per ciascuno degli imputati, a cui si aggiungeranno i danni patrimoniali riconosciuti all’Asl To4, che si è costituita parte civile. La condanna più alta – due anni e 6 mesi – è stata inflitta, sempre in abbreviato, ad Antonio Aurilia, 44 anni, operatore socio-sanitario dell’ospedale Le Molinette di Torino.

Le condanne riguardano solo quattro degli indagati nell’inchiesta “Molosso”, condotta dal pm Giovanni Caspani, nell’ambito della quale, un anno fa, la Finanza aveva eseguito un’ordinanza nei confronti di 19 persone. Gli altri andranno a processo il prossimo 13 gennaio. Il pm Giovanni Caspani ravvisò allora un sistema di corruzione in alcune Asl piemontesi: oltre all’Asl To4, anche quelle di Novara, Asti e Alessandria.

Le indagini partirono dalla denuncia di un dirigente del Cto di Torino dopo aver accertato un ammanco, per un valore di circa 300mila euro, di un prodotto farmaceutico chiamato Bon Alive (sostituto osseo). Nel corso delle indagini furono trovate a casa di un dirigente della Paul Hartamann le foto di tre paia di orecchini da regalare a tre caposala.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Caparezza ai politici “gli infermieri lavorano oltre misura con retribuzioni poco edificanti”. Il video

Il famoso talento Pugliese Caparezza, pseudonimo di Michele Salvemini, nel suo video elogia gli infermieri…

24/01/2022

Uil Fp Taranto “Assumere subito i 566 infermieri vincitori del concorso”

La Uil Fp attraverso una nota inviata alla Direzione Generale della Asl tarantina chiede di…

24/01/2022

Sciopero nazionale degli infermieri il 28 gennaio. Le indicazioni del Nursind

Roma, 24 gennaio – La mancata erogazione dell’indennità di specificità in manovra, una professione usurante,…

24/01/2022

Concorso infermieri Puglia: la regione blocca le chiamate dei vincitori?

Ancora un colpo di scena sul concorso per infermieri pugliese. Dalle nostre fonti, finora sempre…

24/01/2022

Opi Fi-Pt “Tra contagi e sospensioni la carenza d’infermieri si fa sentire”

Opi Firenze-Pistoia: «Serve una cabina di regia per trovare soluzioni condivise» Massai: «Necessario garantire in tempi…

24/01/2022

Nursing Up: 230-350mila unità è il fabbisogno di infermieri nei prossimi anni

Il futuro a tinte fosche della sanità italiana. L'Italia avrà bisogno sempre di più di…

24/01/2022