Ancona, “Nessuna condotta antisindacale”: sulla sospensione degli infermieri no vax il Tribunale dà ragione agli Ospedali Riuniti

L’Azienda vince la battaglia giudiziaria contro i sindacati Laisa e Nursing Up, che le contestavano un’omissione dell’informativa sindacale.

La sentenza è lapidaria: non c’è stata omessa informativa sindacale da parte degli Ospedali Riuniti di Ancona nell’applicare il precetto fissato dal Decreto legge 44, che prevede la sospensione dall’attività lavorativa per i sanitari che non intendono sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid. Con queste motivazioni il Tribunale di Ancona ha respinto il ricorso presentato dai sindacati Laisa e Nursing Up, che contestavano all’Azienda la violazione dell’articolo 28 dello Statuto dei lavoratori per condotta antisindacale in relazione alla presunta omessione dell’informativa sindacale. A soli tre giorni dalla firma della determina che stabiliva la sospensione di altri sei dipendenti no vax, la struttura ospedaliera del capoluogo marchigiano vince dunque la battaglia giudiziaria.

Advertisements

Il nodo del contendere: una mancata trasmissione degli atti. Sentito dal Corriere Adriatico, il direttore amministrativo Antonello Maraldo riordina le caselle di priorità e certezze: “Premetto che in materia di sicurezza sul lavoro l’informativa non è obbligatoria, e malgrado ciò l’abbiamo fatto. Il giudice ha ritenuto corretto il nostro operato, ha pronunciato anche il difetto di legittimazione attiva del sindacato Laisa”. Per intenderci, si tratta di quello guidato dall’infermiere no vax Enzo Palladino, sospeso dall’incarico. Un sindacato “che non ha rappresentatività su scala nazionale e che, come riportato dal decreto del giudice, raggiunge appenala soglia dello 0,02%”

.

Prosegue Maraldo: “L’accertamento di un comportamento antisindacale può in alcuni casi degenerare in conseguenze penalmente rilevanti”. Ma così non è stato. A ribadire la piena legittimità dell’azione aziendale, c’è anche “la condanna totale alle spese di lite a carico delle due sigle sindacali”. Aggiunge il direttore: “La direzione esprime soddisfazione per la conferma ottenuta dal giudice. Da noi il sistema di relazioni sindacali è sempre stato improntato a principi di correttezza”.

Finora sono 15, tra infermieri, operatori socio-sanitari, ausiliari e medici (solo uno), i dipendenti sospesi dagli Ospedali Riuniti. Precisa Maraldo: “Non c’è alcuna intenzione punitiva. E’ solo un’azione per tutelare la salute della collettività”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Emergenza infermieri in Italia: proposte di ripresa e sviluppo della professione

Si è tenuto il 22.06.2022 a Milano presso la Sala Pirelli l'evento organizzato dall'associazione “Orgogliosamente Infermieri”(OMINF) dal…

30/06/2022

Audizione Fnopi in Commissione d’inchiesta sul femminicidio al Senato: 5 proposte per contenere la violenza di genere

Infermieri in prima linea l'odioso fenomeno. La Federazione lancia anche l'allarme anziani. Gli infermieri di…

30/06/2022

Lodi, pubblica il video di un balletto in corsia su TikTok: operatrice trasferita in un altro ospedale

Il provvedimento del direttore generale dell'Asst è motivato dal nuovo regolamento interno sull'uso dei social.…

30/06/2022

Infermieristica, cala il numero di laureati. Mastrillo (UniBo): “Per la prima volta negli ultimi 11 anni è sotto 10mila”

Da noi contattato, il docente in Organizzazione delle professioni sanitarie all'Università di Bologna si dice…

30/06/2022

Oculisti: rischia danni gravi alla cornea chi fa il bagno al mare o in piscina con le lenti a contatto 

In aumento in Italia le infezioni da Acanthamoeba, oltre un caso al giornoI 4 milioni…

30/06/2022

Roma, gli oss manifestano in piazza: “1.500 assunti durante la pandemia e ora lasciati a casa”

Circa 100 manifestanti si sono riuniti in piazza Santi Apostoli per chiedere un maggior risconoscimento…

30/06/2022