Notizie primo piano

Piede diabetico: una soluzione dalla medicina rigenerativa

L’argomento è al centro del III Corso avanzato in Medicina-chirurgia rigenerativa polispecialistica organizzato dalla SIMCRI School, in programma oggi e domani a Caserta.

Le cellule staminali, il plasma ricco di piastrine (PRP) e la somministrazione di ozono rappresentano soluzioni efficaci nella cura del piede diabetico, la più comune e più grave tra le complicanze del diabete. È una condizione che può causare infezioni, degenerazioni osteoarticolari e ulcere. Se non correttamente curata, può generare numerosi problemi e portare anche all’amputazione.

Advertisements

In aiuto dei pazienti con lesioni, però, oggi arrivano terapie innovative. Di questi e di altri trattamenti si parla in occasione del III Corso avanzato in Medicina-chirurgia rigenerativa polispecialistica organizzato dalla SIMCRI School, la scuola di formazione professionale della Società italiana di medicina e chirurgia rigenerativa polispecialistica, in programma oggi e domani a Caserta.

“Questa condizione presenta un grande impatto sia sulla vita del paziente, perché può renderlo invalido, sia dal punto di vista economico, perché i costi a carico del Sistema sanitario sono importanti – spiega il professor Michele Angelo Farina, presidente onorario, nonché fondatore SIMCRI e presidente SIMCRI School – . Oggi, grazie alla medicina rigenerativa, possiamo intervenire in modo risolutivo sulle lesioni con tre cure diverse. La prima è l’infusione, nella zona vicina all’ulcera, di cellule staminali provenienti dal midollo osseo, dal tessuto adiposo o dal sangue periferico. La seconda è l’applicazione, direttamente sulla ferita, di un gel realizzato con il plasma ricco di piastrine, detto PRP. La terza è la somministrazione di ozonoterapia per via topica. Questi trattamenti stimolano i fattori di crescita, che permettono la rigenerazione dei tessuti. I procedimenti sono semplici e non traumatico”.

Continua Farina: “Per le ulcere da piede diabetico si utilizza il ‘PRP evoluto’, una particolare versione sviluppata solo negli ultimi anni. La differenza consiste nell’aggiunta della componente monocitaria. Queste cure sono indicate anche per le ferite non diabetiche. Si tratta di un campo di applicazione vasto, basti

pensare che in Italia sono ben 2 milioni i pazienti con ulcere agli arti inferiori. Per la chirurgia vascolare e, in particolare, le arteriopatie, a dare i migliori benefici è l’infusione di staminali. I centri che praticano queste terapie, che possono essere somministrate sia singolarmente che in sinergia, devono essere autorizzati secondo la normativa e seguire le linee guida della nostra società scientifica e del ministero della Sanità”.

Ad aprire l’edizione 2021 della SIMCRI School, anche il professor Eugenio Caradonna, presidente nazionale della Società, e il professor Bruno Amato, chirurgo vascolare presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli. Durante la due giorni si parla anche degli altri campi di applicazione della stimolazione dei fattori di crescita. Ne viene analizzata l’utilità in ortopedia (con un focus su traumi e patologie del ginocchio), malattia venosa cronica, medicina sportiva ed estetica (con particolare attenzione all’utilizzo nel trattamento dell’invecchiamento cutaneo, dell’alopecia e della cellulite).

“Al corso partecipano 50 giovani, tra cui medici (per la maggior parte ortopedici, chirurghi vascolari e chirurghi plastici), infermieri, biotecnologi, biologi e biochimici – conclude Farina –. Per noi è importante poterli formare, perché la medicina rigenerativa entra in modo trasversale nelle diverse discipline e accomuna i professionisti che utilizzano i fattori di crescita, l’ozonoterapia, i biomateriali e le cellule staminali. Si tratta di trasmettere novità e conoscenze: oltre a occuparci di medicina clinica facciamo infatti anche tanta ricerca in laboratorio”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Caparezza ai politici “gli infermieri lavorano oltre misura con retribuzioni poco edificanti”. Il video

Il famoso talento Pugliese Caparezza, pseudonimo di Michele Salvemini, nel suo video elogia gli infermieri…

24/01/2022

Uil Fp Taranto “Assumere subito i 566 infermieri vincitori del concorso”

La Uil Fp attraverso una nota inviata alla Direzione Generale della Asl tarantina chiede di…

24/01/2022

Sciopero nazionale degli infermieri il 28 gennaio. Le indicazioni del Nursind

Roma, 24 gennaio – La mancata erogazione dell’indennità di specificità in manovra, una professione usurante,…

24/01/2022

Concorso infermieri Puglia: la regione blocca le chiamate dei vincitori?

Ancora un colpo di scena sul concorso per infermieri pugliese. Dalle nostre fonti, finora sempre…

24/01/2022

Opi Fi-Pt “Tra contagi e sospensioni la carenza d’infermieri si fa sentire”

Opi Firenze-Pistoia: «Serve una cabina di regia per trovare soluzioni condivise» Massai: «Necessario garantire in tempi…

24/01/2022

Nursing Up: 230-350mila unità è il fabbisogno di infermieri nei prossimi anni

Il futuro a tinte fosche della sanità italiana. L'Italia avrà bisogno sempre di più di…

24/01/2022